Martina Spinelli, ProNatura Ticino
GAMBAROGNO
22.08.18 - 18:080
Aggiornamento : 21:12

Le 300 cicogne scacciate con i petardi

La misura si è resa necessaria per la sicurezza aerea sul Piano di Magadino. Ma c'è chi trova nota la difficile convivenza tra la riserva naturale e il vicino aerodromo

GAMBAROGNO - Come noto, nel corso della giornata di martedì uno stormo di cicogne bianche in migrazione ha fatto sosta in Ticino. Numerosi esemplari si sono fermati sul Piano di Magadino.

Naturalmente attirati dalla riserva delle Bolle di Magadino, ricca in prede per nutrirsi, i volatili hanno fatto sosta nei prati dell’aerodromo di Locarno-Magadino. Da qui, però, sarebbero state sloggiate dagli addetti del campo d’aviazione tramite petardi lanciati appositamente (vengono chiamate misure di “birdcontrol”).

Le cicogne e altre categorie di uccelli sono d'altra parte un rischio concreto per i piloti (il cosiddetto “Birdstrike”).

«Le direttive internazionali in materia di sicurezza di volo indicano chiaramente che va evitata la costruzione di aeroporti in prossimità di zone attrattive per gli uccelli - spiega Nicola Patocchi, della Fondazione Bolle di Magadino -. Le piste di Locarno Magadino sono in piena aerea protetta».

«Il rischio più grande - sottolinea Patocchi - è per i piccoli jet. Per fortuna fino ad oggi non si sono verificati incidenti gravi, ma se dovesse succedere è già chiaro che le autorità aeroportuali dovranno inasprire le misure di allontanamento degli uccelli. La Commissione Scientifica della Fondazione Bolle di Magadino da anni segnala questo problema di convivenza, poiché molto preoccupati delle possibili conseguenze sulla riserva. Purtroppo il problema è da sempre stato minimizzato dai responsabili».

Pattocchi spiega come nel 2016 la Commissione Scientifica abbia dovuto chiedere una perizia a due esperti internazionali i quali «hanno confermato la pericolosità dell’aerodromo Locarno Magadino riguardo al rischio potenziale di incidenti con gli uccelli». «Da allora - conclude -, di fronte all’evidenza dei fatti, i responsabili dell’aerodromo hanno cominciato ad allontanare attivamente gli uccelli dalle piste, senza autorizzazione nè coordinamento con gli esperti delle Bolle. A precise richieste di procedure di autorizzazione e di coordinamento da parte della Fondazione e delle Associazioni svizzere per la protezione della Natura non si è mai entrati in merito».

Questo mentre il Cantone progetta il prolungamento (150 m) della pista. «Le esigenze del  “birdcontrol” per questi aerei dovranno essere effettuate sull’intero corridoio di decollo e atterraggio, quindi anche nel cuore stesso della zona protetta, habitat di quasi 300 specie di uccelli» aggiunge Patocchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
34 min
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
1 ora
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
CANTONE
2 ore
Otto nuovi contagi, una persona in ospedale
I casi registrati nel nostro cantone dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'363. I decessi restano 350.
MENDRISIO
2 ore
Erbe aromatiche self-service a Mendrisio
La città ha lanciato un nuovo progetto didattico e sociale che strizza l'occhio al verde.
FOTO E VIDEO
CASTIONE
4 ore
Tamponamento a catena tra quattro veicoli, un ferito
Chiusa la corsia in direzione nord, il traffico viene deviato. Sul posto polizia e ambulanza
CANTONE
5 ore
Case di lusso: il lockdown non ferma gli italiani
La gestione della pandemia da parte della Confederazione piace ai compratori della penisola
CANTONE
7 ore
Trasferirsi in Ticino? C'è chi ti aiuta psicologicamente
Dalle pratiche burocratiche, alla scuola dei figli. Fino a toccare la sfera affettiva. C'è chi si occupa di tutto
CANTONE
7 ore
Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu
Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown
FOCUS
16 ore
Viaggio nell'inferno delle torture siriane
Benvenuti a Coblenza, nel primo processo della storia per crimini contro l’umanità in Siria
AGNO
18 ore
Dopo tanta paura vera, i brividi del Luna Park
L'estate luganese non rinuncia al divertimento all'aperto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile