Tipress
LUGANO
01.07.18 - 15:170
Aggiornamento : 18:51

«Non vogliamo uno spazio culturale d'élite»

Il Centro sociale Il Molino prende posizione sul progetto della Città di trasformare l'ex macello in un'agorà della cultura popolare

LUGANO - Un’agorà della cultura popolare negli spazi dell’ex Macello di Lugano? «Potremmo quasi parlare di un progetto a prima vista accattivante», ma in verità si tratta della «tendenza di creare dei recinti omologati cultural-alternativi per cercare di negare e di spegnere le realtà conflittuali e autogestite sul territorio». È quanto sostiene il Centro sociale autogestito Il Molino in merito alla proposta di riconversione e valorizzazione del comparto di recente avanzata dall’Esecutivo cittadino.

Con un investimento di 26 milioni di franchi, la Città intende dare spazio a manifestazioni ed eventi multidisciplinari, coworking e costudying, ristorazione, caffè letterario, infopoint e ricezione. Oltre ad alloggi per studenti e turisti. Si tratterebbe, secondo il Municipio, di «un luogo aperto, un luogo fruibile da tutta la popolazione, per l’incontro, lo scambio di idee e la socialità». Ma non per il Centro sociale, che da oltre vent’anni in quegli spazi porta avanti un progetto, anche culturale. E in una presa di posizione parla della proposta cittadina come di «una pseudo fotocopia ufficiale, legalizzata e di haute gamme di quello che già avviene settimanalmente e gratuitamente o quasi, negli spazi del Molino».

Il Centro sociale si batte allora contro la trasformazione di una realtà già esistente in «un privilegio culturale d’élite, con prezzi non propriamente “culturali”, alloggi studenteschi da università semiprivata, caffè culturale radikal-chiccoso eccetera».

Un incontro per parlarne con le autorità? Il Centro sociale non ci sta più, a seguito degli «ultimi disastrosi incontri di due anni orsono». E conclude: «Qua siamo e qua resteremo». L’invito del Molino è dunque di «lottare e opporsi a questa visione della città dall’alto».

Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
...e aggiungo é inutile rimanere ancorati ad un luogo che é diventato logoro e strucido altrimenti si fa la fine di tutti quelli che la pensano come il campione o il fenomeno che vuole insegnare la vita agli altri e parlo del CdT lettera/aperta/macello. Io a questo signore lo farei lavorare duramente come ho lavorato in tutta la mia vita fino ad oggi che lavoro ancora giorno e a volte non dormo neppure la notte ad assistere chi ha bisogno di cure e di presenza costante.
siska 1 anno fa su tio
Mah capisco sempre di più come mai questo cantone é misero già di suo pieno di mentalità retrograde tipo quello che ha scritto sul Cdt di oggi madreeeeee miaaaaaaa ma uno così gli farei farei il giro della Lüina ma non sugli sci bensì a piedi nudi e a calci nelle terga. L'unico neo che a me personalmente non é piaciuto per nientee per nulla dell'ex-macello quando hanno invitato quell'esemplare "umano???" e qui mi fermo perché non mi do in pasto per altri che la pensano come me. Ma avercela con un'associazione di giovani e meno giovani solo e perché presentano artisti, musicisti etc. etc. e odi certi commenti mah, del mio prossimo non mi fido a prescindere e parlo di quelli che si credono migliori degli altri, sono poi quelli che hanno leccato il culo ad un sacco di gente per ottenere un posto di lavoro e fanno la morale agli altri é questo che mi incavolare....alla larga da gente così sono poi quelli che appena svolti l'angolo... mettono nel culetto facilmente. E allora che si facciano mantenere solo enti e associazioni che vengono aiutati finanziariamente anche dal cantone. Gli occupanti dell' ex-macello dovrebbero mollare sto macello che non gli porterà fortuna a lungo termine e farsi aiutare dal Municipio di Lugano a trovare un'altra sistemazione, sarebbero più lungimiranti se riuscissero ad entrare in questa ottica.
vulpus 1 anno fa su tio
Siamo alla frutta con questa esperienza. Quando è nata c'erano nomi illustri, figli di politici di punta, per cui andavano assecondati. Oramai quei fanciulli sono quasi nonni, e chi ancora rivendica con parolone che vorrebbero dimostrare la propria cultura, ma solo parole straniere che sanno di nulla, si attacca ad uno status quò, in quanto via da lì, più nessuno li vorrà ospitare, e la pacchia terminerà di colpo.Agiscono a loro uso e consumo. Alla città han portato solo problemi. Ora i cittadini ne hanno piene le scatole. E quando anche la sinistra dimostra malcontento , il temporale si avvicina. Preparare valigie e ombrelli, sembra l'unico consiglio.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Per me c'è un equivoco di fondo... i "ragazzi" non stanno occupando un bel niente... sono lì con il beneplacito de municipio... lo stesso che si fa con altre associazioni non a scopo di lucro di interesse per la popolazione... :-)))))
OCP 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato Commento interessante se riesci a spiegare oggettivamente e seriamente quale interesse per la popolazione sono i "molinari".
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@OCP Esattamente lo stesso interesse di molte associazioni... quello di chi lo frequenta... :-))))
OCP 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato Ovviamente... quindi direi solo loro ;-)
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@OCP Come molte associazioni... a beneficiarne sono i partecipanti... che c'è di strano?... d'altronde sono parte della popolazione, no?
sedelin 1 anno fa su tio
i molinari, se rispettassero la democrazia, entrerebbero in DIALOGO. ma loro preferiscono mettere un muro anziché un ponte, perciò sono dei perdenti in partenza. il resto, appena qui sotto, sono blablabla.
siska 1 anno fa su tio
@sedelin ..ah ah ah na sedelada d'acqua süüi tanti crapon da sedel che i gira dapartütt....mi una sedelada d'acqua a ga lù dai a quaidün tantu temp e leva béla fregià.
Cleofe 1 anno fa su tio
questi sono 20 anni che fanno i parassiti...altro che dialogo
ni_na 1 anno fa su tio
@Cleofe Ma come si permette... Io definirei parassiti decisamente altri elementi della società, un indizio: portano giacca e cravatta.
siska 1 anno fa su tio
@Cleofe No si sbaglia signora Cleofe, ma va benissimo se lei crede ancora a queste "cose" é affar suo ed é la sua opinione. Le rammento che i parassiti sono ben altre persone quelle che le "succhiano" o diciamo pure le calpestano i sacrifici del suo sudore che equivale al suo denaro che lei guadagna per se stessa e per la sua famiglia.
Cleofe 1 anno fa su tio
@siska io la penso proprio cosi. Gente che occupa da 20 anni un edificio a sbaffo della cittadinanza, per me e' abuso. Parassitismo. Facciamo che vengo a casa sua per una decina d'anni senza pagare, poi vediamo se non la pensa come me. Tutti socialisti con il ...degli altri.
siska 1 anno fa su tio
@Cleofe ...si ho capito ed é il suo punto di vista ma le ripeto che a mio avviso il parassitismo vero e proprio sta tutto da un'altra parte mi creda. Ogni fine mese ci parassitano per pagare i premi di cassa malati con dentro gli stipendi di tutta una piramide di persone e se lei accetta tutto questo ( ci portano via una grande fetta del nostro salario e sudore), lo stato medesimo pieno di persone da salariare ci parassita e di conseguenza parassita anche sui poveri cittadini/e quelli che a malapena ci stanno dentro ecco cara signora Cleofe questi sono i veri parassiti ma il dramma che nessuno se ne accorge perché é sempre stato così e accettano a testa bassa. La politica medesima parassita chiedendo soldi quindi dove stanno i veri parassiti se vogliamo usare questa parole nel vero senso e significato?
ToMaTe_81 1 anno fa su tio
@ni_na Certo ni_na hai ragione, Cleofe sei una maleducata. :-) Se quelli in giacca e cravatta sono i parassiti come definisci quelli che approfittano delle loro imposte, delle imposte di tante altre persone in t-shirt e jeans o tuta da lavoro che vanno a lavorare per mantenere la famiglia, faticano ad arrivare alla fine del mese, devono dare parte dei loro guadagni per mantenere un centro su suolo pubblico senza nemmeno possibilità di decidere se gli interessa o meno e devono sottostare alla loro "legge" senza poter proferire parola altrimenti guai?
siska 1 anno fa su tio
@ni_na Gentile signora ni_na le do perfettamente ragione ottimo al 300%! soprattutto dediti a consumi di "cravatte"....ma nessuno dice niente.
ni_na 1 anno fa su tio
@ToMaTe_81 Era solo un indizio, se le persone fanno fatica ad arrivare a fine mese non è certo colpa di un luogo occupato che altrimenti sarebbe andato in rovina, ma di chi delle persone come me e te se ne frega altamente e continua a promuovere politiche dannose. Inutile farsi la guerra tra poveri.
ni_na 1 anno fa su tio
Come dice qualcuno nei commenti sotto, a Lugano manca la mentalità, si vede che si fa fatica a uscire dai confini di vetrine e salotti buoni. Ci sono persone stufe di stare in vetrina e ospiti dei salotti altrui. Tognola poi dichiara di non amare i salotti, fa davvero sorridere perché ha reso il Turba un circolo chiuso, dove tutti potenzialmente possono andare ma in pochi ne hanno voglia e i prezzi sono proibitivi. Sempre assurdo quindi che sia proprio lui a parlare anche di prezzi alti. Facile giudicare, facile dire "hanno rotto le scatole" oppure "che diritto hanno di..". Come ha ricordato bene la municipale di cui ora mi sfugge il nome, se il posto non fosse stato occupato probabilmente non esisterebbe nemmeno più. Inoltre: troppo facile confrontare con realtà di una natura completamente diversa, in città come Ginevra o Zurigo, oppure di Lugano, dove però gli spazi sono in affitto o di proprietà di amici e o parenti. (E anche questi vengono osteggiati, cosa assolutamente ingiusta.) Forse il dialogo è venuto a mancare dal momento che è stato escluso a priori ma cala dall'alto dopo che un progetto coi fiocchi è già stato preparato e definito. In ogni caso per quanto si sbuffi o si faccia fatica a immaginare che al molino esista una realtà culturale di valore (però poi si scopre che non chi parla così non c'è mai veramente andato) tenete bene a mente che chi ama il molino e lo spirito che lo anima c'è. Senza bisogno di essere anarchici o persone ai margini della società, come si cerca di dipingere chi lo frequenta. Persone normalissime amano e sostengono il Molino e le sue iniziative, anche se non per forza in tutto e per tutto quello che fa. I lati positivi di questo posto però non si possono dimenticare, mi dispiace, nonostante le dichiarazioni di certi personaggi inamidati che fanno solo i propri interessi e nonostante il silenzio di altre realtà che sostengono purtroppo solo tacitamente il luogo dove magari sono perfino cresciute.
siska 1 anno fa su tio
@ni_na ..eh ma questi signori che se la sono presa duramente con gli inquilini del ex-macello sono tutti signori e signore che vogliono darsi un'immagine ma é tutta gente legata stretta alla politica in salsa tutta ticinese e sono borghesi che credono che il mondo giri attorno a loro, ma a questi signori e signore dico una sola cosa: NON È COSÌ! Il mondo gira e questi si attaccano alle vetrine prendendo l'esempio di altre città, io le conosco le città da loro menzionate e non hanno neppure un millesimo di millesimo a confronto di Lugano che oggi la ritengo una brutta città, immaginate che a Locarno (a pochi kilometri da lugano) perlomeno la vive 4/5 mesi, città culturale conosciuta mondialmente e riceve ogni anno migliaia e migliaia di turisti, come pure visitatori di un certo spessore.
siska 1 anno fa su tio
Certo, i molinari non saranno una vetrina per la città di Lugano soprattutto a fronte dell'invito fatto a quello là che ha fatto..........molte persone e cose orribili. Ma come scritto in un altro articolo senza commenti ( articolo di un Plr luganese presumo) io rispondo che Lugano non é già una vetrina di suo e da ben molto tempo e cioé: traffico soffocante, ingorghi da farti venire la nausea, cantieri aperti uno dopo l'altro, palazzi che sembrano le città tra l'inferno e il purgatorio, città, quella di Lugano, brutta sotto ogni aspetto perché disordinata e disarmonica nelle costruzioni, negozi chiusi e negozi che chiudono, alberi tagliati in ogni angolo della città e non erano tutti malati e da tagliare, turismo mordi e fuggi perché i turisti vanno nel Locarnese o nella vicina Italia.. ettecredo! prezzi fuori di cozza anche nel misero mercato del sabato, gente che cammina per strada buttando la loro pattumiera nel fiume Cassarate e sono tutte persone adulte, in pensione perché li si vede lontano un miglio e ancora due cose, un Lac che non sa di nulla mezzo vuoto o semmai qualche palcoscenico con orchestrine patetiche lounge/brunch...e per finire solo bar/baretti e ristoranti nulla di più. Quindi sig. Tognola, lei non sarà un salottiero (ma lo dice lei) ma che volete migliorare la vetrina luganese all'ex-macello mi viene solo da ridere anche perché politicamente ci fareste solo entrare chi volete voi e soprattutto non lascereste più nessuno spazio a chi il talento l'ha nel sangue ma non é figlio di, nipote di, amico di. Allora fate entrare solo persone elittarie va benissimo così. Questo é quanto penso e scrivo. .....dai che fate ridere, la città di Lugano non ha ancora progettato una pista ciclabile degna di nota, l'unica città svizzera sempre in coda alle altre città svizzere...ah ah ah ah
Tato50 1 anno fa su tio
Io qualcuno che li fa sgomberare mi viene in mente. Il problema è che quelli che penso lo fanno quando sono dentro !!!!
sedelin 1 anno fa su tio
@Tato50 ...altrimenti che sgombero é se non sono dentro?
Nicklugano 1 anno fa su tio
Possibile che un'intera città è da decenni schiava di questi fenomeni da baraccone ed a quanto pare intende restarlo per i prossimi decenni ?
sedelin 1 anno fa su tio
chi rifiuta di dialogare perde in partenza. ho sempre sostenuto la cultura popolare/alternativa ma, signori molinari, siete palesemente nel torto perché soltanto i vigliacchi rifiutano il dialogo e il confronto.
ToMaTe_81 1 anno fa su tio
Ultimi incontri 2 anni orsono? vedo che il dialogo va avanti spedito per una risoluzione rapida e soprattutto pacifica. Ultimo appunto: ambiente radical chiccoso eccetera? in tal caso nel nuovo centro ci dovrebbero sguazzare come balene nell'oceano questi personaggi (non nei mari giapponesi quelli sono pericolosi per le balene ma quelli belli protetti e ovattati).
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Da uomo di sinistra, che vive la città e a favore della cultura alternativa, dico che i molinari hanno veramente rotto le palle. Si metta a confronto le proposte, la cura degli spazi, la capacità di dialogo dei ragazzi del Morel con quelli del Molino. Ve la siete cercata, mi dispiace.
VISIO 1 anno fa su tio
Molinari occupate stabili pubblici con tanta arroganza e prepotenza, ma chie pensate di essere? dei dittatori ai quali non va bene nulla
fonta 1 anno fa su tio
Molinari, ma chi vi ha interpellato? Non dovreste perdere l’occasione per tacere!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
55 min
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
2 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
2 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
3 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
5 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
5 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
6 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
7 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
9 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
10 ore
Uccise la nonna e poi le diede fuoco
Il 6 luglio 2018 un delitto scosse la comunità di Caslano. Il nipote a processo per assassinio
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile