Ti Press
BELLINZONA
08.01.18 - 11:140
Aggiornamento : 18:48

Iniziato il processo contro i sostenitori delle Tigri Tamil

Le 13 persone alla sbarra sono accusate di aver sostenuto finanziariamente le Tigri per la liberazione dell'Eelam Tamil (LTTE) in guerra contro l'esercito dello Sri Lanka

BELLINZONA - Con una vera e propria guerriglia procedurale condotta dalla difesa si è aperto oggi al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona il processo a carico di 13 persone accusate di aver sostenuto finanziariamente le Tigri per la liberazione dell'Eelam Tamil (LTTE) in guerra contro l'esercito dello Sri Lanka.

Le accuse vanno dal sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale alla truffa, dall'estorsione alla falsità in documenti, fino al riciclaggio di denaro. La Corte penale a tre giudici ha previsto una ventina di giornate di dibattimenti, fino all'8 marzo, sempre che non accolga la richiesta degli avvocati difensori di rispedire al mittente, ossia al Ministero pubblico della Confederazione (MPC), un atto d'accusa ampiamente criticato.

15 milioni raccolti - Stando alla Procura federale, le attività illecite sarebbero durate una decina di anni, tra il 1999 e la sconfitta della guerriglia tamil nel maggio 2009, e avrebbero consentito di raccogliere, tra la comunità tamil in esilio circa 15 milioni di franchi tramite un sistema sofisticato di crediti al consumo.

Secondo quanto appurato nell'inchiesta, all'epoca dei fatti l'LTTE (Liberation Tigers of Tamil Eelam) - che l'MPC considera una "organizzazione terroristica" - operava in Svizzera sotto il nome di copertura "World Tamil Coordinating Committee (WTCC)" e agiva tramite suoi rappresentanti cantonali. Con il progredire della guerra civile in Sri Lanka l'organizzazione necessitava sempre più di fondi. È stato così sviluppato "un metodo per ottenere rapidamente e sistematicamente denaro da tamil residenti in Svizzera".

Per farlo, l'organizzazione convinceva membri della diaspora tamil a concludere contratti di credito al consumo per un ammontare fino a 100'000 franchi e a consegnare in seguito i fondi al WTCC. Tra gli imputati figurano il capo del WTCC, il suo sostituto, i responsabili finanziari e persone che raccoglievano il denaro.

L'inchiesta elvetica era stata contrassegnata, nel gennaio 2011, da una maxi retata condotta dalla polizia giudiziaria federale in collaborazione con diverse polizie cantonali.

La difesa contesta - All'avvio dei dibattimenti, diversi avvocati difensori hanno chiesto alla corte di non entrare in materia e di rinviare al mittente l'atto d'accusa di 367 pagine, cui si aggiungono numerosi allegati. I legali hanno sostenuto che esso non è chiaramente delimitato e non consente agli imputati di capire di che cosa sono esattamente accusati e dunque di preparare la loro difesa.

Gli avvocati hanno inoltre contestato l'affidabilità di alcune prove addotte: l'atto d'accusa - hanno sostenuto - si fonda, per la descrizioni dei fatti avvenuti nello Sri Lanka, del movimento delle Tigri tamil e della loro associazione attiva in Svizzera, su fonti aperte e non su inchieste proprie con fonti di prima mano.

Il noto avvocato zurighese Marcel Bosonnet, difensore del principale responsabile del WTCC, ha detto che messe una accanto all'altra, le pagine dei dossier dell'accusa raggiungono i 3250 chilometri. Impossibile, a suo avviso, farsi una veduta d'insieme su questa "torre di Babele". Per Bosonnet, poi, quello in corso al TPF è un procedimento politico e "il perseguimento di atti politici è sottoposto all'autorizzazione preliminare del Consiglio federale".

La difesa ha pure protestato contro il sequestro di una gran quantità di documenti ai quali, nel corso del procedimento, avrebbe avuto un accesso definito molto parziale. In simili condizioni una difesa sufficiente non è garantita, hanno sostenuto gli avvocati.

Uno di loro ha contestato anche gli interrogatori di testimoni avvenuti senza confronto con gli imputati e quelli condotti nel 2012 dall'accusa nello Sri Lanka e ai quali la difesa ha potuto partecipare solo a distanza, per video.

La procuratrice della Confederazione Juliette Noto ha definito "tardive e in cattiva fede" queste obiezioni formulate un anno e mezzo dopo il deposito dell'atto d'accusa. E ha sostenuto che gli atti di violenza o terroristici non sono assimilabili ad azioni politiche, come neppure i reati finanziari.

Manifestazione - Circa 150 tamil si sono riuniti nel primo pomeriggio vicino alla sede del TPF per protestare contro l'avvio del processo. I dimostranti, venuti in particolare da Zurigo, Berna e Soletta, avevano bandiere dell'LTTE - rosse con al centro la testa di una tigre ruggente - e foto di guerriglieri tamil. Alcuni di loro mostravano anche cartelli distribuiti da militanti dello Swiss Tamil Coordinating Committee (STCC), organizzazione legata all'LTTE succeduta in Svizzera al WTTC.

Gli indipendentisti tamil hanno combattuto contro l'esercito dello Sri Lanka dal 1983 al 2009 nel corso di una guerra civile che ha causato la morte di circa 100'000 persone.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SVIZZERA
1 ora
Ripartono le funivie, ma sono gli zoo a fare il boom di visitatori nel primo giorno di riapertura
Una lunga fila si è formata davanti allo Zoo di Zurigo questa mattina, in attesa dell'entrata.
BELLINZONA
4 ore
«No al razzismo», si manifesta anche a Bellinzona
Tanti gli slogan scanditi e raffigurati sui cartelloni branditi dai manifestanti
FOTOGALLERY
LUGANO
6 ore
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
8 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
8 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
12 ore
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
14 ore
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
1 gior
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
1 gior
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
1 gior
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile