Fotolia
CANTONE
29.03.18 - 17:530
Aggiornamento : 18:24

Bambina maltrattata, processo concluso con quattro condanne

Ventidue mesi alla madre affidataria, diciotto mesi al padre, sedici mesi per il tutore e tredici mesi per l'assistente sociale. Pene tutte sospese

LUGANO - Sono state condannate tutte e quattro le persone a processo per i maltrattamenti inflitti a una bambina dalla famiglia affidataria. La madre affidataria è stata condannata a ventidue mesi di carcere, sospesi per due anni. Il padre affidatario a diciotto mesi, sospesi per due anni. Condannati rispettivamente a sedici e tredici mesi, sospesi condizionalmente, il tutore e l’assistente sociale della bambina. La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, è stata comunicata per iscritto alle parti.

Si conclude pertanto con quattro condanne il processo che ha chiamato alla sbarra la coppia per «indicibili maltrattamenti» commessi sulla bambina tra il 2010 e il 2013 - quando lei aveva meno di 10 anni -, nonché il tutore e l’assistente sociale per non avere affrontato la situazione, lasciando la piccola in quella casa.

I reati contestati - I reati contestati ai genitori affidatari - davanti alle Criminali di Mendrisio, riunite a Lugano - erano di coazione, violazione del dovere d’assistenza o educazione e lesioni semplici. Alla donna, inoltre, era stato rimproverata anche l’esposizione a pericolo della vita altrui. Violazione del dovere di assistenza o educazione, in alternativa favoreggiamento o negligenza, invece, per il tutore e l’assistente sociale.

Richieste di accusa e difesa - Nella sua requisitoria la procuratrice pubblica aveva chiesto una pena di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per la madre affidataria, due anni sospesi per il padre e dieci mesi sospesi sia per il tutore, sia per l’assistente sociale. Per la difesa, invece, gli operatori dovevano essere prosciolti da tutti i reati contestati, in quanto «non potevano sapere» e «si sono attenuti alle risultanze della rete». I legali dei genitori affidatari avevano chiesto la riduzione della pena a non più di diciotto mesi sospesi per la madre affidataria e una pena corretta per il padre, commisurata al contesto in cui si sono svolti i fatti.

Pena superiore per tutore e assistente sociale - Il tutore e l'assistente sociale sono stati accusati di favoreggiamento e la pena inflitta è superiore a quella proposta dall'accusa. 

Le scuse pubbliche - Gli imputati - che all’epoca dei fatti erano residenti nel Mendrisiotto - hanno voluto chiedere scusa in aula. «Mi dispiace - aveva detto tra le lacrime la madre affidataria -, è una colpa che mi porterò dietro per sempre». La donna aveva inoltre spiegato di avere capito di essersi comportata così - in merito ai maltrattamenti inflitti alla bambina - «a causa del passato» e a «situazione traumatiche infantili», per cui era stata chiesta la scemata imputabilità di grado lieve.

TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 ore
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
7 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
9 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
10 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
13 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
16 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
16 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
20 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
20 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile