Foto Ticinonline
+7
CHIASSO
09.10.15 - 19:440
Aggiornamento : 01.04.16 - 22:46

Via Odescalchi chiede aiuto

Disagio, disoccupazione, mancanza di prospettive. Il fatto di sangue di Chiasso riporta alla ribalta la realtà di un quartiere difficile. Il sindaco: "Presto incontro con il Cantone"

CHIASSO - Quando in Ticino si parla di periferie difficili, di degrado sociale legato a disoccupazione e povertà, si tende a relativizzare e si sorride pensando a certe realtà metropolitane del Vecchio Continente.

"Risse all'ordine del giorno" - Eppure, evitando in tutti i modi di paragonare via Odescalchi con Quarto Oggiaro o le banlieue parigine, in quella strada di Chiasso a ridosso del confine, il degrado visto non lascia indifferenti. A parlarci di disagio, di disperata quotidianità, di angoscia per il futuro dei propri figli sono stati proprio gli inquilini stessi della palazzina all'esterno della quale, giovedì sera, si è consumato il fatto di sangue di cui oggi hanno riferito tutti media ticinesi. Ci hanno riferito di di spaccio, di prostituzione, di risse che si consumano all'ordine del giorno nell'ormai indifferenza generale.

"Me ne voglio andare, lo voglio fare per i miei figli" - Abbandonati a loro stessi e, sempre stando a quanto ci hanno raccontato, costretti a vivere in quel posto, perché in assistenza. "Sono le autorità cantonali ad assegnarci questi appartamenti. Gli affitti vengono pagati dallo Stato". Una madre di famiglia ci racconta di volersene andare e di avere presentato una domanda al Comune recentemente. "L'ho fatta per i miei figli che vanno ancora a scuola. Crescere in questo posto non è il massimo della vita".

Nelle cantine i gabbiotti diventano giacigli per dormire - Questa mattina siamo scesi negli scantinati e nel parcheggio sotterraneo della palazzina. Come abbiamo già riferito in precedenza, quanto visto non ha nulla a che fare con gli standard elvetici di decoro e pulizia. La porta della lavanderia senza maniglie, gabbiotti delle cantine usati a mo' di giaciglio, materassi per terra. Nel garage sotterraneo, la rampa è inaccessibile. La polizia ha steso il nastro bianco e rosso e l'uscita risulta inaccessibile. Sotto il nastro una fila di carrelli della spesa che funge da barriera, mentre accanto ad essa una montagna di sacchi neri della spazzatura. L'odore di rifiuti pervade tutto il garage e si infiltra nelle cantine e nella lavanderia comune.

"Rifiuti gettati dalla finestra" - Una signora, da molti anni residente in uno degli appartamenti della palazzina, ci racconta addirittura di inquilini che "gettano rifiuti dalla finestra". E dando un'occhiata nella parte posteriore dello stabile, si notano, come abbiamo documentato, lattine di birra e pacchetti di sigarette vuoti sparsi per terra un po' ovunque. "Di sera qui dietro si riempie di gente che beve birra", ci racconta un'altra signora.

Via Odescalchi, quali miglioramenti? - Eppure anni fa le autorità chiassesi, sindaco in primis, avevano avviato una nuova politica volta a riqualificare l'arredo urbano per rilanciare l'attrattiva dei quartieri periferici di Chiasso, tra cui Via Odescalchi e via Soldini. Sfogliando un vecchio prospetto del PLR chiassese, tra i punti riguardanti i traguardi raggiunti durante la legislatura tra il 2008 e il 2012, vi era anche la "riqualifica del quartiere via Odescalchi". Passeggiando per la via è difficile trovare tracce di grandi miglioramenti. 

Il sindaco Colombo: "Ascensori rotti e non riparati, anziani bloccati in casa" - Moreno Colombo ha annunciato l'aumento dei controlli e la richiesta, insieme ai sindaci di Morbio Inferiore e di Vacallo, di un incontro con le autorità cantonali preposte per affrontare la problematica riguardante l'elevato numero di persone in difficoltà provenienti da un po' tutto il Cantone. Persone che, una volta arrivate a Chiasso, avanzano subito la richiesta di assistenza. "Anche Morbio e Vacallo cominciano ad avere palazzi pieni di queste persone", osserva il sindaco, che sottolinea lo sforzo del Comune per riportare decoro nel quartiere, reso vano da una situazione molto difficile e dal lassismo di chi dovrebbe occuparsi dell'amministrazione dello stabile di via Odescalchi. Il dito è puntato, infatti, contro il proprietario del palazzone in cui siamo stati, di cui abbiamo documentato il degrado e dove abitava la vittima della sparatoria. "Ci sono cittadini che abitano in quel palazzo - racconta Colombo - che mi telefonano dicendomi che devono stare in casa con il cappotto perché non sono accesi i caloriferi. I pompieri sono dovuti intervenire perché gli estintori non avevano ricevuto la manutenzione necessaria. Addirittura vi sono stati casi in cui gli ascensori sono rimasti rotti per lungo tempo senza che l'amministrazione si interessasse del problema. Alla fine sono dovuti intervenire i servizi di aiuto sociale del Comune per portare da mangiare agli anziani inquilini che, vista la loro età, non potevano muoversi". "Un'amministrazione - ha continuato Colombo - "che non adempie ai suoi compiti in modo tempestivo. Dovrebbe dimostrare una volontà di gestire in modo corretto un immobile che ha pochissimo valore locativo, ma che applica prezzi delle pigioni troppo alti, ossia il massimo che assegna il Cantone per chi è in assistenza. Io è da tempo che sto cercando di far capire alle autorità cantonali che non si possono assegnare le stesse somme uguali per tutto il territorio cantonale. 1.100 franchi di affitto in via Odescalchi sono troppi. Ma sono quei 1.100 franchi che il cantone assegna a tutto il cantone per una persona singola. Due locali in via Odescalchi a Chiasso non hanno lo stesso valore locativo che due locali in centro a Lugano".

Più cocaina qui che a Bogotà - Oggi, all'improvviso, via Odescalchi è di nuovo tornata prepotentemente agli onori della cronaca. E questa mattina c'è stato qualcuno che ce l'ha fatto notare, non senza un pizzico di polemica: "Qui c'è più cocaina che a Bogotà. Dovevate arrivare prima voi giornalisti, forse così facendo li avrebbero mandati via".

Foto Ticinonline
Guarda tutte le 11 immagini
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
No all'obbligo d'indossare la mascherina negli spazi chiusi
Norman Gobbi: «Non sarebbe stata una misura proporzionata visti i pochi casi che ci sono in Ticino»
CANTONE / ITALIA
3 ore
Riciclava soldi per il boss a Lugano
Sequestrati tre milioni di euro a un’avvocatessa di Milano legata al camorrista Vincenzo Guida.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Tra ritardi e Covid, festeggiamenti ridotti per la galleria del Ceneri
Venerdì 4 settembre l'inaugurazione ufficiale. Inizialmente erano previsti 650 ospiti, ma non sarà così
CANTONE
7 ore
Un nuovo caso di Covid-19 in Ticino, anche un ricovero in più
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'446. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BLENIO
11 ore
«Rilanceremo il cioccolato della Cima Norma»
Gastronomia e cultura. Ecco l’affascinante progetto di Abouzar Rahmani, 39 anni, imprenditore di Morcote.
CANTONE
11 ore
«Annunciarsi in ritardo è da furbi»
La hotline per chi rientra da paesi a rischio Covid lavora a pieno ritmo. Ma non mancano i problemi
BEDRETTO
17 ore
Moto completamente distrutta dalle fiamme
L'incendio si è sviluppato oggi attorno alle 21 sulla strada del Passo della Novena
FOTO
LOCARNO
18 ore
Il festival ai tempi del coronavirus: è cominciato Locarno 2020
La 73esima edizione è stata inaugurata stasera al GranRex. Fino al 15 agosto saranno proiettati 121 film (anche online)
BELLINZONA
1 gior
Con il martello dentro al Selecta
Qualcuno ha distrutto il vetro del distributore automatico, rubando parte del contenuto.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Centauro ferito in via Lugano
La moto si è scontrata con un'auto, per poi finire contro un altro veicolo che circolava in senso opposto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile