tipress
CANTONE / BERNA
20.08.18 - 14:590

"Società ombra": spetta alle autorità controllarne il funzionamento

Risponde così il Consiglio federale ad un'interpellanza del consigliere nazionale Giovanni Merlini

BERNA - Spetta alle autorità di ogni Cantone controllare, se necessario, le iscrizioni al registro di commercio ed eventualmente intervenire quando vi è il sospetto di trovarsi di fronte a una società finanziaria "ombra" o "bucalettere" che agisce in modo opaco oppure non rispetta determinati obblighi. È quanto si deduce dalla risposta scritta odierna del Consiglio federale ad un'interpellanza del consigliere nazionale Giovanni Merlini (PLR/TI).

Di fronte al proliferare di società "bucalettere", specie nel Moesano (GR) ma con attività anche in Ticino, Merlini si chiedeva se non fosse il caso di intervenire per mettere un freno ad attività talvolta fraudolente (truffe o riciclaggio).

Non di rado, poi, queste società vengono pilotate verso il fallimento onde ottenere indennità di disoccupazione e prestazioni assistenziali. Per il deputato ticinese, al fine di arginare il fenomeno, si potrebbero obbligare gli Uffici del registro di commercio (URC) ad informare l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) e l'Organismo competente di autodisciplina in materia di antiriciclaggio in caso di iscrizione di società finanziarie.

In alternativa si potrebbe condizionare l'iscrizione alla prova dell'avvenuta affiliazione all'autorità di vigilanza, oppure esigere un estratto del casellario giudiziale di chi intende procedere a tale iscrizione.

Ciò che serve per l'iscrizione nell'URC - Nella sua risposta, il governo rammenta che le imprese che si fanno iscrivere nell'URC devono indicare un domicilio legale. L'impresa deve essere fisicamente raggiungibile per le autorità e i clienti: una semplice bucalettere o una casella postale non bastano.

L'esecutivo giudica poi superfluo un obbligo di notifica delle autorità dell'URC alle autorità di vigilanza o agli organismi di autodisciplina dal momento che il registro è pubblico, quindi consultabile in rete dai Cantoni, che possono far fare ricerche secondo determinati criteri, selezionando le società che rientrano nella loro competenza.

L'estratto del casellario giudiziale eventualmente necessario per ottenere l'autorizzazione per una determinata attività va esaminato dalla pertinente autorità di autorizzazione e non dall'URC, aggiunge il Consiglio federale. Sarebbe inoltre sproporzionato a suo avviso esigere un estratto da ogni persona che intende iscriversi all'URC.

TOP NEWS Ticino
AGNO
4 ore

Fiamme da una canna fumaria, due intossicati

Due anziani sono stati visitati dai soccorritori della Croce Verde di Lugano a causa del denso fumo che ha invaso un'abitazione di contrada San Marco

FOTO
MENDRISIO
5 ore

«La mia esperienza shock: ecco dove mi hanno curato»

Disavventura sanitaria per un giovane ticinese in Sicilia. Durante una vacanza, il ragazzo è stato vittima di una banale lussazione alla spalla. E poi…

CANTONE
7 ore

Contagio da epatite C, ricusato il giudice Quadri

Nuovo colpo di scena nella vicenda che si protrae dal 2013. La Corte dei reclami penali ha accolto la richiesta degli avvocati difensori dell'Eoc

BIOGGIO
7 ore

Incidente nel sottopassaggio, il 30enne rischia la vita

A comunicarlo è la Polizia cantonale. L'uomo è un cittadino svizzero domiciliato nella regione

FOTO E VIDEO
BIOGGIO
9 ore

Sbanda, si rovescia e si ferisce in modo serio

L'incidente è avvenuto nel sottopassaggio di via Molinazzo. L'uomo è stato trasportato al pronto soccorso del Civico

FOTO
BREGGIA
13 ore

Dalla mostra di legno alle bombolette spray

Mercoledì un lato della chiesa di Cabbio è stata imbrattata

CANTONE
13 ore

Le donne non si fanno fermare dalla pioggia

Alcune via di Bellinzona sono state simbolicamente ribattezzate in onore delle donne che hanno contribuito allo sviluppo del nostro cantone a 50 anni dal suffragio femminile

LUGANO
17 ore

Controllo notturno in un locale: 57 persone in più e 2 minorenni

All'esterno è stata rinvenuta una pistola scacciacani. Tre individui sono stati denunciati per reati alla Legge federale sugli stupefacenti

LOCARNO
18 ore

In assistenza e col vizio del furto: finirà in carcere per 50 giorni

Reati a raffica per un 34enne che tra insulti alla polizia, minacce, furti e consumo di stupefacenti “obbliga” il procuratore pubblico ad aprirgli le porte della prigione

VIDEO
MENDRISIO
1 gior

Ecco come Bussenghi sfotte l'Italia

Striscia La Notizia, finita nella bufera per il servizio sui "poveri svizzeri, chiede aiuto all'attore locarnese Flavio Sala. Basterà?

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile