Fotolia
CANTONE
25.06.18 - 16:130

Docce al microscopio per battere la Legionella

Passaggio di competenze al Laboratorio cantonale che vigilerà  sugli autocontrolli degli impianti accessibili al pubblico situati in piscine, case di cura o alberghi

BELLINZONA - I ristagni d’acqua nelle tubature delle docce possono nascondere un batterio subdolo, la Legionella. Trasmessa tramite inalazione delle goccioline contaminate dal germe, la malattia del legionario può sfociare in un’infezione polmonare dagli esiti problematici, anche gravi. Che si tratti di un problema da non sottovalutare emerge anche dai dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica dove spicca l’aumento dei casi registrati in Svizzera, dai 219 del 2008 ai 464 dello scorso anno.

In Ticino la lotta contro la Legionella vedeva fino a poco tempo fa in prima linea l’Ufficio del medico cantonale. Vedeva, perché la novità sta nel passaggio di competenze dei controlli al Laboratorio cantonale. A causa della revisione totale della legislazione federale i requisiti dell’acqua usata per bagnarsi il corpo sono finiti nell’apposita "Ordinanza sull’acqua potabile e sull’acqua per piscine e docce accessibili al pubblico" (Oppd). L’acqua delle docce diventa così «oggetto d’uso» e per il Laboratorio cantonale s’allarga il suo campo d’azione che già comprendeva lidi e piscine (ma non le docce) e laghi. Un compito in più per il direttore Marco Jermini: «L’aspetto fondamentale - puntualizza - è che piscine e docce devono essere autocontrollate dal gestore. Noi passeremo a verificare questo autocontrollo». Ad essere toccati dal cambiamento sono gli impianti accessibili al pubblico, non solo quindi le docce nelle piscine, ma anche in ospedali, case di cura e alberghi.

I nuovi compiti comporteranno, continua Jermini, «un aumento del carico di lavoro, che cercheremo di gestire con le risorse attuali e con il rinforzo di un’unità e mezzo votato dal Gran Consiglio».  Dopodiché si fa affidamento anche al buonsenso dei gestori e all’autocontrollo (per il quale sul sito del Laboratorio è stato pubblicato un modello-guida). Tra gli aspetti da tenere d’occhio nella lotta contro la Legionella vi sono le temperature dell’acqua calda e la frequenza del controlli microbiologici (raccomandati 2 volte l’anno). «Analisi che il gestore può effettuare dove vuole. Idealmente in un laboratorio privato. Noi, faremo invece analisi ufficiali prelevando un campione senza preavviso».

Per alberghi e case anziani, dove sinora il Laboratorio controllava le cucine, le ispezioni comprenderanno adesso anche le docce. Così per le piscine, dove sinora ci si fermava all’acqua nelle vasche. Nel caso venisse rilevato un problema la palla passa nel campo del medico cantonale? «No - risponde Jermini -, nella fase iniziale  verranno imposte delle misure che starà poi all’operatore implementare. Presto però nel caso di gestori che non rispettano l’autocontrollo e davanti a valori di Legionella superiori al limite massimo scatteranno le sanzioni. Come si sanziona un macellaio o un bar». Sono già previsti, conclude il direttore del Laboratorio cantonale, dei momenti di formazione e informazione con l’associazione dei direttori delle case anziani (Adicasi), con l’associazione degli albergatori. Dopodiché conta molto il buonsenso: «Se l’impianto dell’acqua calda, anche nel privato come ad esempio in un condominio, è mal gestito può presentarsi il problema. Così negli alberghi le camere che restano a lungo vuoto possono essere le più problematiche. Autocontrollo significa spurgare regolarmente gli impianti. Invece in una piscina scolastica il problema può sopraggiungere dopo i mesi di chiusura estivi. Il custode dovrà quindi preoccuparsi anche dello spurgo dell’acqua calda».

Commenti
 
Pier 1 anno fa su tio
Ottimo! Però mancano i controlli sull'acqua potabile negli istituti di cura e nelle SCC
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
19 min
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni choc da parte della mamma
POSCHIAVO (GR)
41 min
In Italia è polemica sulla pasta poschiavina
Coldiretti, l'associazione italiana degli agricoltori, si è imbestialita dopo un servizio televisivo su un pastificio grigionese
CANTONE
3 ore
Breve tregua, poi torna la neve
Possibile allerta di grado 3 diramato da MeteoSvizzera per domani e venerdì. Limite delle nevicate in calo fino a 500 metri
LUGANO
5 ore
Come è facile ordinare sushi "di contrabbando" dall'Italia
Boom di ticinesi nei ristoranti oltre confine. E alcuni non disdegnano le consegne di pasti a domicilio: in barba alle regole doganali. Abbiamo fatto un test
CANTONE
12 ore
Una petizione per salvare i bus per Malpensa
È stata lanciata un paio di giorni fa in vista dell'interruzione dei collegamenti su gomma prevista per la fine di quest'anno
ORSELINA
15 ore
«Con l'omeopatia seguiamo il malato di cancro»
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
LUGANO
16 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
17 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
18 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
18 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile