BELLINZONA
04.07.18 - 09:430

Casa Marta chiede aiuto per partire

Mancano ancora alcune adesioni per far partire la struttura di prima accoglienza per le persone in temporanea difficoltà

BELLINZONA - Proseguono i lavori preparatori per la realizzazione del Progetto di Casa Marta, struttura di prima accoglienza per le persone in temporanea difficoltà e in particolare senza alloggio e rete sociale che si vuole realizzare a Bellinzona, riattando lo stabile fatiscente e in stato di totale abbandono in Via Guisan 3 E.

L’esperienza dei primi sei mesi del 2018 e il sovraffollamento di Casa Astra di Mendrisio, finora unico Centro del genere nel Cantone e «che si vede costantemente obbligata a rifiutare decine di richieste di assistenza», hanno nuovamente evidenziato l’estrema urgenza di un simile progetto per il Sopraceneri.

Tuttavia la raccolta fondi non ha finora ancora permesso di raggiungere i risultati auspicati e richiesti dal Municipio (che sostiene il progetto) per concedere alla Fondazione il Diritto di superficie.

Pur potendo contare su un credito ipotecario bancario, alla Fondazione necessiterebbe ancora almeno un milione di franchi.

Quindi l’inizio dei lavori, inizialmente fissato per la fine di agosto, deve obbligatoriamente venir rinviato di alcuni mesi.

Il Consiglio di fondazione lancia perciò un appello a tutte le persone, associazioni, fondazioni, parrocchie, ditte e imprese che condividono gli obiettivi sociali e urgenti del progetto a sostenerlo concretamente con delle donazioni.

In queste settimane si sta costituendo un Gruppo di sostegno al quale hanno finora già aderito oltre una ventina di personalità provenienti da vari ambiti (politico, religioso, socio-sanitario e culturale): Bruno Balestra, Mauro Baranzini, Mario Branda, Marina Carobbio, Marco Chiesa, Orlando Del Don, Nina Dimitri, fra Martino Dotta, Michele Ghielmini, Mons. Piergiacomo Grampa, Pelin Kandemir Bordoli, Mons. Valerio Lazzeri, Filippo Lombardi, Pietro Majno-Hurst, Graziano Martignoni, Giovanni Merlini, Alberto Nessi, Giorgio Pellanda, Fulvio Pelli, Fabio Pusterla, Laura Sadis, Paolo Tognina e Marco Zappa.

 

Per maggiori dettagli ed informazioni rivolgersi alla Fondazione Casa Marta 

Allegati
TOP NEWS Ticino
ARBEDO-CASTIONE
23 min
Camion bloccato in un sottopasso
È successo attorno alle 16 in territorio di Arbedo
CANTONE / CONFINE
42 min
Turismo degli acquisti, primi furbetti pizzicati in dogana
Registrato un aumento del 20% del traffico transfrontaliero
CANTONE
1 ora
«Dopo 93 giorni mia figlia ha riabbracciato il papà e i nonni»
Il racconto di una mamma: «Il bene di mia figlia è più forte delle incomprensioni fra genitori». E anche del coronavirus
CANTONE
3 ore
«Aveva perso la fiducia di tutti»
L'ex comandante Antonini sconfessato dal Tribunale amministrativo federale. Confermata la sospensione
CANTONE
4 ore
Il ballottaggio per il Consiglio degli Stati è valido
Lo ha stabilito il TRAM, che ha respinto il ricorso presentato lo scorso novembre dall'avvocato Gianluca Padlina
CANTONE/CONFINE
4 ore
Ticinese fermato in dogana, rischia la multa per un giornale
Nel caso specifico si è chiuso un occhio. Niente multa, ma l'acquisto è stato lasciato oltre confine.
CANTONE/BERNA
6 ore
Non chiamateli omicidi "passionali"
Femminicidio: le deputate ticinesi Gysin e Carobbio chiedono una svolta linguistica (ma non solo) nel codice penale
CANTONE
6 ore
Covid: un positivo e zero decessi
Dall'arrivo del coronavirus nel nostro cantone si registrano complessivamente 3'316 contagi
CAMORINO
8 ore
Danni e sporcizia alla Capanna Cremorasco
Atti di vandalismo da parte di alcuni ignoti. Il Patriziato di Camorino ha sporto denuncia.
MORBIO INFERIORE
8 ore
«Il Covid si è preso mio papà a 67 anni, questo brano è per lui»
Federico Perpignano è morto il 14 marzo, è il sesto ticinese deceduto per coronavirus. L’iniziativa del figlio Davide.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile