Tipress
VATICANO
21.09.18 - 12:010
Aggiornamento : 12:41

Premio Ratzinger a Mario Botta: «Sono sorpreso e onorato»

L'architetto ticinese riceverà il prestigioso riconoscimento direttamente da Papa Francesco

CITTÀ DEL VATICANO - «La prima reazione di fronte a questo riconoscimento è stata ovviamente quella di sorpresa. Il fatto curioso è che all'interno di una società secolarizzata, emerge una ricerca, uno studio, un'architettura che trova nello spazio del sacro la sua ragione più profonda, la sua ragione prima». È il commento dell'architetto ticinese Mario Botta, ai microfoni di Radio Vaticana Italia, dopo l'annuncio che, insieme alla teologa bavarese Marianne Schlosser, gli sarà conferito quest'anno il Premio Ratzinger, il 17 novembre dalle mani di papa Francesco.

«Vuol dire che non è per niente marginale il tema, ovvero la tipologia dello spazio di silenzio, di preghiera, di meditazione che rappresentano i luoghi di culto», prosegue Botta. «Il Premio - osserva - dimostra che essi sono oggetto di attenzione persino del Papa. Attraverso la geometria che caratterizza la base di questa mia ricerca, di questa mia composizione architettonica, ecco che ritroviamo gli elementi propri della cultura architettonica che per quanto mi riguarda è una cultura ecclesiale. La mia formazione è tutta ecclesiale».

Botta, tra i maggiori architetti contemporanei, spiega che «se tolgo le tipologie ecclesiali nella storia dell'architettura resta ben poco: qualche castello, qualche palazzo civile, ma meno significativo - certamente - di tutto il corpus edilizio legato ai luoghi di culto che dal romanico o ancora dal primitivo fino al Rinascimento, al Barocco, all'800, al 900, fino a Rudolf Schwarz e al sodalizio straordinario con Guardini, hanno caratterizzato questi particolari spazi che ancora oggi - qui risiede il grande significato di questo premio - però sono elementi di grande bellezza metaforica all'interno della civiltà contemporanea».

Tra i concetti spesso espressi da Botta il fatto che «alla base del progettare architettonico c'è la ricerca primordiale dell'infinito». «Sì, l'architettura porta con sé l'idea del sacro. Il primo gesto architettonico è quello di determinare un perimetro, un contorno, un limite e questo fa parte dell'idea stessa dell''ecclesia' che separa un interno dal grande macrocosmo esterno. È un recupero dei valori primordiali del fatto architettonico stesso, dell'idea di gravità, della luce come generatrice dello spazio, dell'idea della soglia come separazione tra un interno ed un esterno».

Botta ritiene comunque che «l'architettura abbia dato il meglio, ma anche il peggio nella sua espressione contemporanea proprio attraverso gli spazi di culto. Le istituzioni preposte al silenzio, alla preghiera, alla meditazione talvolta hanno avuto delle immagini abnormi che non hanno nulla a che vedere con la ricerca della bellezza». «Ritengo che questo - forse - sia dovuto un po' a degli sbalzi ideologici, basti pensare agli approcci post-sessantottini, dove si teorizzava persino che la miglior chiesa era quella nei garage o nelle grandi fabbriche, nelle grandi strutture dismesse, come se il sacro potesse trovare espressione non importa dove. C'è tutta questa cultura post-sessantottina che deve essere rivista. Credo che sia stato un bene tentare di resistere a questa finta democratizzazione dello spazio di culto», conclude.

Il ticinese è tra l'altro autore di una delle dieci cappelle esposte nel padiglione della Santa Sede nell'Isola di San Giorgio, alla Biennale di architettura in corso a Venezia, dove è ospite oggi, per iniziativa del Dicastero vaticano per la Cultura e del cardinale Gianfranco Ravasi, per l'incontro "Geometrie dello Spirito. Un viaggio tra architettura, cultura e musica".

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
«Serve un nuovo Skate Park, altre pezze non hanno senso»
Le anime di ieri, Yari Copt, e di oggi, Daniele Stamerra, evidenziano i pesanti acciacchi della struttura. Alla Città, da sempre collaborativa, gli skater chiedono una nuova "area street"
FOTO
LUGANO
3 ore
Lacrime ed emozioni: fiaccolata per Matteo
Un momento di riflessione per il trentacinquenne ucciso lo scorso 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello. Diverse le persone presenti
LUGANO
3 ore
«Nella sezione PPD di Lugano c’è maretta»
Si è dimesso Luca Campana, membro dell’Ufficio presidenziale e responsabile comunicazione
CANTONE
5 ore
La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio
Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale
CANTONE
5 ore
Dalla seconda alla prima classe? Solo se te lo dice il controllore
Il diritto di avere un posto a sedere non esiste. Anche quando i treni sono sovraffollati la valutazione spetta al personale delle FFS. Ma per chi sgarra non sempre è prevista una multa
CEVIO
9 ore
Infortunio sul lavoro, ferite gravi per un 51enne
L'uomo stava assicurando con delle cinghie alcuni tubi in pvc sul cassone di un camion, quando è caduto da un'altezza di circa tre metri
CANTONE
10 ore
Supporto allo studio e false scuole: «Come si è attivato il DECS?»
Lara Filippini e cofirmatari interrogano il Consiglio di Stato sulle prestazioni offerte dalla Clinical Pedagogy International Sagl
FOTO E VIDEO
LUGANO
14 ore
Fumo in Piazza Cioccaro, arrivano i pompieri
Nel palazzo sono in corso dei lavori di ristrutturazione
BIASCA
16 ore
«Io, perseguitato da Berna, fuggo dal Ticino»
È stato accusato di essere un trafficante d'armi. Poi l'accusa è caduta. È stato in carcere. Ora chiede giustizia. Ma qualcuno oltre Gottardo continua a legargli le mani. È la storia di Arnaldo La Scala, ticinese scambiato per siciliano.
BELLINZONA
18 ore
«I nostri giardini allagati ogni volta che piove forte»
La singolare situazione di un 44enne di Camorino e dei suoi vicini: «Il terreno da cui proviene l’acqua è comunale. Eppure da mesi nessuno fa niente». Le autorità: «Ci attiveremo»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile