Ti Press
CARONA
15.11.18 - 12:410

Restauro della Chiesa di Santa Marta, chiesto un credito di 308mila franchi

Il Municipio ha licenziato il messaggio all'indirizzo del Consiglio Comunale in vista della seconda fase dei lavori

LUGANO - Il Municipio ha licenziato all'indirizzo del Consiglio Comunale un messaggio con la richiesta di un credito di 308'000 franchi quale contributo per la seconda tappa dei lavori di restauro della Chiesa di Santa Marta a Carona. L’intervento rientra nella strategia del Municipio volta a tutelare il patrimonio artistico, storico e culturale dei quartieri della Città.

Le opere previste di restauro riguardano gli interni e gli elementi decorativi della Chiesa di Santa Marta a Carona (affreschi, stucchi, pavimenti, organo positivo processionale). La parte antica dell’edificio è impreziosita da pregevoli affreschi del periodo tardo gotico, già oggetto di un parziale restauro avvenuto nel 1947. L’organo, verosimilmente di scuola lombarda, è uno dei pochi esemplari conservati in Ticino: il recupero di questo strumento di comprovato valore storico costituisce un’occasione importante di studio. Sono inoltre previste la realizzazione di una nuova recinzione in legno per il sagrato esterno e la sistemazione dell’impianto elettrico, di illuminazione e di riscaldamento.

Gli interventi realizzati nella prima tappa dei lavori hanno permesso di risanare il tetto e di implementare un sistema di drenaggio delle acque piovane per tutelare gli affreschi, gli intonaci e gli stucchi dal degrado dovuto alle intemperie. La Chiesa, di proprietà dell’Arciconfraternita del Gonfalone Maggiore di Santa Marta, è tutelata quale bene culturale di interesse cantonale. L’edificio, nel quale la chiesa primitiva funge da atrio, consiste in un’aula unica con due cappelle laterali e coro rettangolare.

Il Cantone contribuirà al finanziamento dell’opera con un sussidio pari a circa il 40% dell'importo necessario per l’intervento, che richiede un investimento complessivo di 1,2 milioni di franchi. L’intervento di restauro beneficerà anche di un sussidio federale. Il progetto è curato dall’arch. Luca Giordano, con la supervisione dell’arch. Endrio Ruggiero e della dott.ssa Lara Caldelari, Ufficio dei beni culturali.

Il messaggio con la richiesta di credito di 308'000 franchi viene sottoposto all’esame del Consiglio comunale. 

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
1 ora

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
3 ore

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
5 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

MURALTO
21 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile