CANTONE
09.11.17 - 06:090
Aggiornamento : 09:32

Franco Knie jun.: «Pazienza, fiducia e ricompensa. Così si addestrano le capre»

In occasione dell’arrivo del circo Knie in Ticino abbiamo incontrato il direttore tecnico, che ci ha raccontato come è nato il nuovo numero

BELLINZONA - Il circo Knie arriverà questo fine settimana a Bellinzona, per poi toccare Locarno lunedì e terminare la tournée a Lugano. Per l’occasione abbiamo incontrato Franco Knie Junior, direttore tecnico del circo, che quest’anno si esibirà in un numero con le capre, in compagnia della moglie Linna Knie-Sun e del figlio Chris.

Com’è lavorare sempre a stretto contatto con la famiglia?

«È sempre bello, sono cresciuto così e per noi è normale. Certo, ognuno ha le proprie idee ma siamo molto uniti. Dipendiamo l’uno dall’altro, e ognuno è specializzato in qualcosa».

Vi esibirete in un numero con le capre. Come mai avete scelto questo animale?

«È partito tutto dall’idea di Chris, mio figlio. Nel tempo libero passa tanto tempo con gli animali, e durante la scorsa tournée si era affezionato molto alle capre, assistendo anche alla nascita di due caprette nel giugno scorso. Ogni giorno andava a trovarle, e così abbiamo deciso di fare un numero con loro».

Come si addestrano le capre?

«Non è molto difficile. All’inizio sono un po’ paurose, deve instaurarsi un bel rapporto di fiducia, come con tutti gli animali. E grazie anche all’aiuto di qualche ricompensa e tanta pazienza si riesce ad addestrarle. Devo dire che imparano anche in fretta, sono molto curiose».

Ti sei sempre esibito in numeri con gli elefanti. Ci sono differenze tra i due animali nell’addestramento?

«A parte la stazza, il metodo è lo stesso: pazienza, fiducia e ricompensa. Bisogna fargli capire cosa vogliamo da loro».

Gli elefanti non ci saranno più al Knie. Vi mancano?

«Sì certo, ogni volta che abbiamo un po’ di tempo libero andiamo a trovarli allo zoo di Rapperswil. Mancano a noi come al pubblico».  

Tuo figlio Chris seguirà le orme del papà nell’addestramento?

«È ancora giovane, ha solo 11 anni. È molto interessato al circo e soprattutto agli animali, ma deciderà lui cosa vorrà fare da grande».

In quanto tempo si prepara un numero?  

«Dipende molto dal tipo di numero e dagli animali. Per questo delle capre ci abbiamo messo 3 mesi. Siamo partiti dalla base, cercando varie capre svizzere, e le ultime sono arrivate a novembre 2016. Poi in inverno ripetevamo il numero due volte al giorno, finché in marzo non siamo ripartiti con questa tournée».

Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
4 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
5 ore
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
8 ore
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
CANTONE
8 ore
Il lavoro che c'è, ma che tutti ignorano
Skyguide cerca controllori del traffico aereo per l'aeroporto di Lugano-Agno. I residenti però non rispondono.
FOTO
CANTONE
18 ore
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
18 ore
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
20 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
20 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile