CHIASSO
05.02.16 - 08:040
Aggiornamento : 07.02.16 - 11:42

«Siamo sommersi da telefonate di genitori preoccupati»

Lauree slovene in Ticino, è caos: una cinquantina di studenti pronti a "intentare una class action".

CHIASSO - «Tranquilli, vi immatricoliamo. Intanto, cominciate a pagare». E loro hanno pagato. Decine di studenti (provenienti per lo più dall'Italia) erano stati rassicurati così dalla Ipus di Chiasso e ora, per riavere i loro soldi, sono decisi a intentare una class action contro l'istituto. In ballo ci sono centinaia di migliaia di franchi versati per le rette universitarie. Denaro che, in teoria, avrebbe dovuto servire ad immatricolare gli studenti all'estero. E che invece sarebbe finito nelle casse di Ipus. 

«Noi presi in giro» - Così almeno sostengono gli studenti. Sarebbero una cinquantina, per ora, ad avere aderito a un gruppo informale costituitosi nelle scorse settimane sul web. Ma «di giorno in giorno se ne aggiungono altri» spiega a  tio.ch/20minuti un portavoce del gruppo. «Abbiamo contattato diversi avvocati, siamo tutti nella stessa situazione e stiamo valutando la possibilità di una class action. Ci sentiamo presi in giro». 

«Ci telefonano ogni giorno» - La situazione è nota al Cantone: «Siamo sommersi dalle telefonate di studenti e genitori preoccupati che chiedono chiarezza» spiega Sandro Rusconi del Decs. «A tutti spieghiamo che i titoli di Ipus non sono riconosciuti dallo Stato svizzero e che, in assenza di una convenzione con un'università straniera, si tratterebbe di una truffa. Ma è tutto da dimostrare». Il meccanismo, già illustrato in precedenti articoli, è il seguente: Ipus, che in Svizzera non è riconosciuta come università, si appoggia un ateneo sloveno per erogare le lauree; gli studenti da Chiasso vengono iscritti all'università di Maribor, al confine con l'Ungheria, dove però non mettono mai piede, e al termine degli studi tornano in Italia con il diploma (sloveno) in tasca. O almeno dovrebbero.

Ipus si difende - Ma qualcosa è andato storto: gli studenti, rivoltisi all'università slovena per chiarimenti, si sono sentiti rispondere che «con Ipus non esiste alcuna convenzione». Il direttore di Ipus Vincenzo Amore rassicura: «Stiamo facendo tutto in regola, le immatricolazioni arriveranno nei tempi stabiliti, per alcuni entro marzo-aprile, e lo abbiamo spiegato chiaramente a tutti i nostri iscritti. Non abbiamo ingannato nessuno e i soldi versati vengono spesi per l'offerta didattica e i servizi agli studenti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CADEMPINO
1 ora
L'insalata era nell'orto
Il decreto di chiusura riguarda anche i negozi di piantine e sementi. Caminada: «L'orto come occasione per stare a casa»
CANTONE
1 ora
La replica di Regazzi: «l’MPS preferisce creare disoccupati»
Il consigliere nazionale reagisce agli attacchi: «Privilegiati? Il rischio di fallimenti a catena è del tutto reale»
CANTONE
6 ore
«Non è previsto per ora un lockdown come in Italia»
Il consigliere federale in diretta da Palazzo delle Orsoline. Ignazio Cassis a 360 gradi sull'emergenza in corso
CANTONE
7 ore
Coronavirus in Ticino: negli ospedali sono guarite 58 persone
Sono 415 le persone attualmente ricoverate nelle strutture dedicate alla cura dei pazienti Covid-19.
CANTONE
9 ore
Superati i cento morti in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore altre 125 persone sono risultate positive al Covid-19. Dodici i nuovi decessi
CANTONE
10 ore
Covid-19, i dubbi delle donne incinte
Intervista ad Andrea Papadia, primario in ginecologia e ostetricia presso l’ospedale Civico di Lugano (EOC)
CANTONE
12 ore
Coronavirus: Ermotti dona 1 milione di franchi per il Ticino
«La situazione è drammatica - sottolinea -. Ognuno dovrebbe almeno chiedersi se possa aiutare».
LUGANO
12 ore
«Ho dovuto rintanarmi in cantina»
Il diario scritto durante la quarantena: una famiglia bellinzonese contagiata, un 72enne intubato alla Carità
CANTONE
19 ore
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
23 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile