tipress
CANTONE
22.05.18 - 17:020

Marina Masoni bacchetta Plein, ma difende la moda

La presidente di Ticinomoda critica contro un certo tipo di sfiducia nell’economia: «In passato l’insediamento di una grande azienda in Ticino era una notizia positiva, oggi non lo è più»

LUGANO - «Nessuno, per il solo fatto di pagare molte imposte nel nostro cantone, può pretendere di fare quello che vuole». In occasione dell'assemblea annuale di Ticinomoda la sua presidente, Marina Masoni, ritorna sullo scandalo del marchio di moda installatosi a Lugano per parlare della "Fashion Valley" ticinese, dei suoi vizi e delle sue virtù.

«Sappiamo quali siano da un lato i vantaggi e dall’altro i problemi che un mercato del lavoro maggiormente aperto, grazie agli Accordi bilaterali, comporta - ha sottolineato dal LAC Masoni -. Non ci sono solo vantaggi e non ci sono solo problemi». L'occasione è stata ghiotta per promuovere Ticinomoda e i due contratti collettivi di lavoro sottoscritti (uno nel settore della produzione con OCST e UNIA e uno per gli impiegati di commercio).

L'attacco a Plein - Ma anche per prendere le distanze dal marchio Philipp Plein: «Non è non è mai stato un nostro associato - sottolinea Masoni -. Non spetta a noi né accertare né giudicare cosa sia effettivamente successo nella sede di Lugano dell’azienda. La reazione e le dichiarazioni fatte pubblicamente dall’interessato non possono però trovare la nostra approvazione. Le regole vanno rispettate, anche tutte quelle stabilite dalla legislazione sul lavoro. Anche se e quando non ci piacciono. La capacità imprenditoriale consiste anche nel ritagliarsi la necessaria e sufficiente flessibilità all’interno, non al di fuori, di queste regole. Non si può fare ciò che si vuole».

La critica all'atteggiamento di sfiducia nell'economia - Masoni ha quindi speso parole positive riguardo a un settore fiorente, ma si è dimostrata critica nei confronti di un certo pessimismo e di un certo atteggiamento: «Affermare che l’economia ticinese cresce, attira e fa nascere nuove imprese, crea molti più posti di lavoro di quanti ne vengano soppressi nelle aziende in difficoltà viene considerato quasi un reato politico, nella migliore delle ipotesi una mancanza di riguardo verso le persone che hanno perso il lavoro e non riescono a ricollocarsi o verso le piccole imprese che devono confrontarsi con la concorrenza molto pressante di chi viene da fuori confine. Qua e là fa capolino la convinzione che i meriti, l’impegno, le capacità, i successi degli uni siano addirittura la causa dei mali e delle difficoltà degli altri».

Per Masoni questo viene visto come un «segnale preoccupante di un malessere difficile da interpretare e di una sfiducia verso l’economia di mercato. «In passato l’insediamento di una grande azienda in Ticino era una notizia positiva, oggi capita invece che qualcuno accolga come una notizia positiva la partenza dal Ticino di una grande azienda, vista come un togliere dal nostro territorio un elemento estraneo, di disturbo».

1 anno fa Philipp Plein si rifiutò davvero di far entrare l’Ispettorato del lavoro?
1 anno fa La Città di Lugano sul caso Plein: «È un nome che conta e che fa bene alle casse comunali»
1 anno fa Critiche alla filosofia di Plein «produco, quindi non mi dovete controllare»
1 anno fa Blitz in ufficio, Philipp Plein: «Amiamo Lugano, ma questo atteggiamento ci preoccupa»
1 anno fa Philipp Plein, lo sfogo dello stilista: «Ci hanno trattato come criminali»
Commenti
 
sedelin 1 anno fa su tio
fatela tacere! dopo gli scandali di famiglia, con che tolla dà lezione?
pillola rossa 1 anno fa su tio
"Le regole vanno rispettate... anche se e quando non ci piacciono" AHAHAHAHAHAHAH... tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali di altri...
francox 1 anno fa su tio
Ma perché la fanno ancora parlare in pubblico dopo quello che ha fatto? (Io non ho nemmeno letto l'articolo).
KilBill65 1 anno fa su tio
Dalla mia buona memoria, si e' sempre pronti a criticare gli altri, ma la signora Masoni si ricorda dei suoi scandali quando era nel Dipartimento delle finanze?....
miba 1 anno fa su tio
@KilBill65 Concordo....e come non ricordare anche la faccenda degli scatoloni di documenti che la Masoni si è portata via da Bellinzona?
Libero pensatore 1 anno fa su tio
In realtà è facilissimo capire come mai al giorno d’oggi l’insediamento di una nuova grande azienda non venga più salutato con entusiasmo dai ticinesi. Ciò avviene in parte perché alle nostre latitudini si è imposto da qualche anno un pessimismo cosmico che proviene dal fronte populista e in parte perché oggettivamente a volte capita che queste imprese creano posti di lavoro mal retribuiti, con condizioni di lavoro pessime e contribuiscono a peggiorare la situazione legata alla mobilità. Purtroppo la soluzione a questi problemi non può più essere locale ma deve essere per lo meno nazionale
GIGETTO 1 anno fa su tio
Resta sempre una bella donna.....complimenti Marina sei bella e intelligente.
francox 1 anno fa su tio
@GIGETTO A gigè, ma che commento fai?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
TICINO / VENEZUELA
2 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
4 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
CANTONE
16 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
17 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
LUGANO
20 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
21 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
VIDEO
CANTONE
22 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile