Ti Press
CHIASSO
27.08.18 - 15:300
Aggiornamento : 16:31

Mendrisiotto dimenticato dalle FFS? «Il nostro sguardo è sull'intero Cantone»

Le Ferrovie federali rispondono a chi sostiene che vi sia uno smantellamento di posti di lavoro e di investimenti nella regione momò

CHIASSO - La situazione dei posti di lavoro in seno alle FFS nel Mendrisiotto, ed in particolare a Chiasso, fa discutere. Dibattito che ha spinto le Ferrovie Federali a ribadire, con un comunicato stampa, che la crescita nel corso degli ultimi anni è stata costante a livello cantonale e che un quarto dei collaboratori FFS in Ticino è attivo nella regione momò.

«Il numero di collaboratori a livello ticinese è costantemente cresciuto nel corso degli ultimi 10 anni e circa 1/4 del totale è attivo nel Mendrisiotto; le FFS orientano tuttavia il proprio sguardo sull’intero Canton Ticino e non sulle singole regione», affermano, precisando poi che, rispetto a 30 anni fa, «grazie alle innovazioni tecnologiche e alla digitalizzazione che hanno interessato tutti i settori della società, il fabbisogno di manodopera e i profili della stessa siano cambiati e con essi le strutture organizzative delle aziende».

Ribadendo che «la regione del Mendrisiotto riveste una grande importanza per le FFS» e citando come esempi «gli importanti investimenti presso la stazione di Chiasso, per la nuova fermata di Mendrisio – San Martino, per l’area di smistamento tra Chiasso e Balerna e per la nuova linea transfrontaliera tra Mendrisio e Varese», le FFS ribadiscono che non si vogliono cancellare posti di lavoro, «bensì mantenere le infrastrutture, gli immobili e i servizi al passo coi tempi e con le necessità dell’utenza». I 10 posti di lavoro di Chiasso, come riportato oggi da alcuni media, non saranno cancellati, bensì trasferiti a Pollegio a partire da aprile 2019. Decisione che rientra in una più ampia strategia a livello svizzero atta a centralizzare i collaboratori del traffico ferroviario nelle 4 centrali d'esercizio e rendere così più effettivo il lavoro.

Infine, le FFS sottolineano come attualmente nel solo Canton Ticino vi siano 130 persone in formazione in 12 professioni differenti. 

Fonio: «Sono geniali, lo ammetto» - La risposta delle FFS ha lasciato basito Giorgio Fonio, co firmatario dell'interrogazione bis presentata al Governo sul "complicato rapporto" fra FFS e Mendrisiotto: «Nella loro risposta dicono che non è vero che licenziano, ma semplicemente spostano i posti di lavoro. Sono geniali, lo ammetto».

E rilancia: «Sono sempre più convinto che la regione debba unirsi e difendersi chiedendo e pretendendo che non vengano più delocalizzati posti di lavoro, che si torni a valorizzare il carattere Internazionale della stazione di Chiasso e ci si impegni per portare nel Mendrisiotto nuovi settori che creerebbero nuovi posti di lavoro».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gmogi 3 anni fa su tio
Mi piacerebbe sapere quanti (ex) apprendisti diplomati quest’anno hanno lasciato a casa qui in Ticino...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
11 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
12 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
14 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
19 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
20 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
21 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
23 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
1 gior
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
1 gior
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile