Fotolia
CANTONE
22.02.18 - 06:000
Aggiornamento 08:24

La guerra dei broker: «Così mi hanno fregata»

Si presentano a domicilio proponendo il cambio della cassa malati complementare. E a volte una banale firma si trasforma in un guaio senza fine. La storia di Aaliyah è emblematica

CHIASSO – Ingannata a domicilio dalla broker. E ora si trova a pagare due volte la cassa malati complementare. La vicenda di Aaliyah A., giovane di Chiasso, è emblematica. «Mi hanno fatto cambiare cassa malati, promettendomi prestazioni che in realtà non avrei avuto». Colpa anche di quel precontratto firmato ingenuamente. «È un fenomeno in crescita da anni – dice Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI) –. Riceviamo tante segnalazioni simili. E c’è addirittura chi arriva ad avere 3-4 assicurazioni complementari da pagare in contemporanea».  

A caccia di contratti – Aziende specializzate nella comparazione delle casse malati complementari. Ma anche singoli agenti che si mettono in proprio. Tutti a caccia di contratti. La ditta che ha contattato Aaliyah ha sede a Lugano. «Un giorno una ragazza mi chiama sul telefono di casa. È il mese di marzo del 2017. In quel periodo ero molto stressata a causa di un imminente intervento chirurgico. Ed ero stufa della mia cassa malati. La prospettiva di cambiare poteva essere allettante».

Il sacro vincolo – Si fissa, dunque, un appuntamento a casa di Aaliyah. E lì la broker le elenca tutti i vantaggi del possibile cambio di cassa malati. «Su tutti, quello della libera scelta del medico. Per me era una priorità. Ho quindi firmato una sorta di precontratto». Che è, tuttavia, vincolante. Fino al 2020. Quando Aaliyah si accorge che la nuova assicurazione non prevede la libera scelta del medico è troppo tardi per tornare indietro. «Da mesi sto trattando con la nuova assicurazione per la revoca del contratto. L’azienda di brokeraggio, invece, fa finta di niente. Non hanno mosso un dito. Sono stata fregata, in tutto e per tutto».     

Pronti a tutto – «Lo scopo di questa gente – riprende Regazzoni Meli – è quello di fare firmare nuove assicurazioni complementari. C’è una forte pressione in queste aziende. E le provvigioni per ogni nuovo contratto spesso sono parecchio alte. Ci sono broker pronti a tutto per una nuova firma. È un problema serio. Perché a volte il consumatore è sprovveduto e si lascia incantare dalle belle parole».

Dietrofront impossibile – In particolare, secondo la segretaria dell’ACSI, ci sarebbe un problema di fondo legato al valore di una firma. «Quando una persona firma un documento, è come se facesse una proposta all’assicurazione. Prima di firmare qualsiasi carta, occorre avere in chiaro tutte le condizioni. Una volta che si firma, diventa oggettivamente difficile fare dietrofront».

La replica – Intanto, l’azienda di brokeraggio di Lugano respinge ogni critica. E, per bocca della responsabile, fa sapere: «Noi siamo sempre molto chiari con i nostri clienti. E illustriamo loro, con trasparenza, vantaggi e svantaggi legati a un possibile cambiamento». La nostra interlocutrice esclude che i dipendenti dell’azienda siano spinti a barare poiché ingolositi da allettanti provvigioni. «I nostri collaboratori hanno stipendi fissi. E poi chiaramente ci sono provvigioni. In ogni caso non c’è alcuna pressione su di noi». 

Commenti
 
curzio 7 mesi fa su tio
Mi sconvolge nel leggere che c'è ancora gente che non riattacca immediatamente alle chiamate pubblicitarie.
Lucadue 7 mesi fa su tio
Capita anche a me di ricevere telefonate da cassamalatari che si dichiarano più convenienti di tutti Dopo i vari preamboli, appena dico loro che siamo TROPPO anziani interrompono la telefonata..
Stefano Brambilla 7 mesi fa su fb
Quanto è brutto leggere certi commenti e certe opinioni... io si, sono un consulente assicurativo operante in Canton Ticino... chiamatemi Broker, assicuratore, consulente... come preferite... quello che posso dire è che in ogni lavoro che si rispetti c'è la figura che lavora bene e quella che lavora male.. Ovviamente il nostro lavoro si basa sulla fiducia reciproca e sull'onestà verso il cliente... Purtroppo non tutti la pensano cosi e guardano soltanto il proprio portafoglio... Onestamente quello che mi lascia basito e perplesso è come il 90% delle persone residenti non sappia ancora come funziona un contratto assicurativo.... Non esistono preventivi o proposte... quando si firma una "proposta", se venite accettati dalla rispettiva compagnia, questo diventa a tutti gli effetti un contratto assicurativo... Quindi, mi chiedo, è sempre colpa degli assicuratori? Un assicuratore che si rispetti deve avere MOLTE credenziali: Quando si redige un contratto assicurativo questo consulente deve essere in possesso dell'articolo 45, che certifica a tutti gli effetti la possibilità di proporre determinate assicurazioni e l'ufficio per cui lavora deve essere riconosciuto dalla FINMA.. Quindi, prima di attaccare il mio settore e la mia figura, vi chiederei l'accortezza di essere più accorti nelle vostre decisioni e smetterla di attaccare senza se e senza ma... Il mio lavoro permette a molte persone di Risparmiare sui premi assicurativi, di avere delle prestazioni migliori e di avere un consulente di fiducia su cui appoggiarsi per ogni esigenza o evenienza... Tante volte, se non ci fossimo i "Broker" che si districano nei meandri delle compagnie per risolvere i problemi dei clienti, vorrei vedere come potreste risolvere in breve tempo le vostre problematiche..... Detto questo ringrazio infinitamente tutte le persone che mi hanno dato fiducia e che si appoggiano alla mia figura per essere seguiti e tutelati in ambito assicurativo-previdenziale... Rimango a disposizione per qualsiasi domanda e/o informazione.
Andrea Conti 7 mesi fa su fb
Patrick Iula proprio come facevi te😘❤️
Giuseppe Civiletti 7 mesi fa su fb
Dopo l’articolo sulle provvigioni, adesso questo.... generalizzare non aiuta, e come in tutti lavori esistono seri professionisti e truffatori
Alessio Empathy 7 mesi fa su fb
In primavera vogliono farti credere di sapere già i premi delle casse malati per l'anno successivo. E non bisogna poi essere dei fenomeni per consultare siti come Comparis.
Emanuela Pellegrino Cantoni 7 mesi fa su fb
Vero condivido pienamente....
miba 7 mesi fa su tio
Se la redazione di TIO mi da l'OK non ho nessuna difficoltà in merito
miba 7 mesi fa su tio
@miba era la risposta a Riccardo Pullarà (fèss book)
Nadine Ferrari 7 mesi fa su fb
"La nostra interlocutrice esclude che i dipendenti dell’azienda siano spinti a barare poiché ingolositi da allettanti provvigioni. «I nostri collaboratori hanno stipendi fissi. E poi chiaramente ci sono provvigioni. In ogni caso non c’è alcuna pressione su di noi»." Bell'arzigogolo per confondere le idee, ma non significa proprio niente... :o
Elena Volpe 7 mesi fa su fb
Bastardi
Elena Volpe 7 mesi fa su fb
Bastardi
Fatima Ferreira Campos 7 mesi fa su fb
La mia cassa malati da un paio d'anni a questa parte me la cerco io... ogni volta mi chiamano a casa... alla risposta non mi interessa... "ma signora noi le stiamo facendo una proposta molto vantaggiosa... blablabla..." ho imparato a rispondere con fermezza... scusi ma se non ha capito glielo ripeto, non sono interessata!!! me la cerco io la cassa malati... Allora mi spengono il telefono in faccia come se stessero facendomi un favore... L'altro giorno mi hanno richiamato... domande di quale cassa ho adesso... quanti siamo in famiglia... le ho detto che non ero interessata!!! "ma noi possiamo farle una proposta per le complementari, ci faccia vedere il contratto, controlliamo le date di scadenza e può risparmiare...ancora tanto bla bla bla... alla fine le dico, in mi mandi i colleghi!!! 🤔🤔🤔 voglio proprio vedere - si ricordi signora porti le polizze!!!... 🙄🙄🙄 sì...sì... Si presentano all'incontro, non più 1 persona 😲😲😲 ma ben sì 2 🤦🤦🤦 Signora, ha portato le polizze??? - NO!!! scusate, ho spiegato alla collega che ero apposto con la cassa malati e che non potrei nemmeno cambiare cassa adesso!!! La collega non ha voluto sentire quello che le stavo spiegando... quindi scusate tanto ma la Vostra proposta non mi interessa!!! 🤷🤷🤷 Dopo 2 minuti di incontro... l'incontro era finito!!! Se sentono solo quello che vogliono loro... Scusate tanto, ma io mi chiedo come fa una cassa malati a sapere i prezzi per l'anno che viene già a gennaio se a noi ce lo comunicano solo ad ottobre!!!??? Qui qualcosa non quadra 🤔🤔🤔 Io sono rimasta fregata una volta... E avevo detto chiaramente che quello non era un contratto ma ben sì una proposta... Non fosse perché mi sono data da fare, avrei pagato non solo le complementari, che ho dovito pagare in doppio, ma anche la base per 2 casse... in 4 persone😲😲😲aiuto...!!! Oggi, di broker non voglio nemmeno sentir parlare!!! Me la cerco da sola!!! L'onestà non esiste più!!!
miba 7 mesi fa su tio
In sostanza nei commenti hanno tutti più o meno ragione. Forse qualche spunto in più e cioè che, anche se effettivamente pochi, sul mercato esistono comunque broker's seri, preparati ed affidabili. Il mercato è ormai saturo e l'esercizio è limitato a quello di "rubare" assicurati da una parte per farli assicurare da un'altra parte (provvigioni). Un'occhiata nel sito tutti (offerte di lavoro) potrà darvi un'idea della situazione e cioè della continua e consistente ricerca di broker's, venditori, agenti, ecc ecc legati alla vendita di assicurazioni e/o casse malati. Attenzione anche al decantato numero FINMA: quando questo è stato introdotto le relative certificazioni sono state approvate in maniera (troppo!) facilitata ed oltretutto senza nessun esame (criteri che sono poi stati modificati successivamente). Anche il famoso Comparis non è una garanzia in quanto, per chi ancora non lo sapesse, fa apparire in modo migliore gli assicuratori che pagano a Comparis per i click/offerte inviati tramite il suo sito internet. Non è solo una questione di premi (finché non c'è nulla va sempre tutto bene) ma attenzione a valutare molto bene il rapporto premi/assicuratore. Tendenzialmente le casse malati svizzero-tedesche sono molto meno complicate e nettamente più veloci delle casse malati romande (che hanno tendenzialmente i premi inferiori). Tanto per fare un esempio concreto una delle casse malati romande impiega ben tre settimane solo per esaminare una semplice domanda in merito ad una copertura assicurativa (!!!) e per chi fosse scettico o contestasse ho la relativa e-mail a disposizione. Attenzione (e molta...) da ultimo al consulente/broker amico o conoscente: qui per un meccanismo logico basato sulla conoscenza e sulla fiducia si tende a firmare più facilmente ma è proprio in queste situazioni che poi nascono i grossi problemi (ed oltre alla fregatura si perde anche l'amicizia....). Volete cambiare le complementari della cassa malati? Prendetevi il tempo necessario, confrontate in internet (e non basandovi solo su Comparis...), rivolgetevi direttamente alle casse malati per le offerte e se avete dei punti per voi importanti (ad esempio il riconoscimento della medicina alternativa, le cure all'estero, ecc ecc ecc) e non siete al 100% sicuri in tal caso fate in modo di avere dall'assicuratore malattia una conferma scritta, anche per e-mail va bene lo stesso
Riccardo Pullarà 7 mesi fa su fb
Nome dell’azienda?
Ivana Pandeva 7 mesi fa su fb
David Ployer 😮
David Ployer 7 mesi fa su fb
Il problema è che la gente non ha ancora capito che tra noi e i broker c’è una grande differenza.. e per questo motivo ci rimettiamo anche noi
Equalizer 7 mesi fa su tio
È anche per questo che vogliono limitare le armi, prima o poi faranno incazzare quello sbagliato e poi succederà un casino.
HBM 7 mesi fa su tio
Stessa cosa successa a me. 2 Persone a casa mia. Una prometteva una cassa malati nuova e più a buon mercato, l'altro maneggiava tutto il tempo l' ipad. Per la nuova cassa malati ho firmato due disdette in bianco (proprio scema!) e ho dato tutti i dati personali. Alla fine ho firmato una proposta complementare sull' ipad senza aver avuto la possibilità di poterla leggere. Risultato: la cassa malati ricevendo la disdetta e la proposta firmata ha mandato il certificato per l'anno 2019 con assicurazione obbligatoria e tutti complementari, senza prezzi ma da disdire solo al 31.12.2019. Per di più mi é arrivata da un' altra cassa una richiesta per un certificato medico per essere assunta come nuovo cliente. Mi sento raggirata e truffata. Mai più farò entrare persone cosi a casa mia. Ma per tutti danneggiati: c'é anche la possibilità di un Ombudsman a Lucerna. Altrimenti bella idea la denuncia in Polizia.
Felicia Perna Celso 7 mesi fa su fb
Noi ne siamo usciti quest’anno dopo 2 anni da incubo. Noi saremo anche ingenui ma non c’è più onestà.
roma 7 mesi fa su tio
...e soprattutto non date appuntamento a nessuno di coloro che vi telefonano a casa per fare una..."valutazione" della vostra cassa malati...MAI.
Nigelle 7 mesi fa su tio
NON va mai firmata una proposta. Dopo la trasmissione televisiva “patti chiari” di settimana scorsa; la responsabile di una nota cassa malattia è stata categorica... se viene richiesta una firma NON È PIÙ UNA PROPOSTA MA UN CONTRATTO
Zico 7 mesi fa su tio
@Nigelle tanto per chiarire e senza polemiche: la proposta in realtà sei TU che chiedi alla Cia di assicurazione di assicurarti, e se loro non hanno niente in contrario si trasforma in contratto. tanto per chiarire. ciao
Bandito976 7 mesi fa su tio
Doppia complementare doppia prestazione. Manda le fatture a tutte due le casse.
Linda ProfiloPrivato Rossi-Ferrari 7 mesi fa su fb
Questa è una truffa! Altro che leggere.. qui si sta perdendo il punto focale: t-r-u-f-f-a!! È ora di chiedere chiarezza e giuste pene per questi “broker”
Lucrezia Novelli 7 mesi fa su fb
anche per le casse malati! non sono solo i broker a fare le truffe
Sarah Azar 7 mesi fa su fb
Leggere, leggere, e ancora leggere..
navy 7 mesi fa su tio
Il problema è che, spesso e volentieri, sono le stesse CASSE MALATI a ricorrere a questi barlafuss......Anni fa ebbi la stessa esperienza con due ragazzini-Broker operanti per un broker di Chiasso. Loro avevano poche rughe ed io l'esperienza. MORALE è venuto fuori un polverone e la mia cm HELSANA si era scusata. Si era scusata per le modalità ma non per il modus operandi in chiave INSIDER TRADING a discapito dell'assicurato. Il così detto Broker operava con autorizzazione da parte di HELSANA ma, a fine incontro non avevo in mano nulla dell'offerta e non vi è stato nulla da fare. "visto che non ha accettato non possiamo lasciare documenti in giro". Questo "insider trading" capita anche con altre importanti COMPAGNIE ASSICURATIVE. Conclusione: Se volete risparmiare (ammesso e non concesso riusciate) andate PER CONTO VOSTRO su COMPARIS. CH. Oppure, contattate le varie compagnie e documenti alla mano, fatevi fare offerte. Offerte che dovranno essere cartacee NERO su BIANCO.
Mary Fanchini 7 mesi fa su fb
Si ascolta per gentilezza ma non si firma mai nulla!!!
Igor Gutschen 7 mesi fa su fb
ma questa faccenda dei broker assicurativi è nata in concomitanza con l'afflusso di stranieri che risiedono in Svizzera perché, fino a qualche anno fa non ti fermava nessuno per proporti la nuova cassa malati che tra l'altro non va pagata a prescindere
Nadine Ferrari 7 mesi fa su fb
Eh sì, è sicuramente colpa degli stranieri. Di nuovo. Ma non sparare cavolate, va!
Igor Gutschen 7 mesi fa su fb
Nadine Ferrari leggi analfabeta di ritorno; che due balle quando aprite la fogna per far uscire m.... non era un'accusa agli stranieri.
Gianluca Rugo 7 mesi fa su fb
Certo chi é qui da poco, probabilmente, é un pollo più facile da spennare.
Trasp 7 mesi fa su tio
Se proprio volete risparmiare qualcosa ( a volte anche 1000 CHF all'anno) andate su www.comparis.ch (sito affidabile da diversi anni) che vi mostra i diversi costi di tutte le casse malati specificatamente per il vostro caso (cioè sesso, età e domicilio), e poi se non volete avere a che fare neanche con comparis contattate direttamente la cassa malati. Negli ultimi 15 anni ho cambiato più volte la LAMAL, cassa malati obbligatoria ed è uguale per legge in tutte le assicurazioni, risparmiando diverse migliaia di CHF. Altra cosa buona da fare per risparmiare è il TELMED, cioè avvisare la cassa malati che si va dal dottore (e quando va bene si ricevono anche consigli). NON C'È BISOGNO DI BROKER PER LA CASSA MALATI!!!!!!
Marina Lanza 7 mesi fa su fb
Provate a chiedere di mettere tutto nero su bianco, prima di firmare, inviandovi una lettera o una mail con la proposta, non lo faranno.
Clio Lanza 7 mesi fa su fb
Vanno a pescare anziani e persone che non parlano bene italiano ....così fanno gli affari!
Davide Galfetti 7 mesi fa su fb
I broker rovinano il mercato assicurativo.
Elena Melone 7 mesi fa su fb
Se la gente fosse meno credulona ?
Francesco Sganga 7 mesi fa su fb
Se esistessero più regole nel settore questo non succederebbe. Chiunque potrebbe diventare broker da un giorno all'altro.
Nadine Ferrari 7 mesi fa su fb
I broker aiutano a tenere bassi i prezzi. Sono i disonesti, semmai, a rovinare il mercato.
Davide Galfetti 7 mesi fa su fb
Bisognerebbe sempre sentire entrambe le campane per capire cosa sia successo. Come dice Francesco, se fossero applicate tutte le regole (perché esistere, esistono) sarebbe più facile. Io lavoro nel mondo assicurativo come consulente, non come broker. Di regole ce ne sono parecchie e sono da rispettare. I prezzi non li fanno i broker ma le compagnie, non hanno nulla a che vedere loro con i prezzi. I prezzi variano in base alle eventuali prestazioni ed al rischio da assicurare
Lucrezia Novelli 7 mesi fa su fb
i truffatori sono le casse malati piu' che i broker
Nadine Ferrari 7 mesi fa su fb
Di nuovo, non sono i broker a infischiarsene delle regole ma i disonesti. Comunque ora è chiaro: ce l'hai coi broker perché ti rendono meno facile la vita. ;) Detto ciò, che non siano i broker a fare i prezzi è ovvio, infatti io non ho affatto detto questo, ma sono loro a dare ai potenziali clienti la possibilità di scegliere tra le offerte sul mercato, con cognizione di causa e attraverso paragoni diretti e più o meno super partes. Tu, in quanto consulente, cerchi di vendere il tuo prodotto sostanzialmente fregandotene (e nota bene che non lo dico con disprezzo: è assolutamente normale) se lo stesso servizio potrebbe costare meno o essere migliore rivolgendosi alla concorrenza. Il broker (quello onesto) fa esattamente questo: cerca di trovare e proporre la soluzione migliore, specifica per ogni cliente, tra quelle sul mercato. PS: Siamo onesti, su: i prezzi non variano solo in base "alle eventuali prestazioni e al rischio da assicurare" ^_^
Biagio 7 mesi fa su tio
Sapere il nome metterebbe in guardia altri cittadini. In questo caso dovrebbero essere tutti gli altri assicuratori e broker ad incavolarsi è pretendere verità e giustizia. Beh, saranno sicuramente parole al vento. I denari ed i contratti son sempre contratti...
Reddy Red 7 mesi fa su fb
Si ma siete proprio intelligenti ....
Kata Keib 7 mesi fa su fb
Ma tu riesci a fare un commento costruttivo? Ma sempre commenti del cazzo i tuoi ne, lasciatelo dire 😅
Lurdes Maria Baccolini 7 mesi fa su fb
Nessuna viene a 🏠 nostra regalarci i soldi' è logico rifiutare'
Marco Alberto 7 mesi fa su fb
Fin quando trovano quello sbagliato .........e gli fa cambiare mestiere.......così va a sudare nei cantieri e non a casa a fregare la gente per bene.......ladri .......
Angela Ceraudo 7 mesi fa su fb
È successo anche a noi x fortuna che dopo aver denunciato il tutto in polizia siamo riusciti a liberarci x intato abbiamo pagato tantissimi soldi ... a vuoto alle casse non gli interessa nulla se ne paghi una ho due x loro tu hai firma è adesso paghi ...
Fran 7 mesi fa su tio
Nessuna complementare vi farà uscire durante l'anno, ergo pagherete 2 assicurazioni! Svegliatevi ....
Fran 7 mesi fa su tio
NON cambiate cassa malati complementare durante l'anno! Che ve lo propone è un imbroglione! Sempre!!! Gente senza scrupoli.
chico2017 7 mesi fa su tio
I "porta-a-porta" fisici si stanno estinguendo e fanno di tutto pur di sopravvivere. Aprite gli occhi richiudendo la porta.
Potrebbe interessarti anche
Tags
broker
cassa malati
cassa
firma
aaliyah
assicurazione
azienda
provvigioni
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report