GORDOLA
24.04.17 - 16:380
Aggiornamento : 17:37

«È scattato e gli ha tirato un gancio nella schiena»

Omicidio a Gordola, parla il responsabile della discoteca: «Lo tenevamo d'occhio, era agitato. Un gesto inspiegabile»

GORDOLA - La differenza tra una brutta scazzottata e lo shock di una tragedia che ha sconvolto il Ticino sono due giorni di ansia, attaccati al telefono, con una domanda disperata nella testa: ce la farà? Alla "Rotonda" di Gordola non dimenticheranno mai il weekend appena trascorso. Fabrizio C., il 44enne del Mendrisiotto deceduto ieri a seguito delle ferite riportate venerdì fuori dalla discoteca, era un volto noto nel locale. Perché lo aveva gestito, 15 anni fa. E perché continuava a frequentarlo, conosceva tutti. «Un'ottima persona, veniva qui con gli amici, come l'altra sera. Non possiamo credere a quanto è successo» spiegano i dipendenti.

L'aggressore - Nessuno conosceva invece l'aggressore. Alexander D., 21 anni di Biasca, era «venuto qui solo una volta, quest'inverno» spiega il direttore della discoteca. «Venerdì sera era in compagnia di una ragazza, aveva avuto un diverbio al guardaroba con un altro cliente, era stato redarguito» continua il testimone. Lo staff del locale aveva intuito che «il ragazzo era agitato, sicuramente in stato alterato da alcol o sostanze» e lo teneva d'occhio. 

«Non si conoscevano» - Una volta uscito dal locale, seguito da un securino, il ragazzo si è avvicinato a sorpresa al gruppo di Fabrizio. Tutti i testimoni presenti alla scena concorderebbero nel sostenere che i due non si conoscevano. Il 44enne «stava parlando con degli amici» quando «è stato colpito alla schiena con un gancio dal 21enne» continua il direttore. «È stato immediatamente raggiunto dal securino il quale a sua volta è stato colpito con un pugno in volto».

Gesto senza senso - Intanto Fabrizio stramazzava a terra, privo di sensi. La forza del colpo - il 21enne sarebbe un praticante di arti marziali - o una botta durante la caduta, sarà l'esame medico a stabilire le cause della morte.  Ma il gesto resta apparentemente senza senso. «Non ci risulta che i due si fossero parlati o avessero litigato all'interno del locale» afferma lo staff.

La famiglia - Anche la famiglia del 21enne, contattata da tio.ch/20minuti, conferma che i due non si conoscevano. Quali dunque le ragioni del gesto? Uno sfogo irrazionale? Colpa dell'alcol o di altro? L'inchiesta coordinata dal procuratore Arturo Garzoni sta vagliando tutte le ipotesi. Il 21enne è detenuto alla Farera con l'accusa di omicidio intenzionale.   

TOP NEWS Ticino
BALERNA
39 min
Il tentato scippo sventato con una caramella
La polizia, intanto, ha già fermato il malvivente. Ma non ci sarà denuncia
FOTO E VIDEO
GORDOLA
4 ore
Auto contro un muro, due persone al Pronto soccorso
L'incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio in via Valle Verzasca
LOSONE
4 ore
Reporter maltese uccisa: materiale scottante in Ticino?
Il cronista Orlando Guidetti sta trattando il tema con un importante giornalista italiano. Avrebbe documenti esclusivi sulla morte di Daphne Galizia
LUGANO
5 ore
Veicolo in avaria, code sull'A2
I maggiori problemi si stanno registrando tra Lugano-Nord e la galleria di Grancia
CANTONE
6 ore
Regole più severe a scuola: cellulari spenti anche in pausa
Niente divieti rigidi e proibizionismo. Il Gran Consiglio ha approvato il rapporto della Commissione formazione e cultura
FOTO E VIDEO
BIASCA
7 ore
Fiamme nei pressi di una palazzina, a bruciare è un'auto
Sul posto sono intervenuti i pompieri, che hanno rapidamente domato le fiamme
SVIZZERA / CANTONE
9 ore
In Svizzera è l'inverno più caldo dal 1864
Lo dicono i meteorologi della Confederazione. Intanto in montagna sbocciano le violette
CANTONE / ITALIA
11 ore
Occhio al volante! A Milano vanno a ruba quelli svizzeri
Brutta disavventura per un ticinese in trasferta. Ad agire, pare, una banda esperta in grado di smontare un cruscotto intero in 15/20 secondi
BELLINZONA
11 ore
È lunedì il giorno "peggiore" per la Croce Verde
3'943 gli interventi del 2019. Marzo il mese più intenso. 116'405 i chilometri percorsi
CANTONE
16 ore
Quella sindrome silenziosa che di nome fa Asperger
Se ne parla sempre di più. E non solamente perché Greta Thunberg ne è affetta
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile