TiPress
BEDANO
29.01.18 - 12:330
Aggiornamento : 15:39

Protesta alla Six: «Il prossimo passo è lo sciopero»

Natalia Ferrara, responsabile regionale dell’ASIB, è soddisfatta del sit-in di questa mattina davanti all’azienda. Ora la palla passa in mano ai vertici

BEDANO - Questa mattina i dipendenti della Six Group hanno manifestato fuori dall’azienda a Bedano contro l’annunciata chiusura di tre sedi svizzere (oltre a quella ticinese, Oerlikon e Losanna) e il licenziamento di 100 persone.

L’azione di protesta è stata decisa dall’assemblea del personale il 25 gennaio e vi hanno preso parte tutti gli impiegati (esclusi vertici, risorse umane ed esterni). «Oltre ai dipendenti, hanno portato il loro sostegno senza bandiere Unia, Ocst e Vpod - ci spiega Natalia Ferrara, responsabile regionale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) -. C’erano anche Don Massimo della parrocchia di Bedano, che ha portato un messaggio del Vescovo Lazzeri, e diversi cittadini».

Strategia aziendale - Six Group gestisce la Borsa svizzera e il traffico di pagamenti con le carte di credito. Nell’agosto dello scorso anno il gruppo ha rilevato l’attività (proficua) di Aduno Sa e in novembre ha annunciato la ristrutturazione. «Si tratta di una scelta di strategia aziendale - chiarisce Natalia Ferrara -. Non si parla di necessità, non ci sono cifre rosse».

Un piano sociale - Per questo motivo - continua la responsabile regionale dell’ASIB - «l’azienda deve fornire garanzie e aiuto ai dipendenti. È una battaglia di principio: un’economia liberale deve anche garantire misure sociali adeguate». L’annunciata ristrutturazione prevede infatti il licenziamento di tutti gli impiegati ticinesi: «Sono tutti svizzeri e/o domiciliati. È personale specializzato, parlano tutti le lingue nazionali e il target è molto alto».

Oltre 130 banche sono azioniste del Gruppo Aduno e del Gruppo Six. «Basterebbe che ogni istituto bancario azionista offrisse un solo posto di lavoro e tutti i dipendenti potrebbero avere un futuro lavorativo».

Maggiore sicurezza - Da novembre Six non ha cambiato la sua posizione, nonostante i numero colloqui. «Non possiamo obbligarli a tenere aperto - continua Natalia Ferrara -. Ma vogliamo maggiore sicurezza. L'ASIB si sta battendo affinché il lavoro venga garantito fino a fine 2018. E che poi ci sia un aiuto concreto. Abbiamo coinvolto il governo, la deputazione ticinese a Berna, l’associazione bancaria ticinese e la sezione del lavoro. Non è giusto che un colosso svizzero da Zurigo compri in Ticino e lasci a casa le persone. Ora bisogna pensare al futuro di tutti e deve farlo il datore di lavoro».

Prossimo passo: lo sciopero - Venerdì, nel corso di una lunga negoziazione, ai vertici era stata annunciata la manifestazione odierna. «È stato chiaramente detto che i dipendenti, che non hanno mai smesso di lavorare neppure per un giorno e che recupereranno le due ore perse oggi, vogliono più ascolto e attenzione - conclude Natalia Ferrara -. Se non succederà nulla, siamo pronti allo sciopero. Perché al niente si risponde con il niente».

La petizione - Il personale invita la popolazione a firmare la petizione di sostegno ai dipendenti «perché l’economia liberale deve garantire anche le misure sociali adeguate».

TiPress
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
21 min
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
35 min
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
CANTONE
1 ora
«Mergoscia non odia gli svizzero-tedeschi»
La sindaca si difende dagli attacchi seguiti alle multe comminate per posteggi irregolari
LUGANO
1 ora
Bertini non esclude una Lugano marittima "light"
Il problema resta sempre lo stesso: «Temiamo che possa diventare ingestibile il flusso di visitatori»
MENDRISIO
2 ore
Caos sugli orari del pronto soccorso pediatrico
I tre granconsiglieri PPD del Mendrisiotto interpellano il governo sulla paventata diminuzione d'orario all'OBV
BELLINZONA
3 ore
Christian Paglia non si ricandida
Il municipale PLR ha deciso di non ricandidarsi alle elezioni dell’aprile 2021
Berna/LUGANO
5 ore
L'UFAC rimette le ali all'aeroporto Città di Lugano
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha approvato oggi i cambiamenti necessari a far partire la nuova gestione
CONFINE
5 ore
Riapertura della Lombardia: la data chiave potrebbe essere l'8 giugno
La dichiarazione arriva dall'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
CANTONE
7 ore
Un weekend tra sole e bagnato
Già nel corso della giornata di oggi potrebbero arrivare i primi rovesci
CANTONE
8 ore
Tre nuovi contagi, ma nessun decesso
Prosegue il trend positivo per ciò che concerne il numero di vittime da coronavirus
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile