CANTONE
24.04.18 - 18:330
Aggiornamento : 21:42

Quanto è pericoloso un tuffo nell'acqua fredda?

Le temperature estive di questi giorni hanno spinto molti a trovare refrigerio in laghi e fiumi. Ma c'è pure chi, dopo essere entrato in acqua, non è più uscito 

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Sole, cielo senza nuvole e temperature estive: con un picco di 28 gradi, questo fine settimana è stato caldo come accade solitamente in luglio. Molti non hanno perso l'occasione per un tuffo nel lago o al fiume. Nonostante temperature dell'acqua inferiori a 15 gradi.

Ogni anno, per questo motivo, ci sono numerosi incidenti. Come quello dell'eritreo 18enne che sabato è affogato nella Limmat, vicino a Baden. Nonostante il grande impiego di forze, le ricerche sono state interrotte senza aver ritrovato il corpo del giovane. 

Ma un tuffo nel fiume o in un lago può essere davvero così pericoloso? Secondo Philipp Binaghi, responsabile della comunicazione presso la Società Svizzera di Salvataggio (SSS), intervistato da 20 Minuten, è possibile. «Al momento, l'acqua è molto più fredda dell'aria, quindi bisogna prestare attenzione. La temperatura del Walenstadt, questo fine settimana, era di soli 8 gradi. Il discorso ovviamente è individuale. C'è chi sopporta bene certe temperature, chi meno. Ma il pericolo c'è». 

Cosa intende? 
«Se ci si tuffa accaldati nell'acqua fredda, si rischia un tremendo stress per il corpo a causa della differenza di temperatura tra l'aria e l'acqua. Si possono verificare spasmi muscolari e problemi circolatori».

Perché è pericoloso? 
«Quando le vene si restringono improvvisamente, il sangue non può più circolare correttamente. Ciò porta, nel peggiore dei casi, a uno shock da freddo, uno svenimento o un infarto. Con un adulto, hai circa 2 minuti per tentare il salvataggio. Nei neonati solo 20 secondi».

Cosa si dovrebbe fare se si osserva una situazione del genere? 
«La cosa più importante in un salvataggio è l'autoprotezione. Le persone che combattono per la propria vita possono sviluppare una forza enorme e trascinare sott'acqua anche chi cerca di soccorrerli. Se non è disponibile alcuna attrezzatura di soccorso, è possibile improvvisare con palloni, taniche o bottiglie in PET che offrano una galleggiabilità sufficiente».

Cosa raccomanda alle persone che non vogliono rinunciare a rinfrescarsi nell'acqua? 
«Per rinfrescarsi, è sufficiente tenere i piedi nell'acqua. Se si vuole nuotare è meglio cercare una spiaggetta dove sia facile entrare e uscire dall'acqua. A tali temperature si dovrebbe anche restare non troppo tempo a mollo o si rischia l'ipotermia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LAVENA PONTE TRESA
4 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
6 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
7 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
7 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
8 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
9 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
10 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
11 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
FOTO E VIDEO
CHIASSO
12 ore
Tamponamento in via Rampa, conducente ferita
L'incidente è avvenuto attorno alle 10 di questa mattina. Sul posto soccorsi e polizia
LUGANO
13 ore
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni shock da parte della mamma
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile