LUGANO
24.09.18 - 17:590

Lugano Città del Gusto: buona la prima, si pensa alla seconda

Nelle tre location cittadine sono state coinvolte circa 15'000 persone

LUGANO - Si è chiusa ieri sera la kermesse che, per 11 giorni, ha proposto oltre 100 eventi enogastronomici nella città e nel suo distretto. In totale nelle tre location cittadine sono state coinvolte circa 15.000 persone.

Lugano Città del Gusto è stata anche una “cartolina” di grande impatto, data l’importante esposizione mediatica avuta dall’evento, sia al nord delle Alpi che in Lombardia, per i tanti turisti che l’hanno visitata in questi giorni, assicurano gli organizzatori.

«Raramente di una manifestazione si è parlato e letto così tanto in Ticino», ha dichiarato il sindaco di Lugano Marco Borradori, «una presenza così capillare di tutti i media è dovuta senza dubbio al grande valore culturale della manifestazione. Gli organizzatori hanno portato avanti il progetto con interesse, passione ed entusiasmo, e altrettanto ha fatto la Città, che è soddisfatta del buon risultato. Siamo felici di aver dato il là a qualcosa di nuovo, Lugano Città del Gusto ha tracciato una nuova via».

Richiesto un bis - Successo di pubblico per la mostra “Il gusto di ieri, oggi e domani”, ospitata a Villa Ciani, che ha visto, tra i protagonisti, anche la Compagnia Finzi Pasca e la Facoltà di Scienze Informatiche dell’USI, dosando poesia, cultura, tecnologia e storia.

L’esposizione è piaciuta così tanto agli organizzatori della prossima edizione dell’evento, prevista tra il 12 al 22 settembre 2019 a Montreux, che Jean-Baptiste Piemontesi, Municipale responsabile di cultura e turismo, ha espresso la volontà di replicare il prossimo anno l’esposizione nella città vodese. «Nello spirito originario del progetto della Città del Gusto c’era l’idea di far incontrare realtà territoriali diverse per settore e competenze, riuscendo a metterle in sinergia. Questo sogno è diventato realtà anche, e non solo, nel caso della mostra» fanno sapere gli stessi organizzatori.

Laboratori del gusto - Buona anche la partecipazione del pubblico ai laboratori del gusto al Palazzo dei Congressi che ha proposto conferenze, incontri, lezioni e workshop con produttori e professionisti ticinesi che hanno potuto raccontare ai partecipanti i segreti del settore, con una formula a metà strada tra didattica e gusto. Alcuni appuntamenti hanno registrato il tutto esaurito nelle sale del Palazzo dei Congressi, come quelli a tema birra, pane, come anche l’incontro con Joan Roca, uno degli chef migliori al mondo, a Lugano per parlare di enogastronomia e turismo, un tema di grande attualità a livello internazionale.

Conferenze - Ottimi anche i risultati di pubblico del ciclo di conferenze della Fondazione CardioCentro Ticino, che è servito a fare chiarezza su molti aspetti dell’alimentazione sana. Gli incontri a cura di Slow Food Ticino e Bio Ticino hanno “colorato” la manifestazione presentando tanti prodotti rari e particolari.

Tempo di bilanci, ma anche occasione per guardare già al futuro, visto che nonostante il passaggio del testimone a Montreux, Lugano resterà Città del Gusto, con nuovi progetti per il 2019.

«Dobbiamo ringraziare in primis la Città di Lugano che ci ha supportato e sostenuto fin dall’inizio del progetto», dichiara Dany Stauffacher, presidente del Comitato organizzativo di Lugano Città del Gusto, «bisogna inoltre ricordare il grande contributo delle aziende private che hanno creduto nel progetto finanziandolo per l’80%. Senza di loro, un programma così ambizioso e di qualità non sarebbe stato possibile. Ora si guarda già avanti: la rete che siamo riusciti a costruire non andrà persa, e da parte nostra cercheremo di concentrarci sui temi che sono stati trainanti in questa edizione».

Infine, ciliegina sulla torta della manifestazione è stato il «grandissimo successo» della rassegna “Polpet-ti amo!”, che ha coinvolto 45 ristoranti di Lugano e del suo distretto. Nelle più rosee aspettative di Lugano Città del Gusto, c’era il desiderio di poter contribuire, nel suo piccolo, al rilancio della piazza gastronomica locale. E, in effetti, la polpetta ha fatto centro nei cuori gourmet dei luganesi. Questo piatto popolare e rivisitato da ogni chef con estro personale, ha raggiunto numeri record: sono state servite quasi 10.000 porzioni di polpette da quando è iniziata “Polpet-tiamo!”. Guido Sassi, noto ristoratore della piazza luganese, ha dichiarato: «È stata un’idea vincente, quella della polpetta, e ha creato un indotto non trascurabile: sono contento che una manifestazione come Lugano Città del Gusto abbia saputo coinvolgere anche la categoria dei ristoratori in modo attivo».

«E se il caldo della coda estiva ha tenuto un po’ lontani i visitatori dal Villaggio del Gusto al Centro Esposizioni, ha favorito i ristoranti del distretto, molti dei quali continueranno a proporre polpette nei loro menù, dato il grande riscontro di pubblico» assicurano infine gli organizzatori.

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
10 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
12 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
17 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
18 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
20 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile