Fotolia
LUGANO
13.02.18 - 06:410
Aggiornamento 09:04

Nussbaumer si dà alla bava di lumaca

Il medico già noto per le terapie naturali a base di cannabidiolo è tra i promotori di un progetto per un allevamento con laboratori a Pregassona

LUGANO - La bava di lumaca? Si utilizza sempre di più nel settore cosmetico, ma anche in ambito medico. Ed è proprio nel secondo che intende fare il proprio ingresso la Helix Dispersa Sagl di Lugano, di cui fa parte anche il dottor Werner Nussbaumer di Gravesano, già noto per la prescrizione di terapie naturali a base di cannabidiolo. Ecco dunque che in una serra di Pregassona sarà prossimamente avviata «un’attività agricola legata all’allevamento e all’utilizzo delle risorse delle lumache», come si evince dalla richiesta per il cambio di destinazione in pubblicazione fino al 27 febbraio 2018 all’ufficio tecnico di Lugano. Un progetto che prevede la creazione di sette “giardini” per l’allevamento a terra e di quattro locali amovibili in cui avverranno i processi di estrazione, lavorazione e stoccaggio della bava. «In Ticino siamo i primi che si danno alla produzione di preparati terapeutici» afferma, da parte sua, Nussbaumer.

Si parla in particolare di pomate cicatrizzanti o per la pelle secca, come pure di sciroppi per la tosse o di nutraceutici contro le gastriti o le infiammazioni. «D’altronde già i nostri nonni mangiavano i lumaconi quale rimedio all’acidità di stomaco» sottolinea il terapeuta. Per lui non si tratta comunque di un modo per abbandonare la canapa, anzi: «Il cannabidiolo si può benissimo combinare alla bava di lumaca».

Ma come avviene l’estrazione? «Innanzitutto non bisogna torturare gli animali» ci dice, spiegando che con la somministrazione di una piccola quantità di ozono si induce la lumaca a produrre la bava. È una procedura che si può ripetere due-tre volte, a intervalli di una settimana. E in seguito? «Le lumache si possono poi mangiare».

La produzione e il consumo di bava sta registrando un vero e proprio boom nella vicina Italia, secondo una recente analisi dell'associazione dei coltivatori diretti. Ed è dall’Italia che saranno importate le lumache della razza Helix Aspersa Maxima: ogni tre mesi e mezzo circa è previsto l’arrivo, all'allevamento di Pregassona, di fino a una tonnellata di esemplari.

1 anno fa Dalla tavola alla cosmesi, in 20 anni il consumo di lumache sale del 325%
Commenti
 
limortaccituoi 3 mesi fa su tio
Bava di lumaca come collante per chiudere le cartine degli spinelli...interessante! :D
Laika1 3 mesi fa su tio
Questa ci mancava!!!
Tarok 3 mesi fa su tio
dalla canapa alle lumache.... il dottore legge anche la mano o i fondi di caffè?
Benji78 3 mesi fa su tio
Il boom delle lumache non è italiano ma mondiale, con previsioni ancora in decisa crescita. I costi per l'inizio dell'attività e la gestione relativamente ridotti. Bisogna vedere se anche in Svizzera è in grado di dare un buon reddito, considerando la concorrenza dei paesi europei ed extraeuropei. Con l'uso cosmetico e medico dei derivati il discorso può essere interessante. Almeno fino a quando la domanda eccede di molto l'offerta.
chico2017 3 mesi fa su tio
E cosa ne sa lei , egregio signor Nussbaumer, che una lumaca non si senta torturata, per esempio solo durante il trasporto?? Non crederà che in Ticino si inizia a mangiare lumache tutti i giorni solo per compiacere le statistiche italiane e ticinesi!?
pulp 3 mesi fa su tio
@chico2017 Se cucinate bene sono buonissime :-)
gabola 3 mesi fa su tio
@pulp D'accordissimo;)
Potrebbe interessarti anche
Tags
bava
lumaca
allevamento
nussbaumer
bava lumaca
lumache
pregassona
cannabidiolo
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report