LUGANO
04.07.17 - 15:570

Visita dell’Ambasciatore del Benin in Svizzera

Il sindaco di Lugano ha ricevuto questa mattina una visita di cortesia a Palazzo Civico

LUGANO - Stamane il sindaco di Lugano Marco Borradori ha ricevuto una visita di cortesia di S.E. Eloi Laourou, Ambasciatore della Repubblica del Benin in Svizzera, insieme a due accompagnatori, Fifamé Goussouemede e Grace Creppy, entrambi membri dello staff dell’Ambasciata e della Missione permanente a Ginevra.

«Il Benin è un paese di pace, sicuro e democratico, che vuole partecipare alla costruzione di una società civile internazionale, pacifica e tollerante», ha esordito l’Ambasciatore Laourou, aggiungendo inoltre che la possibilità di esito positivo è puramente economico ed è rappresentato dai prodotti agricoli quali, in particolare, cotone, ananas, mango e anacardi. Inoltre negli ultimi anni è in fase di crescita anche un’offerta turistica interessante, in particolare basata sulla visita dei parchi naturali.

A tale proposito, Marco Borradori ha presentato Lugano come una città aperta, basata sul dialogo e sul confronto tra culture, sottolineando che nel comune vi sono 140 nazionalità che convivono e dove operano diverse associazioni a favore dell’integrazione. Inoltre Lugano assegna ogni anno un fondo di 40mila franchi a progetti di cooperazione allo sviluppo, proposti da organizzazioni non governative della Svizzera italiana.

Dalla discussione è nato un comune interesse nel promuovere il benessere delle popolazioni, nella condivisione degli scambi culturali e nelle collaborazioni tra nord e sud del mondo. In aggiunta non poteva mancare una panoramica sulle fasi del progresso della città di Lugano: «i 21 quartieri che compongono la città - ha spiegato Borradori - partecipano tutti, ognuno con la propria storia e con le proprie tradizioni, alla costruzione della nuova identità urbana».

L’Ambasciatore Laourou e il suo staff hanno fatto una visita alla città toccando anche alcuni punti di interesse; tra questi Via Nassa, la Chiesa Santa Maria degli Angioli, il LAC e il Parco Ciani.

Il 1 agosto 1960 il Benin è diventato indipendente ed è stato immediatamente riconosciuto dalla Svizzera e, durante il medesimo anno, i due Stati hanno avviato delle relazioni diplomatiche. Svizzera e Benin hanno dunque stipulato una serie di accordi bilaterali sui trasporti aerei nel 1975, la cooperazione tecnica nel 1981, il commercio e la protezione degli investimenti nel 1996, l’entrata, il soggiorno e il rientro delle persone nel 2010.

La Svizzera ha esportato nell’anno 2014 merce per circa 31 milioni di franchi verso il Benin e ha importato prodotti per circa 80 milioni di franchi. Dal 1983 in Svizzera è stato aperto a Cotonou un ufficio di cooperazione e dal 1994 la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DDC) ha creato un programma di sostegno.

 

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MURALTO
1 ora

Rischia di annegare nel Verbano, donna in ospedale

È accaduto attorno alle 21 in via alla Riva. La dinamica dei fatti non è al momento nota

CANTONE
3 ore

Missile dal Qatar, il 42enne ha lavorato per la RUAG

L'estremista di Bissone era stato impiegato presso l'azienda dal 2010 al 2013

FOTO E SONDAGGIO
CANTONE
6 ore

L'app che invecchia spopola in Ticino

Diversi volti noti si sono sottoposti a FaceApp. Ma attenti ai rischi per la privacy

GIUMAGLIO
8 ore

Pestaggio al Carnevale, gli arresti sono quattro

La Polizia cantonale ha confermato di aver fermato ed interrogato un 20enne ed un 19enne

MENDRISIO
8 ore

Quasi quattro mesi e il “gigante buono” ancora non si trova

La trasmissione “Chi l’ha visto?” è tornata sulla scomparsa di Americo Aldrovandi. Gli amici che avevano il suo cellulare: «Sta bene, è in giro e se ne frega»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile