Archivio Fotolia
LUGANO
19.04.18 - 14:380
Aggiornamento : 18:45

«Io mamma adottiva e felice vi dico che...»

Quali caratteristiche deve avere un genitore che decide di adottare un bambino? Lo spiega Orietta Lucchini di mani per l'infanzia

LUGANO - Alcuni giorni fa abbiamo pubblicato l’articolo Bimbi adottati sempre più grandi (e problematici), in cui abbiamo evidenziato le difficoltà burocratiche che le famiglie ticinesi devono affrontare qualora decidessero di iniziare un’adozione.

«Di certo oggi - aveva dichiarato Sabina Beffa, capo dell’Ufficio dell’aiuto e della protezione - è più difficile adottare un bambino proveniente da un’altra nazione. La convenzione dell’Aja, attiva ormai dal 2003, ha introdotto paletti rigidi per quanto riguarda la protezione dei minori».

 Sull’argomento interviene oggi Orietta Lucchini di Mani per l’infanzia, associazione svizzera attiva nell’adozione internazionale  e nell’aiuto umanitario. Orietta Lucchini è un’operatrice del settore ed è anche una madre adottiva. “Una madre adottiva e anche felice” ci tiene a precisare. Ha voluto esprimersi su un argomento delicato attraverso un contributo che ha inviato in redazione che qui pubblichiamo per intero.

La convenzione dell’Aja tutela i minori ed è oggi il principale strumento per garantire i diritti dei bambini e i diritti di chi desidera adottarli; serve a evitare qualsiasi tipo di traffico di minori. Inoltre garantisce che l’adozione sia sussidiaria, ovvero l’ultima strada da percorrere per aiutare un minore rimasto senza famiglia, nell’interesse superiore del bambino.

L’adozione è prima di tutto dare una famiglia ad un bambino e non il contrario (non un bambino ad una coppia in cerca di un figlio). I bambini bisognosi molto spesso non sono più neonati. Ma la formazione, gli incontri con operatori preparati in quest’ambito specifico, lo scambio con altri genitori, sono momenti estremamente importanti per ogni adozione, indipendentemente dall’età del minore. Quest’apertura del genitore adottivo a farsi aiutare lo porta ad acquisire gli strumenti necessari per far fronte via via agli eventi della vita quotidiana da genitore, tenendo presente che la ferita dell’abbandono sarà sempre presente nel figlio adottivo e che durante il suo percorso di crescita dovranno prima o poi emergere in lui le questioni fondamentali legate alla sua storia. Ecco ancora una volta quanto è importante poter acquisire un bagaglio di conoscenze specifiche che ci permettono di dare al bambino le risposte più appropriate.
Quindi, l’autorità  cantonale propone un’adeguata formazione, ma è altresì importante che siano poi gli stessi genitori a mettersi in gioco, a chiedere aiuto, a cogliere i possibili momenti di confronto come possibilità evolutive per il benessere dell’intera famiglia …

Le caratteristiche che deve avere un genitore adottivo?
Adottare significa aprire la propria famiglia e il proprio cuore ad un bambino che ha una sua storia che lo caratterizza anche se molto piccolo; il bambino non deve “azzerarsi” e ricominciare la sua storia, la deve continuare con genitori capaci di farsi carico di questo passato, dei traumi subiti, del lutto dell’abbandono subìto. È un atto che richiede spesso molto tempo e pazienza: 
i genitori devono essere in grado di non avere rigide aspettative. La relazione è sempre una conquista, frutto di molto lavoro da parte degli adulti che devono essere disposti a essere messi alla prova, a rispettare i tempi di adattamento del bambino, a capire le sue emozioni e a chiedere aiuto in caso di necessità. Spesso è importante confrontarsi per cercare di capire cosa si cela dietro un comportamento difficile.

Cos’è un’adozione riuscita? È la storia di una famiglia dove non ci sono problemi da gestire?  O non è forse una storia che si costruisce giorno per giorno affrontando le sfide che ogni genitore dovrebbe essere disposto ad affrontare nel suo percorso??
Un bambino che è stato abbandonato fatica ad affidarsi nuovamente e ha bisogno di genitori capaci di accettare queste sfide, di genitori capaci di trovare strategie sempre nuove per “conquistare” il proprio bambino, affinché, col tempo, possa divenire FIGLIO.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bacaude 3 anni fa su tio
Sono perfettamente d'accordo con la Sig.ra Lucchini. Intervento esemplare, chiaro e che sgombera il campo da stereotipati pregiudizi.
miba 3 anni fa su tio
@Bacaude Caro Becaude, anch'io concordo con quanto ha scritto la Signora Lucchini ma su una frase mi sono soffermato più di altre (e non sono al 100% d'accordo con la Signora Lucchini) e cioè che l’adozione è prima di tutto dare una famiglia ad un bambino e non il contrario (non un bambino ad una coppia in cerca di un figlio). Non per fare il complicato ma sono dell'opinione che le 2 cose siano strettamente connesse l'una all'altra e cioè che una coppia che desidera un figlio è conseguentemente anche per dare una famiglia ad un bambino cioè l'impegno morale e materiale, i doveri, la responsabilità e gli obblighi che questa scelta/decisione comporta. Sinceramente non ho compreso perché la Signora Lucchini fa una netta distinzione tra queste 2 cose
Bacaude 3 anni fa su tio
@miba Buonasera Miba, Credo che non si tratti di una distinzione ma di una volontà di sottolineare un punto di vista. Cioè, se si parte dal presupposto che adottare sia esaudire il desiderio di una coppia di avere un figlio si parte dal presupposto che sia la coppia il lato più importanzte e con più esigenze. Dunque il bambino dovrà adattarsi ai desideri della coppia e modificare la sua personalità x accontentare i nuovi genitori Se si parte invece dal presupposto che adottare sia concretizzare il sacrosanto diritto di ogni bambino di avere una famiglia che lo ami, si mette al centro proprio il bambino, le sue esigenze, il suo vissuto e la particolare personalità che potrebbe avere. Un bimbo/a/i da amare incondizionatamente dunque. Io almeno l'ho interpretata così. Buona serata
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
4 ore
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi è impegnato negli shop.
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
5 ore
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
7 ore
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Basso Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
MENDRISIO
15 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
16 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
18 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
20 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
1 gior
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile