Tipress
MASSAGNO
21.04.16 - 15:550
Aggiornamento : 17:23

Le mani del CISA sul Lux. Ecco come cambierà il vecchio cinema

Cinema d'autore e di qualità. Incontri e attività didattiche. Lo snack-bar gestito dal Grotto Valletta

MASSAGNO - Una nuova vita per il cinema Lux di Massagno, ma sempre all’insegna della programmazione di film d’autore. Il Conservatorio internazionale di scienze audiovisive (Cisa), che a partire dalla fine di questo mese prenderà a carico la conduzione della sala, ha presentato oggi il futuro del cinema, ridenominato Lux art house. E si parla di un cartellone che proporrà film del circuito commerciale attuale, pellicole d’autore e in lingua originale (per esempio quelli proposti dall’English Film Club o dagli Amigos de la lengua española) ma anche eventi particolari legati al dialogo tra il cinema con danza, teatro e musica.

L’attività segnata dalla nuova conduzione entrerà nel vivo già da maggio, con anteprime, ospiti e dibattiti, eventi speciali e rassegne. Ma poi durante la chiusura estiva la sala cinematografica si rinnoverà. I lavori prevedono, tra l’altro, la sostituzione della poltroncine e della dotazione, oltre al passaggio al digitale. E saranno pure installati nuovi proiettori in 35 mm, prelevati dall’ex cinema Cittadella. Per quanto riguarda gli altri spazi della struttura, l’atrio interno sarà adibito a snack-bar (l’offerta sarà gestita in appalto dal Grotto Valletta) e sarà arricchito con diverse teche, contenenti antiche macchine fotografiche e cineprese, libri con opere sul cinema, oggetti e gadget di film. Lo spazio, che sarà provvisoriamente inaugurato il prossimo 4 maggio e sarà completo per settembre, si ispira al bar-caffetteria del celebre Teatro 5 di Cinecittà.

La decisione di “rilevare” il cinema Lux, ha spiegato stamani il Cisa, è data dall’opportunità di programmazione di film d’autore e di qualità, di uso estensivo della sala (per esempio per l’organizzazione di incontri e attività didattiche) da ragioni strategiche e logistiche (sul terreno accanto al cinema dovrebbe sorgere la futura sede definitiva luganese del primo biennio della scuola), ma anche nella fattispecie dalle specifiche competenze che ivi si potrebbero sviluppare.

3 anni fa Maurice Nguyen, una vita dedicata alla passione per il cinema
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report