TiPress
BEDANO
29.01.18 - 14:460

Sostegno dell’OCST ai dipendenti di Six

Il sindacato ha mostrato la sua vicinanza ai lavoratori questa mattina in protesta davanti all’azienda

BEDANO - Il sindacato OCST sostiene i lavoratori della Six Group di Bedano che questa mattina hanno protestato per due ore contro la chiusura della loro sede di lavoro, insieme a quelle di Örlikon e Losanna, e contro la decisione di privarli di un qualsiasi sostegno tramite un piano sociale.

«La direzione della Six Group scarica totalmente sulla collettività il prezzo della decisione puramente speculativa di centralizzare e in parte delocalizzare all’estero l’attività di un’azienda sana e produttiva: una ricchezza per il Ticino». Per il sindacato l'azienda che nel suo rapporto sulla sostenibilità si definisce «un datore di lavoro responsabile, perché protegge la diversità e l’integrità personale di tutti gli impiegati, perché offre un ambiente di lavoro ricco di opportunità e che motiva i dipendenti a dare il meglio», ha dimenticato nel quadro idilliaco il coinvolgimento dei dipendenti, come portatori di interesse, nelle decisioni aziendali.

OCST punta il dito contro il quadro legislativo del nostro Paese, «non efficace nel porre i datori di lavoro di fronte alle proprie responsabilità».

La sede di Bedano occupa 70 dipendenti che saranno licenziati. «Perderanno il loro impiego persone formate, tra le quali numerosi ultracinquantenni, che vedono ripagata la propria fedeltà all’azienda con una totale chiusura e mancanza di interesse per il loro futuro».

Six Group è un’azienda che avrebbe le risorse per offrire un piano sociale degno di questo nome. Per questo il sindacato OCST chiede con forza che la dirigenza della Six Group riveda la sua posizione e riapra le trattative per un piano sociale in favore dei dipendenti che perderanno il posto di lavoro.

OCST segue la vicenda dal mese di agosto, quando aveva incontrato i vertici aziendali e richiesto che, in caso di ristrutturazione, si discutesse un piano sociale. Dopo la notizia della chiusura della sede OCST si sta impegnando per garantire il necessario supporto e per il ricollocamento dei suoi associati.

«Il nostro Cantone assisterà ancora una volta alla perdita di numerosi posti di lavoro nel settore finanziario. In quest’occasione - conclude il sindacato - il mutismo delle autorità è assordante. Chi elogia la nostra piazza finanziaria ad ogni occasione, non può dimenticarsi di richiamare le aziende che operano in questo settore ad una responsabilità concreta nei confronti dei lavoratori e del territorio».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
2 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
3 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
5 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
6 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
7 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
7 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
10 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
11 ore
Uccise la nonna e poi le diede fuoco
Il 6 luglio 2018 un delitto scosse la comunità di Caslano. Il nipote a processo per assassinio
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile