tipress
CANTONE
15.06.18 - 16:000

No alla chiusura dei valichi di notte, sì alle barriere

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo aver constatato che la chiusura notturna di tre valichi non ha influito granché sul tasso di criminalità. Il DT: «La sicurezza resta una priorità»

BERNA / BELLINZONA - I valichi di confine secondari in Ticino, specie nel Mendrisiotto, verranno muniti di di barriere, che potranno essere chiuse solo in caso di necessità, ad esempio quando la polizia organizza una ricerca. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo aver constatato che la chiusura notturna di tre valichi, eseguita a titolo di prova, non ha influito granché sul tasso di criminalità.

Inoltre, si legge in una nota odierna dell'Amministrazione federale delle dogane, ai conducenti va segnalato che vengono sorvegliati da telecamere al momento del passaggio del confine.

«La  nostra priorità resta la sicurezza» - «La sicurezza della popolazione ticinese rimane la massima priorità per le autorità ticinesi, che ora intendono vigilare sull’attuazione delle misure complementari annunciate dalla Confederazione e sulla loro efficacia per l’attività di contrasto alla criminalità transfrontaliera». Così il Dipartimento delle istituzioni, che in passato aveva sostenuto la richiesta di Pantani.

Prendendo atto della decisione delle autorità federali, il Dipartimento delle istituzioni intende rassicurare la popolazione ticinese, e in particolare i residenti della fascia di confine. «L’attività di contrasto alla criminalità transfrontaliera rimane un ambito prioritario per le forze dell’ordine del nostro Cantone - assicura -, che continueranno a seguire con la massima attenzione l’evolversi della situazione sul terreno».

Il DI sottolinea infine come – in generale – il numero di furti commessi sul territorio cantonale stia ulteriormente diminuendo anche in questi primi mesi del 2018, a seguito delle varie misure adottate assieme alla Polizia cantonale in collaborazione con il Corpo federale delle guardie di confine e delle Polizie comunali ticinesi.

Per quanto riguarda le misure annunciate dalla Confederazione, il Dipartimento attende le analisi svolte dai servizi federali, per comprendere le ragioni che hanno portato il Consiglio federale a rinunciare alla misura.

La proposta di Pantani - In seguito alla trasmissione della mozione della Consigliera nazionale Roberta Pantani (14.3035), nel 2014 il Parlamento aveva incaricato il Consiglio federale di prendere provvedimenti affinché in collaborazione con le autorità italiane, si potesse ottenere la chiusura notturna dei valichi di confine secondari, al fine di garantire una migliore protezione da parte di polizia e Corpo delle guardie di confine (CGCF).

L'importanza del confine meridionale - Il Consiglio federale si è detto consapevole dell’importanza del confine meridionale per la sicurezza. Quindi ha ricordato le varie misure adottate negli anni per garantire la sicurezza nel Canton Ticino. «Il rivisto accordo in materia di polizia con l’Italia - assicura - permette ora una migliore collaborazione transfrontaliera. L’effettivo del CGCF in Ticino è stato aumentato e la Centrale cantonale di allarme a Bellinzona consente una più stretta collaborazione tra polizia cantonale e CGCF, per garantire la sicurezza del confine».

A marzo 2017, al fine dell’attuazione della mozione Pantani, il Consiglio federale aveva deciso di chiudere per un periodo di prova di sei mesi alcuni valichi di confine secondari. Dal 1° aprile al 30 settembre 2017 il CGCF ha messo in atto tale progetto chiudendo tre valichi. Dal progetto pilota, svolto in collaborazione con le autorità ticinesi, è risultato che una chiusura a livello cantonale dei valichi di confine non avrebbe una notevole incidenza sul tasso di criminalità. Da colloqui con l’Italia è inoltre emerso che una chiusura notturna dei confini potrebbe ripercuotersi negativamente sulla buona collaborazione nell’ambito della sicurezza dei confine e della migrazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
casi89 2 anni fa su tio
e si,di nuovo i "kruki"hanno deciso.tanto per loro il ticino fa parte della lombardia.nelle vacanze pero,infestano il loro tanto " amato" ticino.e i nostri consiglieri nationali cosa fanno? a si bevono il blanc cassis.
Evry 2 anni fa su tio
Aprite le porte e regalate il Passaporto Svizzero, con priorita ai criminali
Bandito976 2 anni fa su tio
Certo, a qualche politico fa comodo il valico aperto, cosí puó andare oltre confine al ristorante.
roma 2 anni fa su tio
...no, dai...non commento...altrimenti mi...bannano
WGWG 2 anni fa su tio
Era una decisione già presa prima di provare. I sette nani ci hanno venduti all EU eccellente decisione .....
Tato50 2 anni fa su tio
L'ideale sarebbe che la barriera si abbassi di colpo al momento del passaggio del delinquente ;-))
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
Uno spoglio «strano», in cui però «tutto funziona bene»
Il cancelliere dello Stato, Arnoldo Coduri, è soddisfatto del funzionamento della macchina organizzativa.
CANTONE
8 ore
Mattei attacca il Cantone: «Allevatori e contadini dimenticati»
Il co-presidente dell’Associazione per un territorio senza grandi predatori lancia l'allarme sulla presenza di lupi
MURALTO
9 ore
«Sin da giovani abbiamo respirato l'amore per il nostro Comune»
Stefano Gilardi viene riconfermato. Con la maggioranza assoluta. Il suo è un sindacato 20ennale.
LUMINO
10 ore
Spano sorprendente, fresco luminese centra il primo posto
Il giovane PLR diventa sindaco di quindicina dopo essersi trasferito nel comune solo pochi mesi fa
LUGANO
11 ore
Metro alla mano, i tavoli all'esterno sono pronti
Domani si torna al bar e al ristorante (con la giacca). Ma permane il rispetto delle regole
CANTONE
LIVE
Scrutinati 64 comuni, si riprende lunedì mattina
Le operazioni di spoglio da Bellinzona sono iniziate a mezzogiorno e sono state interrotte alle 00:15.
CANTONE
18 ore
In Ticino 47 nuovi casi e un decesso
Nelle ultime 24 ore si sono anche registrati 9 dimissioni dagli ospedali e 9 ricoveri.
FOTO
CANTONE
19 ore
Quel che resta dopo l'ultimo weekend prima della riapertura
Oltre a bottiglie e lattine per terra, una certa amarezza su come giovani e autorità non si siano proprio capiti
BELLINZONA
20 ore
Incidente nella notte a Gnosca
Un conducente è finito con la sua automobile nel riale, dopo averne perso il controllo
CANTONE
20 ore
Elezioni comunali, il countdown è iniziato
Oggi lo spoglio dei voti. Fino a mezzogiorno sarà però ancora possibile recarsi alle urne.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile