Tipress
CANTONE
30.10.18 - 12:500

«Quei soldi finivano nelle pubbliche relazioni»

Nel processo per l’università fantasma di Chiasso, prendono la parola gli imputati

LUGANO - «Per raggiungere quota 516 studenti iscritti in tre anni, non abbiamo speso nemmeno un centesimo in pubblicità. Ci siamo basati soltanto sulle pubbliche relazioni». È quanto sostiene il cittadino italiano di sessant’anni che, assieme a una 48enne, compare oggi alle Criminali presiedute dal giudice Marco Villa per rispondere di diversi reati finanziari relativi alla gestione e al fallimento della IPUS di Chiasso, poi di UNIPOLISI di Disentis, nei Grigioni.

Il dibattimento si è aperto stamattina con l’interrogatorio in merito al primo capo d’imputazione: la ripetuta amministrazione infedele e qualificata. A mente dell’accusa, rappresentata dalla procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti, gli imputati avrebbero prelevato dai conti di IPUS i soldi delle rette versate dagli studenti: li avrebbero utilizzati per scopi personali, e sarebbero anche finiti su conti di società e associazioni riconducibili all’imputato.

Ma il sessantenne, negando ogni addebito, afferma appunto che buona parte dei soldi finiva nelle pubbliche relazioni per il reclutamento di nuovi iscritti. Si sarebbe dunque trattato di spese a favore di IPUS.

Per quanto riguarda poi UNIPOLISI, creata a seguito del fallimento di IPUS, l’imputato sostiene che in tale attività non avrebbe più avuto nessuna autonomia decisionale sugli aspetti finanziari: «Non ho mai amministrato UNIPOLISI» ribadisce, spiegando che il denaro trasferito era autorizzato per rispettare gli accordi con gli studenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Immagini violente, propaganda, Isis e pedopornografia
C'è la richiesta di pena per i due presunti islamisti a processo: tre anni e sei mesi per uno, 34 mesi per l'altro
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Contratti di tirocinio: «La situazione sta migliorando»
Lo afferma la Segreteria di Stato per la formazione secondo cui ne sono finora stati stipulati il 90% di quelli del 2019
BELLINZONA
4 ore
Casa anziani di Sementina: «L'UDC fa sciacallaggio a scopo elettorale»
Il PPD risponde alle accuse rivolte dai democentristi a Soldini, Morisoli e ai dipendenti della struttura.
CANTONE
6 ore
Brutti ma buoni contro lo spreco alimentare
«I due terzi dei consumatori sono disposti ad acquistare una quantità maggiore di questi prodotti»
CANTONE
8 ore
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BELLINZONA
10 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
LUGANO
12 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
SVIZZERA
1 gior
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
1 gior
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
FOTO
CANTONE
1 gior
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile