Polizia di Stato
CONFINE
26.01.18 - 20:470
Aggiornamento : 21:17

Jihadisti arrestati a Como, «mai vista una famiglia così radicalizzata»

Il capo della Digos di Milano ha spiegato i dettagli dell’operazione “Talis pater…”. Il padre aveva cercato di depistare le indagini, ma in realtà aveva attirato ancor di più l’attenzione

MILANO - Sayed Fayek Shebl Ahmed è un ex mujaheddin egiziano di 53 anni che ha due figli: il 23enne Saged Sayed Fayek Shebl Ahmed è l'orgoglio della famiglia perché combatte in Medio Oriente; il 22enne Hamza «è un cane che è fidanzato con una sporca italiana» e vuole vivere alla occidentale.

Sono alcuni dei passaggi che emergono nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Milano nei confronti del padre e del figlio, attualmente foreign fighter in Siria, con l'accusa di associazione con finalità di terrorismo. Per la madre, Halima, è stata disposta l'espulsione per motivi di sicurezza pubblica.

Mai vista una cosa così - «Abbiamo trovato situazioni di tanti tipi ma una famiglia così compatta nella radicalizzazione non ci era mai capitata», ha detto Claudio Ciccimarra, capo della Divisione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali (Digos) di Milano, spiegando i dettagli dell'operazione "Talis pater..." iniziata nel marzo 2015 dopo una comunicazione che proprio il padre aveva riferito alla Digos di Como (vivono nel vicino comune di Fenegrò) per depistare le eventuali indagini sulla famiglia.

Un errore gravissimo che ha attirato ancor di più l'attenzione su di loro. «Si è presentato alla polizia dicendo che già da qualche mese il figlio combatteva contro Assad - hanno spiegato gli investigatori - e che faceva da interprete italiano tra Fabrizio Pozzobon, un idraulico veneto ed ex consigliere leghista sparito dopo essere partito per la Siria e forse arruolatosi nell'Isis, e i suoi rapitori, i miliziani di Assad. Inoltre, ha raccontato di aver allontanato il ragazzo da casa per il suo stile di vita e per timore che l'altro figlio potesse seguire la stessa strada». Tutto falso, il figlio minore era completamente disinteressato.

Elemosina da inviare al figlio - «Per riuscire a inviare 200 euro mensili e mantenere il 23enne in Siria - ha spiegato il procuratore aggiunto Alberto Nobili - ha fatto enormi sacrifici economici. Dopo aver perso il lavoro da saldatore a Como si è dovuto accontentare di lavoretti saltuari. Anche la madre badante partecipava alle spese». Non avendo più soldi si sono perfino fatti assegnare le offerte raccolte con la "zakat", una forma di elemosina obbligatoria per i fedeli in moschea.

Il figlio era partito dall'Italia per la Siria il 30 giugno 2014 per unirsi alla brigata "Nour Dine Al Zenki", confluita con altre formazioni jihadiste nell'organizzazione terroristica "Hayiat Tahir Ash Sham". Gruppi con una visione jihadista vicina ad Al Qaeda a cui il padre era legato. Di recente, però, il ragazzo aveva mostrato simpatie per l'Isis e questo gli è costato l'allontanamento dalla brigata. Il padre, molto imbarazzato, ha dovuto intercedere con i suoi contatti per convincerli a riprendere il figlio tra le proprie fila. Quando Saged si è ferito gravemente a causa di una mina, la madre ha accusato il marito di averlo mandato lì senza conoscere la vera situazione de Medio Oriente ma lui ha risposto che comunque sarebbe finito in carcere visto che si drogava e che la sua «intenzione era che lui andasse là per purificarsi, per diventare un essere umano».

Espulsioni anche in Trentino e Emilia - Sempre oggi è stata disposta l'espulsione anche di due cugini macedoni, di 43 e 45 che vivevano in provincia di Trento, perché ritenuti seguaci della jihad. E pure di un 31enne egiziano appena liberato dal carcere di Parma. L'uomo, informa il Viminale, aveva svolto un'attività di proselitismo in carcere, distribuendo proclami jihadisti che inneggiavano alla "conquista di Roma" da parte dell'Isis e, «alimentato da sentimenti di odio verso l'Italia, ha esternato l'intenzione di compiere "un'azione eclatante" una volta rimesso in libertà». Nel 2018 sono 5 gli espulsi, mentre dal 2015 sono 242.

Polizia di Stato
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
moma 1 anno fa su tio
Questa poi. Le socialiste contro l'anti burka. Cioè votano a favore di una legge islamica radicalizzata che umilia le donne, loro che urlano contro gli abusi verso se stesse. No comment.
TSO 1 anno fa su tio
stiamo diventando la loro merce, che vergogna
beta 1 anno fa su tio
Ha, ha, ha, ecco il nuovo che avanza ! Sommaruga perché non li adotti che così impari a vivere decentemente e un nuovo stile di ... vita ???
Tarok 1 anno fa su tio
Chapeau all italia che espelle subito senza ricorsi ai vari tribunali per la tutela dei diritti del bla bla bla
occhiaperti 1 anno fa su tio
Brava Merkel, bravo Renzi le hanno fatto entrare gratis anzi pagandole!
Bleniese 1 anno fa su tio
Wow che bella gente! E tutti i buonisti continuano a calare elogi sull'accoglienza. Ma proprio vi illudete che questi galantuomini in Ticino non ci sono? Tutta questa feccia va espulsa senza possibilità di ricorso!
Tato50 1 anno fa su tio
@Bleniese Magari qualcuno, inavvertitamente, l'ha portato anche la poco "Onorevole" premiata per la sua umanità e che non molla la cadrega. Fosse stato uno di destra, apriti cielo ;-((
beta 1 anno fa su tio
@Tato50 Con quella faccia da tira schiaffi che si ritrova, quella, non sa neppure che cosa sia la vergogna . Buona giornata Tato .
Tato50 1 anno fa su tio
@beta Ciao beta, vedo che adesso i Post sono criptati; non chiedermi cosa avevo scritto ma non era nulla di offensivo o preso come esempio dai "facia da libro" ;-))
TOP NEWS Ticino
COLDRERIO
1 ora
Ferite troppo gravi, lo scooterista non ce l'ha fatta
Il 43enne, vittima dell'incidente avvenuto lo scorso 10 novembre in via San Gottardo, è deceduto in ospedale
LUGANO
2 ore
In manette un membro della "gang" di Youtube
Si esibiva con una pistola in un discusso video trap. È stato arrestato in un'inchiesta su armi e droga. Denunciato anche un secondo ragazzo
LUGANO
3 ore
Il PLRT fa i conti in tasca a Lorenzo Quadri: «Guadagna 200.000 franchi all’anno»
Il duro attacco del PLRT contro il direttore del Mattino: «Ha un interesse personale nel continuare con la sua verità perchè vive di politica e quindi difende la sua pagnotta»
FOTO E VIDEO
CANTONE
3 ore
Oggi una parte del Ticino appare così
La coltre bianca è scesa fino al fondovalle nella notte, imbiancando soprattutto alcune zone del Sopraceneri
LUGANO
5 ore
Tassa rifiuti indigesta per esercenti e albergatori: ci opporremo
GastroLugano contesterà i 12 franchi per posto a sedere fissati per la tassa base: «Non c’è equità con le altre attività commerciali». E Guido Sassi si scatena: «Passato il limite, siamo stufi»
BELLINZONA
15 ore
La targa è sbiadita? «Uso lo smalto da unghie»
Circolare con lo stemma ticinese "sbiancato" è passibile di multa. E c'è chi ricorre a stratagemmi fai-da-te
VIDEO
LUGANO
17 ore
Manor accende il Natale
Luci e suoni in una Piazza Dante gremita per quella che è diventata una tradizione natalizia a tutti gli effetti
CANTONE
18 ore
Fino a quindici anni di carcere per gli abusi sui figli
La sentenza è stata comunicata poco fa dalla Corte delle Criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta: «Fatti di una gravità mostruosa»
FOTO
LOCARNO
18 ore
Si immette sulla strada ma non si accorge del bus
L'incidente è avvenuto all'intersezione fra via in Selva e via Franzoni, a Locarno. Leggermente ferito il conducente dell'auto
LUGANO
19 ore
Il contagio da epatite C finisce al Tribunale federale
Il procuratore pubblico Moreno Capella ha deciso di presentare ricorso contro la decisione di ricusa del giudice Siro Quadri
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile