Immobili
Veicoli
Sette cani per sette agenti
TiPress
+4
CANTONE
20.02.18 - 15:020
Aggiornamento : 16:44

Sette cani per sette agenti

Sono quelli che fiutano la droga nascosta. Per l’ottima riuscita sono necessarie due cose: una forte intesa tra agente e animale e l’idea che in fondo sia tutto un gioco

CHIASSO - «Al cane dobbiamo dare l’impressione che stia giocando. Il giorno in cui capisce che sta facendo un lavoro, inizierà a rendere di meno». È una regola che vale un po’ per tutti, ma per i cani evidentemente di più. Ne è convinto Fausto Fedeli, sergente responsabile tecnico cinofilo, che quotidianamente è in compagnia dell’amico più fedele dell’uomo per scovare su tutto il territorio ticinese tracce di sostanze stupefacenti, sigarette, materiale esplosivo, persone finite sotto una valanga, o anche solo per individuare animali protetti e prodotti quali avorio, pellicce e carne selvatica.

Una vita insieme al cane - Sono sette in Ticino i cani in dotazione ad altrettanti “conduttori”, agenti delle guardie di confine. Spesso li vediamo sui treni, all’aeroporto di Agno o in dogana. E ogni agente instaura con l’animale un rapporto molto stretto. «Vivono tutta la loro vita insieme alla famiglia del conduttore, ed essendo cani di lavoro è necessario che vengano rispettate quelle che sono le regole basilari per il loro sviluppo» ci spiega Fausto Fedeli nel video realizzato da Tio/20minuti. Si inizia sin dalla tenera età. Quando il cane ha appena 18 mesi. E una volta che supera i quattro esami annuali, può svolgere il suo lavoro fino all’età dei dieci anni.

Individuare la droga in una tazzina di caffè - L’addestramento è suddiviso in più fasi, ci viene spiegato: «Si parte dalla formazione fino ad arrivare a livelli di difficoltà più alti, come il riconoscimento della sostanza stupefacente all’interno di una tazzina di caffè».

Durante l’addestramento il cane non entra mai a contatto con droghe vere bensì con pseudo droghe, quindi sarà presente solo il principio attivo della sostanza, e questo per non causargli problemi. «Iniziamo con la cocaina che è un acido benzoico, se per esempio fosse utilizzato per prima l’eroina, che è un acido acetico, il cane avrebbe fin da subito una repulsione ad andare verso l’odore» spiega ancora Fausto Fedeli. L’unica sostanza non sintetica utilizzata è l’hashish che non crea problemi al cane.

Gli animalisti a questo punto potrebbero preoccuparsi, ma possono stare tranquilli. Il cane non arriva a ingerire la droga. «I nostri conduttori hanno in dotazione un gel appiccicoso che viene spruzzato in gola al cane nel caso in cui dovesse ingerire una sostanza stupefacente. In questo modo si blocca l’effetto durante il trasporto dal veterinario».

Davide Giordano
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 3 anni fa su tio
Come per le spose e i fratelli?
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
4 ore
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
CANTONE
6 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
7 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
8 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
9 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
1 gior
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
1 gior
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
1 gior
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
1 gior
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile