Tipress
CANTONE
18.07.18 - 07:450
Aggiornamento : 09:45

Finto suicidio: «Ci sono altri casi dubbi in Ticino»

Emilio Scossa-Baggi, ex capo della polizia scientifica, analizza il delitto perfetto di Monte Carasso: «Non è come nei film. Se ti mancano le prove, non puoi andare oltre»

MONTE CARASSO – L’hanno trovata morta dissanguata. Dopo che l’ex marito l’aveva soffocata e le aveva tagliato le vene. Eppure, per gli inquirenti, il caso della donna di Monte Carasso, classe 1969, misteriosamente deceduta nel luglio del 2016, era stato archiviato come suicidio. Solo i sensi di colpa dell’uomo, un 48enne residente a Minusio, e la sua confessione depositata di recente a Locarno, hanno fatto emergere la verità.

Come è possibile che chi si è occupato dell’indagine non si sia accorto che quello era un omicidio?

«Il delitto perfetto esiste – sostiene Emilio Scossa-Baggi, ex capo della polizia scientifica cantonale –. E quello di Monte Carasso ne aveva potenzialmente le caratteristiche». 

Lei, all’epoca, era ancora a capo della scientifica. Cosa si ricorda di questa vicenda?
Poco. E, per evidenti ragioni, non vorrei entrare nel merito della vicenda specifica. Passò come uno dei vari casi di suicidio con cui eravamo confrontati. Pur con i diversi accertamenti scientifici effettuati, autopsia compresa. Sulla scena del crimine non erano emersi evidentemente elementi che potessero fare pensare a un chiaro intervento di terzi.

Eppure, i conoscenti della vittima sostengono che la donna stesse attraversando un periodo felice. L’ipotesi del suicidio a molti è subito sembrata strampalata. Ma la polizia…
Gli inquirenti hanno bisogno di elementi indiziari, di prove concrete o di un movente per procedere all’arresto di una persona. Non c’erano in particolare persone sospettate per un possibile intervento di terzi. 

Si sarebbe potuto fare di più?
Difficile dirlo. È molto più facile col senno di poi... Si fa quello che si può. Un’indagine non la porta avanti solo la Scientifica. Ci sono anche altri attori, tra cui la polizia giudiziaria, la Magistratura. Può essere che nell’iter si facciano anche degli errori o si sottovalutino alcuni elementi. È umano.

Insomma, le cose non funzionano sempre come nei film.
Assolutamente. Non è proprio come nei film. Anche la storia ticinese conta alcuni casi clamorosi, chiusi solo perché non si avevano prove, o perché non si sono verificati i presupposti per approfondire. Se mancano gli elementi, non lo puoi fare.

Sta dicendo che in circolazione potrebbero esserci altri potenziali autori di delitti mai puniti?
Non dico nulla di strano. Se, per esempio, uno venisse spinto giù dalla diga, come si farebbe a dimostrare che non si sia suicidato? Oggi le tecniche a nostra disposizione sono sofisticate. Ma non arrivano ancora dappertutto. Alcune volte si archiviano provvisoriamente i casi, in attesa che emergano nuovi elementi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
8 ore
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
8 ore
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
10 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
11 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
13 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
17 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
18 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
1 gior
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile