CANTONE
11.10.18 - 15:150

Cantonali 2019: «Più donne, più democrazia»

Lo chiede la Federazione delle associazioni femminili Ticino. I dati d'altra parte sono desolanti: zero donne in Governo, solo una su quattro in Gran Consiglio

MASSAGNO - In vista delle elezioni cantonali di aprile 2019, FAFTPlus, la Federazione delle associazioni femminili Ticino, lancia una campagna per più donne in politica. «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare - sottolinea la federazione in un comunicato odierno -. La democrazia ha bisogno anche del loro contributo. Non è solo una questione di giustizia. Ci sono molti altri buoni motivi».

In Svizzera, quasi il 52% della popolazione è rappresentato da donne, ma la percentuale delle elette nei Parlamenti e Governi cantonali è tra il 24-26%, mentre in Consiglio nazionale è del 32% e solo del 15% nel Consiglio degli Stati (dati 2015).

Dati desolanti in Ticino - In Ticino, l’elettorato femminile si attesta attorno al 54%, ma oggi in Consiglio di Stato le donne rappresentano lo 0% e in Gran Consiglio solamente il 25.5%.

I motivi della campagna - «Non è solo una questione di pari opportunità e giustizia, ma anche di equa rappresentanza della realtà, dove le donne ci sono e contano, e dunque dovrebbero esserci e contare anche nello spazio pubblico», spiega FAFTPlus.

#iovotodonna vuole quindi accorciare le distanze tra le cittadine e la politica attiva, ma anche far riflettere i partiti e l’elettorato sui benefici per le istituzioni democratiche di promuovere talenti femminili, sia per rinnovare il personale politico, sia per arricchire il confronto sui temi di interesse collettivo.

La campagna - #iovotodonna ha l’obiettivo di sensibilizzare le donne, i partiti e l’opinione pubblica sui benefici di una maggiore presenza femminile in politica.

Elemento centrale della prima parte della campagna è l’esortazione «Proponiti per le prossime elezioni cantonali 2019» seguita dalla spiegazione «È ora che la politica riparta dalle donne, che hanno talento, competenze, idee e voglia di fare. Donne tanto normali da essere straordinarie e di cui il Ticino ha più che mai bisogno».

La seconda parte della campagna, che partirà a fine inverno, avrà invece come obiettivo quello di convincere l’elettorato a votare una candidata donna e sarà incentrata sul dare visibilità alle candidate di qualsiasi partito, schieramento e movimento.

A sostegno della campagna è stato creato un sito internet dedicato: www.iovotodonna.ch e una community su Facebook: www.facebook.com/iovotodonna e l'hashtag #iovotodonna

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
Più donne non vuol dire più democrazia. Ho visto ancora recentemente (ieri per la precisione) due donne che si prendevano per i capelli.
Ulysse Golden 1 anno fa su fb
Piu donne ma competenti, non per avere una parita maschi et femmine
Simone Canepa 1 anno fa su fb
Non è maschilismo, ma quando penso alle donne in governo, che sia cantonale o federale, mi vengono in mente la sommaruga e alla widmer-schlumpf, e mi viene l'angoscia...
Danny50 1 anno fa su tio
Più donne più disastri. Basta guardare le consigliere federali sin da quando sono state eleggibili ed elette. Un immane danno per la Svizzera, con Dreyfuss e Schlumpf che detengono la medaglia d’oro !
skorpio 1 anno fa su tio
Occorre votare chi merita ed è capace....il problema è che non c è nessuno con questi requisiti, voterò in bianco, se voterò..
Laura Bernasconi 1 anno fa su fb
Ma anche no, chi dice donna dice danno !!!!
Massimo D'Onofrio 1 anno fa su fb
Competenze pf.
SSG 1 anno fa su tio
Ma mi sembra ovvio che bisogna votare solo le persone capaci. Perché altrimenti io voglio uno con la barba lunga per rappresentare gli uomini barbuti, una con il "davanzale" formoso che rappresenta la categoria delle superdotate, un ciccione per i golosi, una tappetta per i nani da giardino, ecc..
matteo2006 1 anno fa su tio
Non guardo il genere o il cognome o il taglio di capelli o che abito porta o che sia destra o di sinistra non mi importa; un candidato deve dimostrare di essere competente e offrire soluzioni.
LAMIA 1 anno fa su tio
Bravo Nikooo.. Io voto chi è capace e chi dimostra di meritarlo MA QUESTO deve valere ANCHE PER I CONSIGLIERI FEDERALI..
Nikooo777 1 anno fa su tio
Io voto chi se lo merita e ha le capacità giuste. Semplice
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 ore
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
7 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
9 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
10 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
13 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
16 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
16 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
20 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
20 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile