Tipress
CANTONE
11.07.18 - 17:190

ARL: la firma dell’ex direttore «falsificata per mesi»

L’ex dirigente risulterebbe tuttora iscritto quale responsabile della società nel registro dei professionisti del settore

BELLINZONA - Un comunicato «che lascia allibiti», «facendo leva su un falso pretesto» ed esponendo «alla gogna mediatica» l’ex direttore delle Autolinee Regionali Luganesi (ARL). È con queste parole che il legale di Curzio Bernasconi - l’avvocato Marco Broggini - risponde a quanto dichiarato lo scorso 3 luglio dal Dipartimento del territorio, che in una nota riferiva di nuove potenziali irregolarità inerenti l’ammontare delle retribuzioni dell’ex dirigente.

«Non corrisponde assolutamente al vero che sarebbero emerse ulteriori irregolarità e che si sarebbe resa necessaria una segnalazione al Ministero pubblico, in realtà mai avvenuta», prosegue Broggini che dal suo canto rivela invece alcuni «gravissimi fatti» emersi nelle ultime settimane, questi sì segnalati sia al Ministero pubblico che all’Ufficio federale dei trasporti.

Nonostante l’allontamento di Bernasconi dall’azienda, avvenuto nell’autunno dello scorso anno, quest'ultimo risulterebbo tuttora iscritto nell’apposito registro dei professionisti del settore quale responsabile della ARL SA. Società - rivela Broggini - che per mesi avrebbe «ripetutamente falsificato la firma dell’ex direttore sui documenti di viaggio necessari».

L’ex direttore, lo ricordiamo, è indagato per amministrazione infedele a seguito di alcune irregolarità emerse nei conti dello scorso anno durante l’assemblea di novembre.

2 sett fa Nuovi guai per l'ex direttore delle ARL
6 mesi fa Soldi sottratti dall'ex direttore, le ARL accusatrici private
Potrebbe interessarti anche
Tags
ex direttore
direttore
arl
bernasconi
irregolarità
broggini
firma
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report