MENDRISIO
23.10.15 - 10:160

Ampliamento dell'Ospedale Beata Vergine, scelto il vincitore

MENDRISIO – Lo studio di architettura M. Gaggini di Lugano è il vincitore del concorso indetto dall’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) per l’ampliamento dell’Ospedale Beata Vergine (OBV) di Mendrisio, con l’edificazione di una nuova ala e l’estensione dell’autosilo. Lo ha stabilito all'unanimità la giuria, presieduta dal membro del Consiglio di Amministrazione dell’EOC Daniele Caverzasio.

La giuria ha individuato nel progetto presentato dallo studio luganese (complessivamente sono stati 38) la soluzione più adeguata da diversi punti di vista: inserimento urbanistico, coerenza architettonica, funzionalità e razionalità, efficienza economica, flessibilità e adattabilità in vista dei futuri sviluppi del contesto sanitario.

"La nuova ala" spiega l'EOC "costituisce un arricchimento per lo spazio pubblico antistante l’ospedale attuale. Si tratta di un elemento che non si pone in concorrenza con l’edificio principale, ma lo completa e nel contempo definisce l’ampio parco pubblico nel quale si inserisce. Il progetto scelto, con la sua precisa definizione del parco, potrà anche dare un contributo ai futuri progetti del Comune di Mendrisio per la sistemazione di Via Turconi".

Nel corso della seconda metà di gennaio del prossimo anno, il Mercato coperto di Mendrisio ospiterà un’esposizione con tutti i 38 progetti giunti dalla giuria. "Ciò permetterà alla popolazione di rendersi conto direttamente delle peculiarità di ciascuno dei progetti passati al vaglio degli esperti".

Il nuovo edificio, la cui entrata in servizio è prevista fra circa quattro-cinque anni, sorgerà sul terreno prospiciente l’attuale struttura. L’investimento massimo previsto è di 27,5 milioni di franchi per l’edificio e 5,5 milioni per l’autorimessa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 ora
La maestra resta... anzi no
Dietrofront dell'asilo per la docente accusata di maniere brusche. Non potrà rientrare fino a indagini concluse
LUGANO
1 ora
«Mediaset addio, e ora mi do ai fumetti in Ticino»
Luca Tiraboschi, per 13 anni direttore di Italia 1, ha scelto la Svizzera per ripartire: «Ora mi godo la famiglia»
CONFINE
12 ore
Coronavirus: deceduto il 62enne ricoverato a Como
Il 62enne di Castiglione d’Adda era stato trasferito nel reparto malattie infettive
LOCARNO
12 ore
Licenziamento illegittimo: «Il Municipio chieda scusa e reintegri l’operaio»
Per il TRAM il licenziamento di un dipendente è ingiustificato. Sirica: «Scandaloso da parte di un ente pubblico!»
CANTONE
15 ore
Coronavirus: arriva il test in Ticino
Nei prossimi giorni sarà possibile fare un esame specifico "in loco". «Prima o poi ci saranno casi anche da noi».
CANTONE
16 ore
Coronavirus, mascherine e disinfettanti introvabili anche in Ticino
Diverse farmacie del Luganese li avevano finiti già questa mattina. E non è dato sapere quando arriveranno nuove scorte
BERNA / TICINO
18 ore
Coronavirus: la Svizzera prende provvedimenti supplementari
Le misure dovranno servire ad impedire o ritardare il più possibile un'ondata della malattia nella Confederazione
FOTO E VIDEO
LOCARNO
19 ore
Schianto all'incrocio. Disagi e un ferito
Sul posto Polizia e un'ambulanza del Salva
FOTO
CANTONE
19 ore
Lugano 2040: ci sposteremo con droni e bus su richiesta
È una riflessione che si pone come punto di partenza per definire il futuro del nostro territorio
LUGANO
20 ore
Mettono in scena un incidente per truffare l'assicurazione
Quattro persone sono finite in manette. Una di loro deve rispondere pure di falsità in documenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile