Immobili
Veicoli
Michel Zylberberg
CANTONE
03.04.18 - 07:440
Aggiornamento : 10:07

«Cari affittacamere del sesso, la “festa” è finita»

Giro di vite in arrivo per i titolari di appartamenti hot, con la nuova legge sulla prostituzione. Il parlamentare Giorgio Galusero: «Inoltre, proteggeremo le vittime della tratta»

BELLINZONA – Una zona grigia? Un ambiente in cui le autorità si autoincensano, ma poi, alla fine, i furbi riescono sempre a fare ciò che vogliono? Così appare il mondo degli appartamenti a luci rosse in Ticino, dopo il recente dossier e una serie di articoli di cronaca pubblicati da Ticinonline/20 Minuti. Emblematico il caso della palazzina dell’ex Bosco di Cadenazzo. Retate di polizia, sigilli. Clamore. E dopo poche settimane si riparte da zero: gli appartamenti incriminati si riempiono, di nuovo, di avvenenti signorine. Con i soliti burattinai ad agire (e a lucrare) dietro le quinte. «Ma la “festa” sta per finire – annuncia il parlamentare Giorgio Galusero, che da anni si dedica alla questione – a gennaio 2019 entrerà finalmente in vigore la nuova legge cantonale sull’esercizio della prostituzione».

Se ne parla da tempo. La sensazione è che, al momento, ci sia ancora parecchio disordine.
«Ora metteremo paletti ben precisi. Alcune situazioni sono effettivamente al confine della legalità. La Magistratura e il gruppo Teseu lavorano bene. Il problema è che questi casi spesso riservano aspetti difficilmente riscontrabili nell’immediato».

Quali novità la fanno ben sperare?
«La polizia potrà eseguire controlli senza il mandato del procuratore pubblico. Verrà, inoltre, rafforzata l’autonomia dei Comuni. Se il Piano regolatore non prevede l’esercizio della prostituzione in un determinato stabile, l’attività dovrà cessare subito. Senza tergiversare».

La situazione nel palazzo dell’ex Bosco di Cadenazzo è tragicomica. Ma non si tratta di un caso isolato.
«Da adesso in poi se in uno stabile c’è più di un appartamento destinato alla prostituzione, l’edificio sarà trattato legislativamente come se fosse un postribolo. Bisognerà avere quindi i necessari permessi da parte del Cantone. E non sarà così facile ottenerli. Il responsabile degli spazi dovrà avere il controllo della situazione, dovrà dare garanzie alle autorità, anche dal profilo della sicurezza. La stessa cosa vale per il singolo appartamento in cui esercitano più ragazze».

E se, invece, una lucciola decidesse di prendersi un appartamento per conto suo, in uno stabile dove non ci sono altri spazi a luci rosse?
«In quel caso, Piano regolatore permettendo, basterà la notifica in polizia».

Tempi duri in vista, dunque, per gli affittacamere?
«Sono sempre i soliti tre-quattro che circolano da anni. Se rispetteranno la legge, non avranno problemi. Però lo dovranno fare».

Da una nostra inchiesta è emerso che un affittacamere chiede in media circa seicento franchi alla settimana per un piccolo appartamento. È una cifra accettabile?
«Siamo al limite dell’usura. Purtroppo, anche da questo punto di vista, certe ipotesi sono difficilmente provabili».

La nuova legge fa riferimento anche alla tratta di esseri umani.
«Ed è un aspetto a cui tengo parecchio. La prostituta che denuncia situazioni di questo genere deve essere protetta dallo Stato. I magnaccia esistono, anche in Ticino. Alcuni sono già stati individuati e condannati. Dobbiamo lottare contro questo sistema».

Con le nuove norme, le lucciole non pagheranno più le tasse in modo classico. Ma verseranno allo Stato 25 franchi al giorno. Come valuta questa soluzione?
«Finora il discorso delle imposte veniva aggirato dalle lucciole. Solo il 5% di loro pagava le imposte. Le altre sparivano dopo poche settimane. Per poi magari rientrare in Svizzera tempo dopo. Ora almeno si è trovato un compromesso».

Nell’ambiente della prostituzione circola la voce che in alcune località, più periferiche, non ci siano controlli di polizia. Perché accade questo?
«Non si può arrivare dappertutto. È un dato di fatto. Anche a me sono state fatte segnalazioni in tal senso. In particolare legate ad alcune attività a luci rosse in Leventina. Bisogna calcolare che magari la Teseu non interviene subito perché sta seguendo una determinata vicenda da un’ottica che va ben oltre il singolo caso isolato. Personalmente ho molta fiducia nel lavoro delle autorità».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 4 anni fa su tio
Un piccolo fazzolettino di terra come questo povero cantone ticino che fra non molto dovrai chiedere allo stato quando uscire ed entrare da casa tua! Mi raccomando l'anno prossimo di ri-votare il consigliere che vuole dettare legge anche laddove non esisterebbe il presupposto. Tutti e 5 fuori dai palle e parlamentari datati pure. Saprò chi votare l'anno prossimo. Create luoghi dove possano esercitare e come ha postato robyk copiate una legge di un cantone protestante. Politici bigotti non ne ho mai osservati......in passato.
robyk 4 anni fa su tio
Galusero teseu esiste dal 2004,ci è costato una fortuna,ha sempre mal-trattato le trattate e non ha mai preso un magnaccia romeno/albanese poichè hanno fifa.Copiate una legge di un cantone protestante e smettete di stressare.
Arciere 4 anni fa su tio
Mica un pochino magnaccia anche lo Stato se incassa 25 franchi al giorno? È una comune tassa, lo so, ma il pensiero è venuto da sé...
Equalizer 4 anni fa su tio
E lo stato di Polizia si allarga....
lo spiaggiato 4 anni fa su tio
"La polizia potrà eseguire controlli senza il mandato del procuratore pubblico"... uhmmm, a me non è che sembra una bella cosa...
miba 4 anni fa su tio
@lo spiaggiato Ciao, al sottoscritto va bene tutto ma neppure a me è piaciuta questa frase. Quello che mi chiedo è se questa è solo una sparata di chi ha concesso l'intervista oppure se effettivamente per questo c'è una base legale applicabile. Se così fosse allora qui è decisamente una brutta (anzi bruttissima) cosa come dici tu. Chissà se magari qualcuno ha una precisazione in merito....
Wunder-Baum 4 anni fa su tio
Collegandomi a Camos, temo che abbia ben descritto la realta
camos 4 anni fa su tio
Ma volete forse dirmi che in questo ipocrita cantone NESSUNO e ripeto NESSUNO ha ancora capito che è il lavoro più vecchio del mondo e che un posto dove "esercitare" lo troveranno sempre? In regola con la legge o meno che sia! Quindi tanto ne vale regolare il tutto con luoghi adatti e basta rompere le scatole su sta storia, vecchia come il mondo...
bananasplit 4 anni fa su tio
@camos ...bravo blogger...concordo :-)) nn avessero clienti , il caso cadrebbe da se !!! Avessi ul temp ... e fare 4 calcoli mi vien da metter su bottega ! Saluti
miba 4 anni fa su tio
@camos ...ed anch'io concordo pienamente con quanto hai scritto
Tarok 4 anni fa su tio
come mai l’associazione inquilini tace?
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
4 ore
Veicolo in fiamme, chiusa la A2 in direzione sud
Lo comunica la polizia cantonale su Twitter.
FOTO
CANTONE
5 ore
Ecco chi sono i nuovi laureati dell'USI
La Facoltà di comunicazione, cultura e società ha celebrato i neolaureati durante la cerimonia ufficiale di questa sera.
LUGANO
7 ore
Pandemia e autogestione, spina nel fianco per la polizia
Secondo le statistiche 2021, Lugano resta comunque il centro urbano più sicuro della Svizzera
FOTO
MELIDE
10 ore
Carpa gigante pescata nel Ceresio
Il pesce è stato catturato ieri dal 23enne Roberto Pacia nell'area del ponte-diga di Melide.
CANTONE
14 ore
Altri 173 contagi e un decesso nel fine settimana
Gli ospedali ticinesi accolgono attualmente 68 pazienti.
LUGANO
15 ore
Dopo l'accoltellamento, l'arresto
È finito in manette un cittadino svizzero di 32 anni residente nella regione
LUGANO
18 ore
«A Lugano non c'è mai niente da fare!»
Hai tra i 14 e i 25 anni e abiti in riva al Ceresio? Allora partecipa al sondaggio promosso per “rianimare” la città
CANTONE
18 ore
In Ticino "per sbaglio", sono in un limbo
Il caso di un nucleo famigliare ucraino ospitato a Lamone-Cadempino. E l'appello del padrone di casa Giuseppe Akbas.
FOTO
LUGANO
1 gior
Grande giornata di festa per Raiffeisen Walking Lugano
Tra i vari percorsi non è mancato l'appuntamento tradizionale con il City Trail fino al Monte Bré
FOTO
PORLEZZA
1 gior
Un capriolo nel Ceresio
Brutta avventura finita bene, oggi pomeriggio, nelle acque a largo di Porlezza
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile