BREAKING NEWS
Coronavirus, in Ticino altri 104 casi e dodici decessi
tipress
CANTONE / BERNA
11.06.18 - 15:570
Aggiornamento : 17:35

Stazioni di servizio in Ticino, scatta l'interrogazione sul mancato salario minimo

Carobbio, Pantani e Quadri chiedono che la disparità di trattamento venga meno

BELLINZONA / BERNA - Tre consiglieri nazionali ticinesi hanno interrogato oggi il governo durante la consueta "Ora delle domande" sulla decisione del Consiglio federale di escludere il Ticino dall'applicazione del contratto collettivo di lavoro (CCL) per quanto riguarda i salari minimi dei negozi delle stazioni di servizio.

Marina Carobbio (PS/TI) ha chiesto al Governo se intende garantire anche in Ticino salari dignitosi e soprattutto che passi l'Esecutivo intende intraprendere per introdurre un salario minimo in questo settore anche nel cantone a sud delle Alpi come in tutta la Svizzera.

Dal canto suo, Roberta Pantani (LEGA/TI) ha domandato al Consiglio federale se non pensa che questa mancata applicazione dei salari minimi previsti dal CCL alimenti fenomeni di dumping salariale, in particolare nelle zone di frontiera.

Infine, Lorenzo Quadri (LEGA/TI) ha chiesto al Governo se non prevede di rivalutare la situazione dopo l'intervento del consiglio di Stato ticinese, il quale si è detto preoccupato del fatto che la non applicazione in Ticino del salario minimo nel CCL dei negozi della stazioni di servizio possa fomentare il dumping salariale.

«Non è nostra competenza» - In una risposta congiunta ai tre parlamentari, il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann ha spiegato che la questione dei salari minimi in un determinato CCL è di competenza delle parti sociali e non dello Stato. Secondo il consigliere federale, durante la consultazione diversi rappresentanti ticinesi hanno sottolineato che i salari minimi previsti nel contratto collettivo erano troppo elevati.

Rischio licenziamenti o chiusure - Dopo aver attentamente esaminato la situazione, il Governo è giunto alla conclusione che l'accordo trovato tra i partner sociali non prendeva sufficientemente in considerazione gli interessi regionali del canton Ticino, ha aggiunto Schneider-Ammann. A suo avviso, un salario minimo troppo elevato nel cantone a sud delle Alpi avrebbe potuto provocare licenziamenti o chiusure delle stazioni di servizio.

La palla, ha proseguito il consigliere federale, è però nelle mani delle parti sociali. Queste ultime potrebbero adattare il CCL e trovare una nuova soluzione per il canton Ticino. Se non dovesse essere il caso, il Governo rivaluterà la situazione dei negozi situati a sud delle Alpi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
42 min
I casi aumentano ancora, ma un po' meno
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 2'195. I morti complessivi legati al coronavirus sono 132
CANTONE
1 ora
Il Tribunale federale approva la tassa di collegamento
Il Tf dà avviso ad alcuni avvocati che le opposizioni contro l'imposta per i generatori di traffico sono state respinte
GINEVRA
2 ore
Ticino, è ancora lunga: «Picco tra tre settimane? Plausibile»
«C'era la macchina del tempo...», ha ammonito il direttore vicario dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.
BALERNA / NOVAZZANO
4 ore
Asilanti ammassati: «Era un momento informativo»
Distanza sociale e divieto di assembramento non rispettati al centro asilanti in zona Pasture.
CANTONE
4 ore
«Col Covid-19 siamo tutti più fragili»
A tu per tu con Lorenza Bernasconi, membro del Consiglio di Amministrazione di Gruppo Sicurezza.
VIDEO
BELLINZONA
13 ore
Guerra al Covid-19: lacrime per l'Hallelujah
L'iniziativa è stata voluta da Eva Colella e Rosa Rigitano, due residenti: «Qui da settimane c'è un vuoto surreale»
LUGANO
14 ore
«Così sono guarito dal virus»
L'ex consigliere di Stato racconta la malattia, il ricovero a La Carità, e il ritorno - difficile - alla normalità
CANTONE
15 ore
Cattaneo: «I prestiti sono l'aspirina, ora il ricostituente»
Il consigliere nazionale: «La liquidità erogata dalle banche rinvia solo il problema»
LUGANO
18 ore
Ecopunti zeppi. «Colpa del coronavirus»
La chiusura degli ecocentri sarebbe la causa. E c'è chi si lamenta
SVIZZERA / CANTONE
19 ore
Niente alcoltest causa coronavirus (ma non in Ticino)
In alcuni cantoni le polizie rinunciano per paura dei contagi. Da noi, invece, adottate «misure igieniche accresciute».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile