CANTONE
02.10.17 - 08:350
Aggiornamento : 11:13

Come vedono il Ticino i giovani d'oltralpe? «Pizza e palme»

Abbiamo chiesto ad alcuni ragazzi giurassiani giunti in Ticino come vedono la Svizzera italiana, e se l'elezione di Ignazio Cassis possa aiutare la situazione dell'italiano in Svizzera

BELLINZONA - Qual è la situazione dell’italiano in Svizzera? È questa la domanda principale che abbiamo rivolto ai ragazzi del liceo di Porrentruy, nel Canton Giura, giunti in Ticino per partecipare al progetto “+identità: Settimana della Svizzera italiana” dell’USI. La stessa domanda l’abbiamo posta anche agli allievi della 3aL della Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona, che a gennaio verranno ospitati a loro volta Porrentruy per presentare e rappresentare, come veri e propri ambasciatori, la regione italofona della Svizzera. Questo scambio linguistico, ma non solo, è stato reso possibile grazie alla collaborazione del DECS.  

«Il Ticino a è proprio come i turisti si immaginano la Svizzera: laghi, montagne, ecc. È la prima volta che mi fermo in questo cantone, solitamente ci passo solo per raggiungere l’Italia» racconta Léo, studente giurassiano. «È bello che anche noi nel Giura abbiamo la possibilità di imparare l’italiano, che è una bellissima lingua».

Ma quanto è conosciuta la Svizzera italiana oltralpe? «Lo ammetto, personalmente non la conoscevo molto prima di venire qui, anche perché se ne parla poco, ed è una regione isolata geograficamente e linguisticamente». Ma per quel che riguarda gli stereotipi, la Svizzera italiana ha ancora molta strada da fare: «Sono gli stessi che abbiamo nei confronti dell’Italia, come la pizza» racconta ancora Léo. «Quello che mi ha colpito è che qui ci sono gli stessi negozi che ci sono da noi, ma di fianco ci sono le palme. È strano, non sembra di essere in Svizzera» racconta un altro studente giurassiano.

Consiglio federale - E un Consigliere federale ticinese darà una mano alla Svizzera italiana a farsi conoscere maggiormente, sotto tutti gli aspetti. O almeno è quello che crede la maggior parte dei ragazzi: «Serve anche per ricordare a Berna che il Ticino esiste. Ogni tanto ce ne scordiamo...» ammette Léo. «È una grande possibilità per la Svizzera italiana. Però non penso sia giusto rendere “obbligatoria” la presenza di un consigliere federale italofono. La lingua non dovrebbe essere un fattore determinante per la scelta di chi ci rappresenta» replica invece Dafne, studentessa della SCC di Bellinzona. «L’italiano non è ben rappresentato in Svizzera, basti pensare alle etichette degli alimenti che si trovano nei negozi: quasi sempre manca l’italiano» prosegue Dafne.

Italiano in pericolo - «Purtroppo c’è sempre il timore che l’italiano possa scomparire dall’insegnamento, perché gli iscritti ai corsi non sono mai molti. Sarebbero utili alcune misure di incoraggiamento, come ad esempio iniziare già alle scuole medie con un po’ di italiano, e aumentare i contatti tra le varie regioni linguistiche» racconta la professoressa di italiano giurassiana che accompagna gli studenti. «Lo scambio è un’ottima idea, e si potrebbe anche incentivare gli altri cantoni a proporre corsi bilingue, oppure costruire un programma tv apposito, per migliorare la conoscenza della Svizzera italiana e della lingua» aggiunge Dafne.

«Tra la Svizzera italiana e la Svizzera francese o tedesca ci sono tante differenze, ma questo progetto di scambio ci ricorda che facciamo parte tutti dello stesso Paese, e che abbiamo molte cose in comune, pur parlando lingue diverse» prosegue la docente.

Ma cosa spinge allora gli adolescenti a cimentarsi con l’apprendimento dell’italiano? «Sicuramente la cultura ha ruolo fondamentale. L’arte e la letteratura italiana affascina sempre, così come il suono stesso della lingua, che è molto musicale».

Teatro - Una parte dei ragazzi giurassiani, che frequentano l’unico liceo in Svizzera che offre come opzione specifica il teatro, hanno potuto approfondire il territorio della Svizzera italiana anche dal punto di vista artistico, con un occhio di riguardo ovviamente rivolto al teatro. Da Verscio a Mendrisio gli studenti hanno percorso il Ticino svolgendo, tra le attività proposte, anche un workshop con la Compagnia Paravento a Locarno.   

«Qui in Ticino abbiamo potuto esplorare e sperimentare nuove aspetti del teatro, come la Commedia dell’Arte, visitando l'Accademia Teatro Dimitri e collaborando con la Compagnia Paravento.» racconta Mylène, studentessa giurassiana.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Foxdilollo78 4 anni fa su tio
...per questo motivo lodo il Servizio Militare! Grazie al SM ho potuto visitare gran parte della Svizzera e conoscere meglio il territorio ed i suoi abitanti! Se i ragazzi possono farlo prima con la scuola è meglio! Un programma da ampliare! Se si spendesse un po' di più per questi programmi scolastici e meno per il SM sarebbe anche meglio!
Bluechips 4 anni fa su tio
Per completare la mia sorpresa iniziale, direi che da degli studenti liceali mi sarei atteso argomentazioni un po' più elaborate. Lasciando perdere la pizza e le palme (livello scuola dell'infanzia), agli studenti dell'unico liceo svizzero con opzione specifica in teatro, che affermano di avere scoperto in Ticino" nuovi aspetti del teatro come la Commedia dell'Arte", consiglierei di rivedere la storia, dove questa forma di produzione teatrale risale al 16mo secolo e terminò nel 18mo!
Ar07 4 anni fa su tio
"Quello che mi ha colpito è che qui ci sono gli stessi negozi che ci sono da noi, ma di fianco ci sono le palme". Boh. BOH!
Equalizer 4 anni fa su tio
Da un lato comprensibile: Ma quanto è conosciuta la Svizzera italiana oltralpe? «Lo ammetto, personalmente non la conoscevo molto prima di venire qui, anche perché se ne parla poco, ed è una regione isolata geograficamente e linguisticamente» D'altronde provate a chiedere a degli studenti Ticinesi cosa ne sanno del canton Vaud, se vi va bene sanno qual'è la capitale, ma tutto il resto buio pesto.
pillola rossa 4 anni fa su tio
Scusi, cosa intende per Ticino?
Bluechips 4 anni fa su tio
Studenti liceali? Mamma mia come siamo messi!
TOP NEWS Ticino
FAIDO
4 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
4 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
5 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
6 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
6 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
8 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
10 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
10 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
ASCONA
18 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
1 gior
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile