Keystone
LUGANO
04.10.17 - 15:110

Svitto non presterà il Patto federale a Lugano

Il Consiglio di Stato svittese teme per l’incolumità del documento storico e non vuole creare un precedente

SVITTO - Svitto non intende separarsi dal Patto federale, neppure per pochi giorni. Il governo cantonale ha respinto una richiesta dell'esecutivo di Lugano che avrebbe voluto organizzare un'esposizione al LAC con il documento storico che sancisce la nascita della Confederazione nel 1291.

Il municipale Roberto Badaracco ha informato lunedì sera del rifiuto il Consiglio comunale. L'idea dell'esposizione era partita da un'interpellanza sottoscritta da oltre 30 consiglieri comunali e la Città aveva poi trasmesso una richiesta formale alla direttrice dei musei dei Patti federali e al Canton Svitto.

«Riteniamo che prestare il Patto federale a musei o centri culturali in Svizzera non sia assennato», scrive il Consiglio di Stato svittese nella lettera di risposta al municipio di Lugano menzionata dalla Luzerner Zeitung e dal Bote der Urschweiz e confermata all'ats da Erwin Horat, direttore degli archivi cantonali.

Il consigliere di Stato responsabile del dossier Michael Stahl (PPD) non intende creare un precedente. Una risposta positiva avrebbe spinto altre città, cantoni o musei in Svizzera a presentare richieste simili. Il documento «verrebbe esposto sempre più di frequente a influenze esterne» e potrebbe deteriorarsi, ha spiegato il ministro svittese.

Secondo la Luzerner Zeitung e il Bote der Urschweiz, il governo ha però invitato una delegazione della città di Lugano a visitare il Museo del Patto federale a Svitto, dove il documento è esposto dal 1936, di fronte al "Giuramento del Grütli" affrescato da Walter Clénin.

Da allora il museo ha prestato il Patto una sola volta: nel 2006 la preziosa pergamena ha traversato l'Atlantico protetta da rigidissime misure di sicurezza ed è stata esposta per 21 giorni alla mostra "Sister Republics" (Repubbliche sorelle) di Filadelfia. L'esposizione americana - visitata da 5000-6000 persone al giorno - era parte di una campagna di promozione della Svizzera negli USA denominata "Swiss Roots" ("Radici svizzere"), destinata a rinsaldare l'amicizia tra i due paesi e a far riscoprire al milione di americani di origine elvetica il paese dei loro avi. Il Patto aveva viaggiato in una valigetta speciale, ammanettata al polso dell'archivista di Svitto, attorniato dalle guardie del corpo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
beta 2 anni fa su tio
La "storia" non dovrebbe mai abbandonare i luoghi dove é nata . Quello che potrebbe insegnare ; SI
budo76 2 anni fa su tio
Severi ma giusti
falcodellarupe 2 anni fa su tio
Queste "reliquie" non dovrebbero mai lasciare i luoghi di origine, ma non solo i cartacei in genere, che sono i più deperibili, ma anche tutte le opere d'arte antiche ed uniche. Gli appassionati, sia storici che semplici turisti, vadano ad ammirarli dove sono custoditi.
twiceaday 2 anni fa su tio
@falcodellarupe esatto!
GI 2 anni fa su tio
Hanno pienamente ragione, finirebbe come il sasso di Unspunnen....E' la "nostra prima pietra" e va lasciata dov'è !!
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Giusto, non deve uscire più dalla Svizzera!...
87 2 anni fa su tio
@lo spiaggiato Vuoi dire che il Ticino non è in Svizzera? Svitto non vuole concedere il prestito del Patto federale a Lugano.
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
@87 Non il Ticino ma il sottoceneri... niente in contrario se il Patto arriva a Bellinzona... :-))))
Equalizer 2 anni fa su tio
Onore agli Svittesi, fanno bene a tenerselo stretto.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
LIVE
Covid in Ticino: il punto in diretta
È iniziata alle 13.30 la conferenza stampa settimanale da Palazzo delle Orsoline
CANTONE
42 min
Perché il nome di quel ragazzo è sul sito del Cantone?
Strage sventata alla Commercio: il giudice Mauro Ermani chiedeva privacy per l'imputato. Ma poi...
CANTONE
2 ore
Un temporale, quasi 10 gradi in meno
È accaduto ieri a Lugano. Altrove raffreddamenti, ma non così marcati
LUGANO
2 ore
Crediti Covid, arrestato un "furbetto" nel Luganese
Oltre 600mila franchi usati, in realtà, per spese personali. In manette un 47enne italiano
CANTONE
3 ore
Covid: i casi ticinesi crescono anche oggi
Invariato, invece, il numero dei deceduti a causa del virus che resta fermo a quota 350
CANTONE
3 ore
Il Municipio sotto accusa per presunti abusi edilizi
La Lega chiede alla Sezione degli enti locali di «ristabilire la legalità negli spazi dell'ex caserma»
FOTO E VIDEO
LUGANO
6 ore
Incendio sul balcone, arrivano i soccorsi
Il rogo è scoppiato questa mattina a Viganello.
AGNO
7 ore
«Non sorrido da cinque anni»
Franco Boroni, 65 anni, ha ingaggiato un'interminabile battaglia legale. E nel frattempo è logorato dal mal di denti
LOCARNO
7 ore
E se il Ticino lo scoprissi dondolando su un'altalena?
Il progetto di Elisa Cappelletti e Fabio Balassi è destinato a chi cerca lo scatto “instragrammabile” perfetto
MENDRISIO
14 ore
Da subentrante in Consiglio comunale a Municipale
Manuel Aostalli prenderà il posto di Marco Romano nell'esecutivo del Magnifico Borgo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile