Archivio Keystone
CANTONE / SVIZZERA
19.02.18 - 14:340
Aggiornamento : 18:16

Da Lugano all'aeroporto di Zurigo con l'autobus

L'Ufficio federale dei trasporti ha rilasciato alla compagnia Domo Swiss Express la concessione per tre autolinee nazionali a lunga percorrenza: una di esse riguarda il Ticino

BERNA - L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha rilasciato alla Domo Swiss Express SA la concessione per tre autolinee nazionali a lunga percorrenza dopo che l'impresa ha fornito tutte le conferme necessarie e i documenti comprovanti il rispetto delle disposizioni di legge. Una di esse collegherà l'aeroporto di Zurigo a Lugano, passando da Basilea e Lucerna. Le altre autolinee interessate sono la San Gallo – Zurigo – Bienne – Ginevra aeroporto e la Coira – Zurigo – Berna – Sion.

Gli autobus circoleranno una o due volte al giorno in entrambe le direzioni. La concessione, valida fino a fine 2020, stabilisce le fermate servite e il numero massimo di corse quotidiane che può essere fissato nell'ambito della procedura di definizione dell'orario.

L'offerta di Domo Swiss Express SA sarà integrata nell'attuale sistema delle tariffe e dei trasporti pubblici e comprenderà il riconoscimento degli abbonamenti generale e metà prezzo. Sarà sottoposta all'obbligo di prenotazione, in quanto sugli autobus a lunga percorrenza non sono ammessi posti in piedi.

Il rapporto del Consiglio federale - Nel suo rapporto dell'ottobre scorso sui trasporti internazionali di viaggiatori il Consiglio federale ha stabilito che le autolinee nazionali a lunga percorrenza possono essere in determinate circostanze un opportuno completamento dell'attuale sistema dei trasporti pubblici. Integrandole nel sistema tariffario dei trasporti pubblici esistente, si possono creare nuove e comode possibilità di viaggio. In questo modo l'efficiente sistema svizzero dei trasporti pubblici può essere  ulteriormente rafforzato e costituire un'interessante alternativa al traffico motorizzato privato.

«Tasso d'occupazione del 50%» - I primi mezzi circoleranno dal 25 marzo. Domo si attende un'importante domanda in Svizzera, ha detto all'ats Patrick Angehrn, responsabile del traffico dei bus di linea: «Miriamo a un tasso d'occupazione del 50%». È possibile che le corrispondenze relative ai collegamenti proposti figureranno nell'orario delle FFS, a condizione che la società inserisca queste indicazioni nella banca dati dei trasporti pubblici, ha precisato all'ats il portavoce dell'ex regia federale Christian Ginsig.

Angehrn ha negato che vi sia vera concorrenza fra Domo e le FFS, dato che i veicoli della prima dispongono di un totale di 800 posti a sedere, mentre le seconde trasportano ogni giorno 1,2 milioni di passeggeri. Tuttavia, le reazioni di sindacati e organizzazioni dei trasporti sono state scettiche.

Stando a Pro Bahn, che si batte in favore dei fruitori della ferrovia, Domo non sarà un servizio aggiuntivo, bensì rappresenterà una vera e propria alternativa ai treni, andandosi a inserire in un contesto già di per sé denso. Per l'Unione sindacale svizzera (USS) la decisione minaccia il servizio pubblico, mentre secondo l'Associazione svizzera dei trasportatori stradali (ASTAG), l'UFT è stato troppo precipitoso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Ottima iniziativa, ma per la tratta Ticino Zurigo prevedo molti incolonnamenti... Vedremo i prezzi... :-))))
Equalizer 2 anni fa su tio
Perché tanto rimarranno incornati dentro il traffico del Gottardo, e abbandoneranno la linea entro la fine del 2018. Di non essere che le partenze dal Ticino avvengano giornalmente alle 02.00
vulpus 2 anni fa su tio
Le contraddizioni tipicamente svizzere.Il gatto che si mangia la coda: da una parte si investono miliardi per mettere il più possibile sulla ferrovia. Poi arrivano gli speculatori privati ( ci sarà qualche consigliere nazionale dietro a questa azienda?) ai quali bisogna dare corda e allora avanti altri veicoli sulle strade già intasate.
rezzonick 2 anni fa su tio
Ma perché la Domo ottiene l'autorizzazione per la linea Lugano -Zurigo e invece viene tolta alla Giosy Tour per il servizio su Malpensa????
GI 2 anni fa su tio
mi sembra giusto investire miliardi per togliere i veicoli pesanti (i TIR per intenderci) per autorizzarne altri....almeno giustifichiamo anche i prossimi investimenti per la rete autostradale....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile