fotolia
CANTONE
21.07.15 - 16:010
Aggiornamento : 19:19

Caldo in auto? Attenzione, è come guidare ubriachi

Lo studio shock della casa automobilistica Seat. Ecco cosa fare

LUGANO - Nonostante il caldo non ci si può tirare indietro da quelle che sono le azioni quotidiane. Ma attenzione, mettersi alla guida di un'auto con 35 gradi di temperatura nell'abitacolo, può essere molto pericoloso. Quanto? Le reazioni, stando a uno studio - vengono rallentate e sono equivalenti a quelle di chi ha assunto alcol per un tasso di 0,5 grammi per litro di sangue. 

Questo allarme lo hanno lanciato i tecnici della Casa spagnola Seat che, in questi giorni di temperature record in tutta Europa, hanno diffuso i risultati di accurate ricerche effettuate assieme ad esperti del settore.

"Quando è molto caldo, la gente di solito presta attenzione ai consigli quando deve andare fuori di casa e camminare per strada - avverte Angel Suarez, ingegnere presso il Centro Tecnico Seat a Martorell - ma pochissimi sono consapevoli che è altrettanto importante seguire alcuni importanti regole durante la guida in condizioni di caldo intenso. Questo rischio - sottolinea Suarez - è equivalente alla guida da ubriachi".

Uno degli errori più comuni che i guidatori fanno quando si utilizza il climatizzatore è di non aerare correttamente la macchina prima di avviarla. "Se apriamo i finestrini per circa 30 secondi prima di accendere l'aria condizionata - consiglia Suarez - il picco iniziale di calore si dissipa da solo".

I tecnici Seat raccomandano anche di regolare il climatizzatore, se è previsto, sull'impostazione auto in modo che l'aria fresca venga distribuita uniformemente all'interno dell'abitacolo. Anche se fuori è molto caldo "non conviene impostare la temperatura sotto ai 21 gradi - spiega Suarez - in modo da non far aumentare il consumo di carburante".

E non dimentica di ricordare che per le auto vale la stessa regola per gli essere umani: sotto al solleone bisogna 'idratare' anche la macchina, controllando cioè che i livelli dell'olio e del liquido dell'impianto di raffreddamento siano a posto, così come devono essere verificate - a freddo - le pressioni di gonfiaggio dei pneumatici.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Qualche fiocco in pianura, attenzione alle strade
Meteo Svizzera mette in allerta per nuove nevicate tra venerdì e sabato e per strade sdrucciolevoli
CANTONE
11 ore
Il salario minimo è legge
Sarà compreso tra i 19.75 e i 20.25 franchi l'ora. Il Gran Consiglio ha approvato così la norma che concretizza "Salviamo il lavoro in Ticino"
LUGANO
11 ore
Dopo la segnalazione arrivano i «massi contro i gradassi»
In via Ligaino sono comparse delle grosse pietre che impediscono i parcheggi selvaggi
VACALLO / NEGGIO
13 ore
Materiale di voto spedito in ritardo: «Il Cantone faccia coraggiosamente ammenda»
Neggio e Vacallo reagiscono alle accuse di essere responsabili dei problemi legati al voto degli svizzeri all'estero
LUGANO
13 ore
«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»
Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB
CANTONE
15 ore
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
17 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
17 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
18 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
19 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile