foto tio.ch/20 minuti
La "mistress" Manuela con la maschera che usa sul lavoro.
LUGANO
27.03.17 - 06:060

«In Ticino mancano posti per fare sesso estremo»

I gruppi di masochisti anonimi sono una realtà nel nostro Cantone. Ma per il Bdsm «occorrono strutture». Intervista a una “mistress”

LUGANO - Nei forum online e sui social, la comunità sadomaso ticinese è piuttosto attiva. Chatta, si scambia pareri e contatti, organizza appuntamenti di gruppo. Uno dei temi “critici”, si legge su un noto portale di incontri erotici, è che nel nostro cantone «non esiste una struttura attrezzata per il sesso estremo». Locali ad hoc dotati di apparecchiature specifiche (dalle catene agli attrezzi più complessi) sono presenti nei postriboli in Austria e Svizzera interna, ma «in Ticino sono ancora un sogno» conferma Manuela, prostituta specializzata in pratiche masochistiche attiva tra Lugano e Zurigo. «È un problema perché queste pratiche richiedono standard di sicurezza e di igiene molto elevati. Oltre naturalmente alle competenze. Il rischio – continua la 31enne – è che si trasmettano malattie o peggio ancora che si verifichino incidenti con danni anche gravi alle persone». 

Come quello costato la vita a una prostituta 25enne nel canton Zurigo, strangolata da un cliente durante un gioco sessuale (l'inchiesta si è conclusa a novembre).  

«Le precauzioni non sono mai troppe. Quella del sadomaso è una professione in cui non ci si improvvisa: ma con la crisi del mercato del sesso, particolarmente marcata in Ticino, molte ragazze si riciclano in questa nicchia. Il rischio è che si spingano troppo in là e non pongano limiti ai clienti».

Quali limiti?

«Una mia regola, per esempio, è aspettare 20 secondi tra una frustata e l'altra, nei rapporti Bdsm. Ognuno ha le sue. In generale, bisogna capire chi si ha davanti: chi sono i clienti».

E chi sono?

«Persone normalissime, dall'impiegato all'imprenditore. Dopo l'uscita del film “50 sfumature di grigio” il bacino si è ulteriormente allargato, includendo molti neofiti. Di qui, a maggior ragione, l'esigenza di precauzioni».

In Ticino, però, forse il mercato sadomaso è ancora limitato per pensare a strutture ad hoc...

«In Ticino occorrono in generale strutture all'altezza. Se i postriboli non ritengono che ci sia una richiesta sufficiente per creare delle stanze per le pratiche estreme, almeno dovrebbero alzare gli standard delle stanze normali. I locali troppo piccoli, con condizioni igieniche spesso al limite della decenza e, a volte, privi delle dotazioni sanitarie di base, sono un problema diffuso che riguarda la prostituzione in generale, e che contraddistingue il Ticino dal resto della Svizzera. Sarebbe ora che si intervenisse». 

E in Svizzera interna, come funziona?

«In generale il mondo della prostituzione è sottoposto a maggior controllo, le forze dell'ordine sono più presenti a fianco delle prostitute: a maggior ragione quando, come nel mio caso, viene offerto un servizio particolare».

Lei come è approdata a questa "nicchia"? 

«Ho iniziato con la prostituzione normale. Quando sono arrivata dalla Sicilia, quattro anni fa, le mie intenzioni erano ben altre: volevo imparare il tedesco, ho lavorato come tata, poi in fabbrica come operaia, sempre in Svizzera interna. Ma dopo l'ennesimo licenziamento presa dalla disperazione ho iniziato a lavorare in un centro massaggi».

Dai massaggi al sesso estremo il passo è lungo, però. 

«Non così tanto. Sono i clienti a condizionare le tue scelte, in questo settore. Da me arrivavano con le fantasie più strane. Con il tempo, così, mi sono adeguata e ho deciso di specializzarmi. Sadomaso, umiliazioni, parafilia. Ma sono molto attenta nel selezionare i clienti: quando qualcuno viene da me per sfogare istinti violenti o per risolvere problemi psicologici, metto in chiaro che è nel posto sbagliato».

E gli affari le vanno bene? 

«Lavoro, ma non immaginatevi stipendi a quattro zeri. Ho un salario normale, più tutti i rischi del mestiere. La prostituzione oggi in Svizzera richiede inventiva e continuo rinnovamento. C'è molta concorrenza, chi non si rinnova è perduto»

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
LUGANO-MILANO
3 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
LUGANO
6 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
7 ore
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
FOTO E VIDEO
CANTONE
8 ore
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
NOVAGGIO
12 ore
Inverno deleterio per la sciovia Bedea, ma non si molla
L’impianto non ha aperto nemmeno un giorno. Ma di riconversione, per ora, non se ne parla
CANTONE
12 ore
Con il monopattino elettrico solo sulla strada, anche se è pericoloso
Anche la Polizia teme per la sicurezza stradale. Nel corso dell'anno alcune regole potrebbero cambiare
CAPOLAGO
13 ore
Il segreto dell'uomo che vola: «Restate umili anche in cielo»
Franco Kessel vanta diverse migliaia di voli e pratica ancora oggi il parapendio
CANTONE
21 ore
Coronavirus: attiva da domani la hotline ticinese  
Per informazioni e indicazioni è importante chiamare solo il numero 0800 144 144
VIDEO
BELLINZONA
22 ore
“Rabadan 2020, il film: tutto quello che non avete visto”
Ultimo omaggio video alla 157esima edizione del carnevale della Capitale. Dalle mascotte di Tio/20Minuti agli Eiffel 65
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile