tipress
CANTONE
22.05.18 - 17:020

Marina Masoni bacchetta Plein, ma difende la moda

La presidente di Ticinomoda critica contro un certo tipo di sfiducia nell’economia: «In passato l’insediamento di una grande azienda in Ticino era una notizia positiva, oggi non lo è più»

LUGANO - «Nessuno, per il solo fatto di pagare molte imposte nel nostro cantone, può pretendere di fare quello che vuole». In occasione dell'assemblea annuale di Ticinomoda la sua presidente, Marina Masoni, ritorna sullo scandalo del marchio di moda installatosi a Lugano per parlare della "Fashion Valley" ticinese, dei suoi vizi e delle sue virtù.

«Sappiamo quali siano da un lato i vantaggi e dall’altro i problemi che un mercato del lavoro maggiormente aperto, grazie agli Accordi bilaterali, comporta - ha sottolineato dal LAC Masoni -. Non ci sono solo vantaggi e non ci sono solo problemi». L'occasione è stata ghiotta per promuovere Ticinomoda e i due contratti collettivi di lavoro sottoscritti (uno nel settore della produzione con OCST e UNIA e uno per gli impiegati di commercio).

L'attacco a Plein - Ma anche per prendere le distanze dal marchio Philipp Plein: «Non è non è mai stato un nostro associato - sottolinea Masoni -. Non spetta a noi né accertare né giudicare cosa sia effettivamente successo nella sede di Lugano dell’azienda. La reazione e le dichiarazioni fatte pubblicamente dall’interessato non possono però trovare la nostra approvazione. Le regole vanno rispettate, anche tutte quelle stabilite dalla legislazione sul lavoro. Anche se e quando non ci piacciono. La capacità imprenditoriale consiste anche nel ritagliarsi la necessaria e sufficiente flessibilità all’interno, non al di fuori, di queste regole. Non si può fare ciò che si vuole».

La critica all'atteggiamento di sfiducia nell'economia - Masoni ha quindi speso parole positive riguardo a un settore fiorente, ma si è dimostrata critica nei confronti di un certo pessimismo e di un certo atteggiamento: «Affermare che l’economia ticinese cresce, attira e fa nascere nuove imprese, crea molti più posti di lavoro di quanti ne vengano soppressi nelle aziende in difficoltà viene considerato quasi un reato politico, nella migliore delle ipotesi una mancanza di riguardo verso le persone che hanno perso il lavoro e non riescono a ricollocarsi o verso le piccole imprese che devono confrontarsi con la concorrenza molto pressante di chi viene da fuori confine. Qua e là fa capolino la convinzione che i meriti, l’impegno, le capacità, i successi degli uni siano addirittura la causa dei mali e delle difficoltà degli altri».

Per Masoni questo viene visto come un «segnale preoccupante di un malessere difficile da interpretare e di una sfiducia verso l’economia di mercato. «In passato l’insediamento di una grande azienda in Ticino era una notizia positiva, oggi capita invece che qualcuno accolga come una notizia positiva la partenza dal Ticino di una grande azienda, vista come un togliere dal nostro territorio un elemento estraneo, di disturbo».

1 anno fa Philipp Plein si rifiutò davvero di far entrare l’Ispettorato del lavoro?
1 anno fa La Città di Lugano sul caso Plein: «È un nome che conta e che fa bene alle casse comunali»
1 anno fa Critiche alla filosofia di Plein «produco, quindi non mi dovete controllare»
1 anno fa Blitz in ufficio, Philipp Plein: «Amiamo Lugano, ma questo atteggiamento ci preoccupa»
1 anno fa Philipp Plein, lo sfogo dello stilista: «Ci hanno trattato come criminali»
Commenti
 
sedelin 1 anno fa su tio
fatela tacere! dopo gli scandali di famiglia, con che tolla dà lezione?
pillola rossa 1 anno fa su tio
"Le regole vanno rispettate... anche se e quando non ci piacciono" AHAHAHAHAHAHAH... tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri...
francox 1 anno fa su tio
Ma perché la fanno ancora parlare in pubblico dopo quello che ha fatto? (Io non ho nemmeno letto l'articolo).
KilBill65 1 anno fa su tio
Dalla mia buona memoria, si e' sempre pronti a criticare gli altri, ma la signora Masoni si ricorda dei suoi scandali quando era nel Dipartimento delle finanze?....
miba 1 anno fa su tio
@KilBill65 Concordo....e come non ricordare anche la faccenda degli scatoloni di documenti che la Masoni si è portata via da Bellinzona?
Libero pensatore 1 anno fa su tio
In realtà è facilissimo capire come mai al giorno d’oggi l’insediamento di una nuova grande azienda non venga più salutato con entusiasmo dai ticinesi. Ciò avviene in parte perché alle nostre latitudini si è imposto da qualche anno un pessimismo cosmico che proviene dal fronte populista e in parte perché oggettivamente a volte capita che queste imprese creano posti di lavoro mal retribuiti, con condizioni di lavoro pessime e contribuiscono a peggiorare la situazione legata alla mobilità. Purtroppo la soluzione a questi problemi non può più essere locale ma deve essere per lo meno nazionale
GIGETTO 1 anno fa su tio
Resta sempre una bella donna.....complimenti Marina sei bella e intelligente.
francox 1 anno fa su tio
@GIGETTO A gigè, ma che commento fai?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CONFINE
7 ore

Auto precipita sui binari e viene travolta da un treno, due morti

L'incidente è avvenuto lungo la tratta ferroviaria Bellinzona-Gallarate

LOSONE
9 ore

Si "allaga" l'ex caserma: ma il Comune tace

Pasticcio tecnico a poche settimane dall'inizio del Festival del Film e dell'inaugurazione del nuovo campus creativo per giovani. Le autorità: «Tutto procede bene. Pronti ad accogliere il BaseCamp»

POLLEGIO
11 ore

Swisscom gli offre 100.000 franchi per tenersi l'antenna 5G in giardino

Ecco il retroscena della rivolta nella frazione di Pasquerio. La conferma arriva dalla stessa azienda: «È la prassi»

CANTONE
11 ore

Radar puntati su cinque distretti

La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno Vallemaggia, Leventina e Riviera. Controlli semi-stazionari a Rodi-Fiesso, Malvaglia e Sessa

CANTONE
12 ore

Clonavano carte di credito, sgominata una banda bulgara

Un 43enne che aveva un ruolo di spicco nell'organizzazione è stata estradato nei giorni scorsi e si trova ora in carcere in Ticino

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile