LOCARNO
30.03.18 - 19:190

«Io sogno un'isola colorata, senza confini: la politica non c'entra»

Polemica sulla grande installazione artistica che porterà 6.500 salvagenti in Piazza Grande. Lo sfogo dell'ideatore Oppy De Bernardo: «Non capisco le critiche dei leghisti»

10 mesi fa Piazza Grande pronta a riempirsi di materassini gonfiabili
10 mesi fa Salvagenti in piazza: «Patetica propaganda con soldi pubblici»

LOCARNO – «Un'opera pro migranti? Questa è fantascienza». È amareggiato, Oppy De Bernardo, l'artista ideatore della mega installazione che da domani, sabato, colorerà Piazza Grande a Locarno. Una composizione che sarà realizzata nella notte, con 6.500 salvagenti gonfiabili. E che sarà permanente fino a metà aprile. L'iniziativa, che ricorda lontanamente le pensate di "Christo", ha suscitato le ire di alcuni consiglieri comunali leghisti. In mattinata, infatti, sui tavoli del Municipio è giunta un'interrogazione che definisce l'installazione una "patetica propaganda con soldi pubblici". «Avrei preferito che queste persone mi chiamassero per avere chiarimenti – sottolinea De Bernardo –. Il mio numero è facilmente reperibile su Google. Non so davvero cosa dire di fronte a una simile interrogazione. Sono allibito. Non capisco». 

Per chi l'ha firmata, il salvagente rappresenterebbe un chiaro richiamo ai migranti. Ce lo spieghi direttamente lei, allora, il senso di quegli oggetti gonfiabili...
L'opera si chiama "Apolide". E il termine apolide significa "cittadino del mondo". Io sogno un mondo senza confini. Bello, colorato. Un'isola variopinta. 

L'arte ha il potere di lasciare tutto in sospeso, di suscitare pareri contrastanti. Non tutti stanno capendo la sua opera, ne è consapevole?
Sì. Ma il salvagente non deve per forza essere visto solo come il mezzo di salvezza per i migranti. Tutti noi abbiamo bisogno di essere salvati da qualcosa. La nostra società è piena di problemi. Non c'è solo quello dei migranti. 

L'interrogazione parla di spreco di soldi pubblici. Cosa replica?
Non mi piace replicare a queste cose. Ho speso tantissimo di tasca mia. Questa gente, al posto di criticare, venga a vedere le mie fatture. Nella serata di oggi, venerdì, un centinaio di persone mi darà una mano nell'allestimento dell'opera. Sono tutti volontari, miei amici. Persone entusiaste che vogliono fare qualcosa di bello per Locarno. Non si fermeranno nemmeno di fronte alla pioggia. Stiamo tutto il tempo a parlare di aggregazioni e poi sottovalutiamo questo aspetto sociale incredibile?    

L'operazione doveva restare segreta. Domani, sabato, ci sarà addirittura una diretta radiofonica da Piazza Grande con Radio Fiume Ticino (a partire dalle 10). La sua idea sta comunque generando una certa attesa. È contento? 
Sì. Ma anche dispiaciuto. Sembra che si debba sempre criticare per forza. Io non sono contro le critiche. Se arriva una persona e dice che non apprezza la mia opera, dal profilo artistico, io lo accetto. Ma non vedo perché si debba per forza strumentalizzare l'arte, mischiandola con la politica. Il mio voleva essere un messaggio di positività. Il salvagente ci salva dai momenti difficili. Dalla tristezza. Tutti noi incontriamo difficoltà nella vita. Io ricordo, ad esempio, la grande tristezza per la morte di mio padre. 

A metà aprile, dopo due settimane di esposizione, la gente potrà portarsi a casa un salvagente come ricordo.  
Ho pensato anche ai bambini. E alle famiglie. Ognuno potrà dare un senso personale a questo gesto. Locarno è la mia città. Sono felice di darle colore e allegria.  

Commenti
 
splugen 10 mesi fa su tio
la trovo una "cagata" pazzesca, se era per attirare turisti potevano inventarsi qualcosa di meglio che spaventare gli animali. non credo che sia pagata Oppy.
falcodellarupe 10 mesi fa su tio
beh adesso con questi artisti (sic) di strada, personalmente mi sono stufato. Rispetto il parere di chi plaude, ma penso che le istituzioni pubbliche dovrebbero spendere quei soldi per sostenere di più le vere opere d'arte esistenti sul territorio valorizzando anche quelle poco conosciute. Faccio riferimento anche alle opere del famoso Christo, che dopo averle realizzate e ottenuto la pubblicità che voleva dai media, le distrugge. Per esempio: la passerella fatta a Iseo gli fu chiesta, alla fine della performance, da altre istituzioni pubbliche che avrebbero utilizzato il materiale per collegare siti sull'acqua in altre parti del paese. Fu risposto che l'artista avrebbe distrutto tutto il materiale, perchè doveva essere una cosa effimera e temporanea che elevava le qualità dell'artista. Coraggio, viviamo.
centauro 10 mesi fa su tio
@falcodellarupe Il telo arancio, che ricopriva i moduli galleggianti del pontile di Christo, è stato fatto a pezzi e donato a chiunque se lo voleva tenere come ricordo!
Ben8 10 mesi fa su tio
Genialata
seo56 10 mesi fa su tio
Delusione
siska 10 mesi fa su tio
Bellissima mega installazione e complimenti a Oppy De Bernardo! Peccato che non potrò esserci ma chi ci andrà se la goda! La politica per una volta fuori dai piedi.
Elena Pressacco 10 mesi fa su fb
Bellissima installazione in piazza Grande a Locarno. I criticoni vadano pure a farsi un bagnetto nel lago...c' e' tanta acqua e ora anche i salvagenti...in Ticino non si fa che criticare in particolare sulle opere artistiche. Ma tra il dire il fare c' e' di mezzo il mare e le cose bisogna pensarle. Leggete l' intervista di Botta su Cooperazione. Io aggiungo che la critica distruttiva e' figlia dell' ignoranza. Ticino docet.
Manuela Decarli 10 mesi fa su fb
brava hai ragione, sempre tutti conto tutto non se ne può più, solo a leggere certi commenti tante volte mi viene il magone, ma proprio così siamo diventati? gretti, criticoni, mettiamo sempre solo i soldi in prima linea?
Elena Pressacco 10 mesi fa su fb
Manuela Decarli penso sia il retaggio contadino e da emigranti dei nostri avi che sia rimasto troppo tempo nel nostro dna...ed e' ora di svegliarsi. Non se ne puo' piu' . Botta ha ragione anche sulla mediocrita'.
Manuela Decarli 10 mesi fa su fb
Elena Pressacco - non credo sia quello è una grettezza generale, gli stessi comenti, li trovi anche sui social italiani
Maria Lucrezia Perna 10 mesi fa su fb
Sei un grande Oppy De Bernardo Tutto il resto è noia
Mario Bernasconi 10 mesi fa su fb
ho letto l'articolo ... liberiamo l'aria!!! possibilità: armiamoci di fionde con i chiodi/viti .... usiamo delle forchette ... ecc Questo ci ruba l'aria!!! L'aria è libera!!! O sbaglio???
tip75 10 mesi fa su tio
se evitavano l articolo restava una sorpresa tanto mai si accontentano tutti
Gus 10 mesi fa su tio
Le critiche dei leghisti? Ma cosa può uscire da certe teste?
Riccardo Andreoli 10 mesi fa su fb
Salvate il mio portafoglio buttatemi qualche milanto in buca ?‍♀️?‍♀️??
miba 10 mesi fa su tio
Ok, ora che è stato messo in chiaro che la politica/migranti non centrano (sempre che non sia un pesce d'aprile anticipato) ben vengano i salvagenti colorati in Piazza Grande. Un po' di colori in mezzo a tante facce grigie, brontoloni e lamentoni proprio non guastano e soprattutto saranno felici i bambini (che forse nella loro innocenza sono ancora quelli che pensano e ragionano meglio di tutti...)
tkch 10 mesi fa su tio
Aboliamo i Rally e poi inquiniamo così? Vergognoso....
Mirketto 10 mesi fa su tio
@tkch Inquinare cosa?
gigipippa 10 mesi fa su tio
@tkch Per poter pagare i salvagenti, aboliranno anche i corsi di nuoto.
sedelin 10 mesi fa su tio
poi sulla polemica sto dalla parte dello sconosciuto autore, perché qui la politica c'entra come i cavoli a merenda.
sedelin 10 mesi fa su tio
mi auguro che l'opera "artistica" sia un pesce d'aprile, altrimenti la ritengo un insulto all'arte e al rispetto della natura: non abbiamo già troppa plastica in giro?!
centauro 10 mesi fa su tio
@sedelin ......e pensa ai gas di scarico dei macchinoni dei ticinesotti coi loro SUV e bolidi dai 3500 cc in su!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report