fotolia
BERNA/CANTONE
28.06.17 - 15:010

Le radio private ticinesi trasmettono poca informazione regionale

Un rapporto della società Publicom indica che Radio 3i e Radio Fiume Ticino consacrano meno tempo all’info regionale rispetto alle radio svizzero tedesche e romande

BERNA - Le radio private ticinesi titolari di una concessione, Radio Fiume Ticino e Radio 3i, trasmettono meno informazione regionale rispetto a quelle svizzero tedesche e, soprattutto, romande.

È quanto risulta da un rapporto della società Publicom redatto su incarico dell'Ufficio federale della comunicazione. Stando alle cifre riportate nel documento, le due radio regionali a Sud delle Alpi consacrano in media il 12% delle loro attività all'informazione regionale (14 minuti).

Sussistono tuttavia marcate differenze fra le due emittenti prese in considerazione. Radio 3i dedica 20 minuti in media al giorno all'informazione regionale (16%), a fronte dei soli 8 minuti di Radio Fiume Ticino (6%). Per le due emittenti, il grosso della programmazione è dedicato alla musica.

A livello nazionale, le radio private della Svizzera romanda diffondono in media, nei giorni feriali e nei momenti di maggiore audience, 31 minuti, le emittenti operanti nella Svizzera tedesca 16 minuti e quelle nella Svizzera italiana, come si è visto, 14 minuti.

In generale, sostiene il documento, rispetto a tre anni fa, data dell'ultima rilevazione, la quota parte di informazioni in Romandia è costante, mentre è in calo nelle altre due principali regioni linguistiche del Paese.

I ricercatori hanno tuttavia notato che la quota di informazioni diffuse è maggiore per le radio concessionarie a beneficio di una quota del canone: questo denaro serve a coprire in parte i maggiori costi di produzione.

Una particolarità che salta all'occhio è l'importanza del parlato nelle emittenti romande e svizzero italiane (soprattutto animazione e pubblicità) rispetto a quelle germanofone. Questa differenza potrebbe essere dovuta anche a una diversa cultura radiofonica: nella Svizzera latina si dà più importanza all'accompagnamento con la parola.

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
1 ora

Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»

Numerose segnalazioni tra Muralto e Brissago. Il Dipartimento del territorio tranquillizza: «Non si tratta di inquinamento, ma di alghe che risalgono in superficie»

LUGANO
3 ore

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
3 ore

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
5 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
6 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile