Fotolia
CANTONE
29.03.18 - 17:530
Aggiornamento : 18:24

Bambina maltrattata, processo concluso con quattro condanne

Ventidue mesi alla madre affidataria, diciotto mesi al padre, sedici mesi per il tutore e tredici mesi per l'assistente sociale. Pene tutte sospese

LUGANO - Sono state condannate tutte e quattro le persone a processo per i maltrattamenti inflitti a una bambina dalla famiglia affidataria. La madre affidataria è stata condannata a ventidue mesi di carcere, sospesi per due anni. Il padre affidatario a diciotto mesi, sospesi per due anni. Condannati rispettivamente a sedici e tredici mesi, sospesi condizionalmente, il tutore e l’assistente sociale della bambina. La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, è stata comunicata per iscritto alle parti.

Si conclude pertanto con quattro condanne il processo che ha chiamato alla sbarra la coppia per «indicibili maltrattamenti» commessi sulla bambina tra il 2010 e il 2013 - quando lei aveva meno di 10 anni -, nonché il tutore e l’assistente sociale per non avere affrontato la situazione, lasciando la piccola in quella casa.

I reati contestati - I reati contestati ai genitori affidatari - davanti alle Criminali di Mendrisio, riunite a Lugano - erano di coazione, violazione del dovere d’assistenza o educazione e lesioni semplici. Alla donna, inoltre, era stato rimproverata anche l’esposizione a pericolo della vita altrui. Violazione del dovere di assistenza o educazione, in alternativa favoreggiamento o negligenza, invece, per il tutore e l’assistente sociale.

Richieste di accusa e difesa - Nella sua requisitoria la procuratrice pubblica aveva chiesto una pena di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per la madre affidataria, due anni sospesi per il padre e dieci mesi sospesi sia per il tutore, sia per l’assistente sociale. Per la difesa, invece, gli operatori dovevano essere prosciolti da tutti i reati contestati, in quanto «non potevano sapere» e «si sono attenuti alle risultanze della rete». I legali dei genitori affidatari avevano chiesto la riduzione della pena a non più di diciotto mesi sospesi per la madre affidataria e una pena corretta per il padre, commisurata al contesto in cui si sono svolti i fatti.

Pena superiore per tutore e assistente sociale - Il tutore e l'assistente sociale sono stati accusati di favoreggiamento e la pena inflitta è superiore a quella proposta dall'accusa. 

Le scuse pubbliche - Gli imputati - che all’epoca dei fatti erano residenti nel Mendrisiotto - hanno voluto chiedere scusa in aula. «Mi dispiace - aveva detto tra le lacrime la madre affidataria -, è una colpa che mi porterò dietro per sempre». La donna aveva inoltre spiegato di avere capito di essersi comportata così - in merito ai maltrattamenti inflitti alla bambina - «a causa del passato» e a «situazione traumatiche infantili», per cui era stata chiesta la scemata imputabilità di grado lieve.

1 anno fa «Quelle brutalità inimmaginabili»
1 anno fa Quel grido d’aiuto rimasto inascoltato
1 anno fa Bambina maltrattata, la madre affidataria ha un passato traumatico
1 anno fa Processo per maltrattamenti: chiesti fino a due anni e dieci mesi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
9 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
9 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
11 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
12 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
13 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
15 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
17 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
18 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
20 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile