keystone
LUGANO
04.09.18 - 18:040
Aggiornamento : 19:49

Formula E, Borradori: «Noi ci siamo, spetta a loro scegliere»

Il sindaco di Lugano conferma i contatti con gli organizzatori della corsa di auto elettriche: «Hanno urgenza di trovare alternative dopo il "no" di Zurigo. Noi abbiamo detto sì, ma con dei paletti»

LUGANO - Quasi certi del "no" di Zurigo a una nuova edizione della corsa di auto elettriche, gli organizzatori dello Swiss ePrix avevano già preso (ma sarebbe il caso di dire ripreso) contatto con il Municipio di Lugano nelle scorse settimane. A confermarlo è il sindaco di Lugano, Marco Borradori. «Hanno iniziato a farsi vivi già a partire dal 6 di agosto», ammette. 

È seguìto un incontro informale tra il Municipio e organizzatori della corsa, e uno «più formale» il mese scorso. Incontro avvenuto, ci tiene a precisare Borradori «su loro richiesta». «Erano in difficoltà, deduco per la decisione di Zurigo resa nota oggi. Avevano quindi l'urgenza di trovare alternative». 

Non solo Lugano - Lugano non è l'unica opzione che la Formula E avrebbe preso in considerazione: «Sono stati trasparenti e ci hanno confermato di aver contattato anche Berna. Il nostro vantaggio è che abbiamo un circuito omologato. Ma la decisione spetta assolutamente a loro. Hanno sponsor importanti che possono determinare una o l'altra scelta», prosegue il sindaco.

Borradori conferma di essersi messo a disposizione: «Abbiamo posto tutte le condizioni del caso. La nostra posizione, d'altra parte, è molto rilassata. Per noi non c'è nessun problema nel caso scegliessero altre destinazioni. Ma dovessero optare per Lugano dovranno sottostare ai paletti che abbiamo imposto».

Costi e paletti - Centrale sembra essere la questione dei costi. Che Lugano non ha intenzione di assumersi: «Abbiamo chiesto che siano loro a farsi carico di tutte le spese, lo stesso d'altra parte ha fatto anche Berna. La Città, insomma, non sborserà nulla. Inoltre dovranno "rimettere in carreggiata" tutto quello che modificheranno per la gara». 

Tra gli altri requisiti chiesti dalla Città vi sono: trasporti adeguati per l'avvicinamento alla gara; seminari con la Supsi su sostenibilità e energie alternative, oltre alla possibiltà di vedere un circuito alternativo per i prossimi anni, in grado di ridurre l'impatto sul quartiere. «Noi siamo in corsa - conclude Borradori -. Una risposta dovremmo averla a breve, probabilmente già nei prossimi giorni. Lugano, dovesse ospitare la gara, sarà sicuramente più trendy, ma c'è il risvolto della medaglia, un ingombro e delle criticità non indifferenti che non abbiamo intenzione di sottovalutare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
casi89 1 anno fa su tio
hola verbania.se ce una che non capisce sei proprio ut.scusami ma non tutti possono essere intelligenti come te,ed e meglio.perche non vai in governo?
nordico 1 anno fa su tio
Anche Berna è interessata. E con Berna non si scherza. Lo dice anche Cassis.
rojo22 1 anno fa su tio
@nordico ... e se lo dice lui...
madras 1 anno fa su tio
Chi vivrà vedrà.
casi89 1 anno fa su tio
lasciate perdere.non sprecare millioni per niente.con questi soldi si potrebbe in piccola parte,finanziare i premi cassa "MALATA" ¨!
Verbania 1 anno fa su tio
@casi89 Meglio non commentare un articolo che non hai capito. Quali milioni?
Ilaria PG 1 anno fa su fb
E i Verdi dove sono, che tanto si stanno impegnando per contrastare il rally? ?
Mirko Zxy 1 anno fa su fb
Tranquilli ieri sera intervistati dal Quotidiano questi verdi scassa marroni , hanno detto che faranno ricorsco con la scusa che per il tracciato verranno abbattuti degli alberi ,???
mgmb 1 anno fa su tio
Le monete di stagno non servono a niente, vogliamo le monete d'oro, quelle si che ne vale la pena." Borradori" lascia perdere, la formula E non vale una moneta di stagno. La formula E non sarà mai una formula 1, é e sarà un fallimento, non interessa a nessuno.
Esse 1 anno fa su tio
@mgmb 3 numeri (...dati del 2015) (nel frattempo è cresciuta esponenzialmente) 1 - 5,2 miliardi di interazioni sui social media 2 - fino a 361.500 spettatori a bordo pista (1a edizione e-prix di Zurigo 160000 ; F1 Monza 2017: 185000) 3 - pubblico TV globale cumulativo di 190,3 milioni
Lore62 1 anno fa su tio
@mgmb ...>>La formula E non sarà mai una formula 1<<... non hai idea di cosa scrivi, tempo ancora qualche decennio e come tutti i mezzi di trasporto odierni la F1 va al museo...
Gio65 1 anno fa su tio
Lo scorso anno ve la siete fatta scappare perché qualche ottudo municipale non era disposto a "spostare" qualche albero mi pare di ricordare...d'altro canto siete sempre molto lungimiranti vedi aereoporto...
Sì totale Motorsport Svizzera Ja gesamt Motorsport Schweiz 1 anno fa su fb
Visto che loro ci sono, Borradori batta anche per riportare il Motorsport totale in Svizzera!
TOP NEWS Ticino
CANTONE
45 min
A rischio, e senza soldi
Alcuni operatori sanitari faticano ad arrivare a fine mese. Pur fornendo «servizi essenziali». L'appello
BALERNA
7 ore
«Il mio bimbo intubato una settimana, ma ora sta bene»
Kevin, 11 mesi, soffre di problemi respiratori. Il Covid-19 ha colpito anche lui.
VIDEO
MORCOTE
9 ore
Inguardabili ieri e oggi
Le immagini e il video dei fantocci scaccia cormorani appesi da mesi alle porte del villaggio turistico.
CANTONE
11 ore
Informazione, l'arma contro l'esodo
La strategia dell'autorità per scoraggiare l'arrivo sotto Pasqua di turisti confederati si baserà sull'informazione
CHIASSO
13 ore
Quindici contagiati in dogana? «Noi tuteliamo i collaboratori»
L'Amministrazione federale delle dogane non fornisce numeri, ma garantisce il rispetto della distanza sociale
COMANO
14 ore
Auguri Sandra Zanchi: la "regina" compie 98 anni
Versatile, ironica, unica. Una leggenda del teatro dialettale ticinese taglia il traguardo in perfetta salute
CANTONE
15 ore
Aziende sì, bar con calma e niente over 65: ecco quando riaprirà il Ticino
Con l'Italia come esempio, il nostro Cantone può programmare come ricominciare.
LUGANO
15 ore
Aeroporto Lugano, referendum posticipato al 28 giugno
È stata spostata la data della votazione per il risanamento dello scalo luganese. Non si vota più il 26 aprile
CANTONE
16 ore
«Il 5-10 per cento»
Sono i ticinesi entrati in contatto con il virus, secondo il medico cantonale. Che lancia un appello oltre Gottardo
LUGANO
18 ore
Troppa gente in giro, la Città si chiude
Le aree a lago non saranno più accessibili al pubblico. Posticipata anche l'apertura del Lido.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile