TiPress
LAVIZZARA
25.05.18 - 21:100

«La scuola si spopola, abbiamo scelto la via meno drastica»

Diecimila franchi per le famiglie con figli che andranno a vivere nel Comune valmaggese. La situazione demografica preoccupa. Lo conferma la municipale Cristiana Vedova-Mignami

LAVIZZARA – Diecimila franchi per ogni famiglia, con figli in età scolastica, che deciderà di andare ad abitare a Lavizzara. È la proposta, lanciata di recente, dal Comune dell’alta Vallemaggia. Un’idea che genera reazioni contrastanti. Soprattutto in alcuni genitori del posto, secondo i quali il Municipio, nel suo progetto, avrebbe omesso una serie di dettagli importanti. Il nuovo centro scolastico di Prato Sornico si starebbe, infatti, lentamente spopolando. E questo starebbe causando non pochi disagi ai genitori della valle. Soprattutto perché i bambini di quinta elementare saranno presto trasferiti a Cavergno (Cevio).

Cifre da brivido – I numeri sono impietosi. Il nuovo centro scolastico di Prato Sornico, creato 12 anni fa in seguito alla fusione, conta poco più di una ventina di allievi. Cristiana Vedova-Mignami, municipale di Lavizzara, spiega la situazione: «Gli incentivi per le famiglie sono proprio stati pensati per dare un futuro a questo istituto scolastico, che adesso si trova in difficoltà. Mancano i numeri, non lo nascondiamo. Per fortuna abbiamo trovato la possibilità di stringere una collaborazione con il Comune di Cevio. Loro ci mandano i bimbi della scuola dell’infanzia. E noi, in cambio, mandiamo loro quelli di quinta elementare».

Si salvano posti di lavoro – Uno scambio scomodo, ma necessario, dal momento che anche a Cevio ci sono difficoltà di contingente. «Si tratta di una collaborazione tra due Comuni limitrofi, che si trovano a 10 chilometri di distanza tra loro. Così salveremmo dei posti di lavoro. Il rischio sarebbe quello di chiudere la scuola dell’infanzia. I bambini si sposteranno da Lavizzara a Cevio con il pulmino».

Pausa pranzo fuori casa Ma la corsa è prevista solo due volte al giorno: al mattino e alla sera. E anche questo dettaglio sembra preoccupare alcuni genitori. I bambini staranno, di fatto, lontani da casa per tutto il giorno. «Faranno la pausa pranzo a Cevio. Lì c’è la sorveglianza, c’è un bel parco giochi. È stata una scelta forzata, per il loro bene».

Chiudere o collaborare – Il Cantone d’altra parte era stato chiaro. Per Lavizzara erano due gli scenari possibili. «O perdere la scuola materna. O instaurare una collaborazione con Cevio. Noi abbiamo scelto l’opzione meno drammatica. Chiudere quest’anno la scuola dell’infanzia a Lavizzara, significherebbe chiuderla per sempre».

Un futuro da evitare –E non correndo ai ripari, col passare del tempo, la stessa sorte potrebbe toccare anche alle sezioni di scuola elementare. «Certo, qualora l’edificio scolastico di Prato Sornico un giorno chiudesse, verrebbe sicuramente utilizzato per un altro scopo. Ma sarebbe un peccato. Abbiamo informato i genitori di Cevio e Lavizzara appena possibile in merito al nostro progetto».

Un voto in bilico – Sugli incentivi da 10.000 franchi alle nuove famiglie si voterà il prossimo 12 giugno, nell’ambito della seduta del consiglio comunale. Qualcuno storce il naso. «È una misura che, in ogni caso, sarà ridiscussa anno per anno, in base alle esigenze delle due sedi scolastiche. Lo scopo è mantenere aperte più sezioni possibili. Dovesse passare questo progetto, i bambini si adatterebbero comunque in fretta alla nuova situazione. Sono novità che colpiscono più i genitori, a volte in ansia per gli imprevisti della vita».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marco Merola 2 anni fa su fb
E cosa ci fai con 10mila franchi? non ci paghi neanche l'affitto per un anno. Per non contare la benzina per recarsi a lavoro.
bananasplit 2 anni fa su tio
ma guarda che ... bel argomento : - )) ... queste sono state le trovate della Politica di Pedrazzini , anni fa ... Fusione !!! Ma per far quadrare le disavventure oggi ... penserei 1 pedaggio estivo ai Turisti imbocco Valli laterali ... magari romperebbero meno le p..le durante l' estate .... che generano solamente traffico .... e fanno spesa in città ... o peggio oltre Confine !!! Con i soldi dei proventi ... Comune e Vallerani avrebbero Vita + decorosa con meno balzelli di tasse : - )) .
comp61 2 anni fa su tio
se vai in valle questo devi aspettarti.
Bandito976 2 anni fa su tio
Ecco un altro comune che offre soldi come ad esempio in vallese. Ma se una famiglia si deve spostare deve avere il posto di lavoro non quelle briciole che offrono. Chissá se qualcuno riesce a capirlo!
Thor61 2 anni fa su tio
@Bandito976 Invece di offrire una misera cifra, dovrebbero mettere in atto tutte quelle strutture (Gratis o quasi) per poter avere figli senza che questo pesi sul proprio bilancio familiare, infatti come detto giustamente da te, con quelle brriciole si e no ci si comprano i pannolini ;o))) Saluti
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Si può stare bene anche in prigione»
Vita di coppia in crisi? Single senza prospettive? I consigli di Eva Sykora, sex coach, ospite di piazzaticino.ch
MORBIO INFERIORE
4 ore
Alle Medie di Morbio Inferiore altri 25 casi di coronavirus
Undici sono verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Sono state testate 460 persone
CANTONE
5 ore
«Abbiamo 18 detenute alla Farera. Bisogna trovare una soluzione»
La Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione ha chiesto un incontro al Dipartimento delle istituzioni.
CADENAZZO
8 ore
Un'intossicazione alimentare dietro ai malori alla Posta
Venerdì scorso tre collaboratori del Centro logistico erano stati trasportati in ambulanza all'ospedale.
CANTONE
9 ore
Torna a nevicare in pianura
Meteo Svizzera lancia l'allerta. Pericolo "marcato" da questa sera fino a mezzogiorno di domani
CANTONE
10 ore
In Ticino altri 114 contagi e 4 decessi
Calano i ricoveri in ospedale, ma non i pazienti in terapia intensiva. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
11 ore
Mercato dell'auto in crisi: «Vediamo quanti sopravviveranno»
Nel 2020 le vendite sono crollate del 24%. E gli aiuti sono stati pochi.
LUGANO 
14 ore
Più che Lombardi «luganese»
Da qualche giorno Filippo Lombardi è a tutti gli effetti domiciliato nella città dove intende correre per il Municipio
CANTONE
14 ore
I tamponi a scuola sono un lusso
Mentre il Decs è alle prese con la variante inglese, gli istituti privati fanno da sé. Il caso "esclusivo" della Tasis.
CANTONE
1 gior
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile