Tipress
LUGANO
11.07.18 - 15:480

Una "cassaforte" digitale ticinese per l’Istituto Paul Scherrer

Il Centro di calcolo ospiterà in futuro i dati generati dai propri impianti di ricerca

LUGANO - In futuro, i dati raccolti dai grandi impianti di ricerca dell’Istituto Paul Scherrer (PSI) di Villigen saranno salvati e archiviati presso il Centro svizzero di calcolo scientifico (CSCS) di Lugano, grazie a una collaborazione fra i due istituti.


Il PSI e i suoi ricercatori utilizzano da circa 15 anni il supercomputer del CSCS, che ora ospiterà anche la grande mole di dati generati dai grandi impianti di ricerca del nuovo laser a raggi X SwissFEL e da Swiss Light Source (SLS). Complessivamente vengono trattati ogni anno fino a 20 petabyte di dati. Per intenderci: se si volesse salvare un petabyte di dati su DVD, ne servirebbero 200’000.


Attualmente il CSCS mette a disposizione degli utenti una Tape Library per l’archiviazione dei dati con una capacità di memoria pari a 120 petabyte. Entro il 2022, il PSI trasferirà circa 85 petabyte di dati al CSCS, in cui verranno archiviati. Nello specifico, circa 35 petabyte risultano dagli esperimenti del SwissFEL e 40 petabyte da SLS. Nel corso dei prossimi cinque anni, se necessario, la capacità di memoria sarà aumentata fino a 2000 petabyte, in modo da poter soddisfare il crescente fabbisogno in Svizzera di memorizzazione e archiviazione dei dati.

Tags
petabyte
dati
cscs
istituto paul scherrer
paul scherrer
psi
istituto paul
scherrer
petabyte dati
paul
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report