Ti Press
ACQUAROSSA
16.01.18 - 15:120

EOC, 30 posti letto in più in Valle di Blenio

Da inizio anno la struttura ospedaliera di Acquarossa dispone di un Reparto acuto di minore intensità (RAMI)

 

ACQUAROSSA - Da inizio gennaio all’Ospedale di Acquarossa sono a disposizione 30 posti letto nel nuovo Reparto acuto di minore intensità (RAMI). Si tratta di una tipologia di letti destinati a pazienti clinicamente stabili, ma che necessitano comunque di una presa in carico ospedaliera, anche se con una dimensione specialistica più limitata rispetto all’ospedale acuto. Essi si affiancano ai 15 posti letto del reparto di medicina. I letti RAMI costituiscono un unicum a livello svizzero e la loro creazione è stata decisa dal Parlamento cantonale nell’ambito dell’ultima Pianificazione ospedaliera approvata nel dicembre 2015. I letti RAMI messi in funzione ad Acquarossa sono i primi ad essere attivi nel Cantone, per quanto attiene alle strutture dell’EOC.

Le cure mediche prestate nei RAMI sono prescritte sulla base di un preciso bisogno e con finalità definite. Esse hanno come obiettivo il ristabilimento delle competenze di cura personali in modo che il paziente possa riappropriarsi delle capacità disponibili e delle possibilità presenti nel suo spazio usuale. Il tutto è mirato ad un rientro a domicilio duraturo; si vuole in particolare evitare un nuovo ricovero in ospedale, come pure una nuova degenza nella struttura RAMI. La nuova offerta sanitaria si rivolge sia a pazienti provenienti dal proprio domicilio inviati dal medico curante che a pazienti dimessi da un reparto acuto ospedaliero. Vista la partecipazione finanziaria del Cantone, questi letti sono dedicati esclusivamente a residenti in Ticino.

Partecipazione ai costi per i pazienti - Modello di cure voluto dal Parlamento cantonale e unico in Svizzera, il regime RAMI comporta una partecipazione del paziente ai costi. È previsto un suo contributo giornaliero di CHF 30.- (max. CHF 600.- all’anno) e la partecipazione alle spese di trasporto da o verso il domicilio e durante la degenza. Ad Acquarossa, con l’apertura dei letti RAMI è stato chiuso il reparto di geriatria il cui mandato della Pianificazione Ospedaliera Cantonale è terminato. Tuttavia, nel 2018 un certo numero di pazienti geriatrici, a seconda delle disponibilità logistiche e del bisogno clinico, potranno ancora essere accolti nei letti di medicina. Il 2018 è infatti un anno di transizione poiché solo da inizio 2019 si aprirà presso l’Ospedale Regionale di Locarno un nuovo reparto dedicato alla geriatria complessa per pazienti del Sopraceneri.

Distribuzione nel Cantone - I letti RAMI sono stati accordati, oltre che ad Acquarossa, anche agli Ospedali Regionali di Locarno e di Mendrisio, con, rispettivamente, 15 e 30 posti letto. In queste due ultime sedi, l’apertura di questa tipologia di letti avverrà in maniera scaglionata e in funzione delle contingenze logistiche locali. Al di fuori dell’EOC, altre tre strutture private dispongono di mandati per questa tipologia di pazienti.

Pronto soccorso aperto 24h/24h - Presso l’Ospedale di Acquarossa si continuerà inoltre ad assicurare alla regione le prime prestazioni diagnostiche e terapeutiche mediante il Centro di Pronto soccorso aperto 24h/24h. La sede EOC di Acquarossa continuerà inoltre ad essere guidata dal profilo medico dal Dr. med. Giuseppe Allegranza, primario, e dal Dr. med. Guido Ongaro, caposervizio, coadiuvati da un capoclinica e da cinque medici assistenti. Continuerà ad essere pure garantita la presenza regolare di medici specialisti dell’Ospedale San Giovanni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
15 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
16 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
21 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
21 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
FOTO
BELLINZONA
22 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
CANTONE
1 gior
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
LUGANO
1 gior
Muffa e umidità: e ti ritrovi in trappola
I guai di una 30enne nel suo appartamento. Ora se ne andrà per questioni mediche. Ma il proprietario non si fa trovare.
GORDEVIO
1 gior
«Le mie vacanze in Kenya per aiutare chi ha bisogno»
Un cuore grande, molta generosità e la voglia d'imparare da chi non ha nulla ma è sempre felice.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile