Foto Tipress
+3
CANTONE
26.02.15 - 14:380
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Cessa lo sciopero alla Exten dopo l’intervento della Sadis

Raggiunto un primo accordo. Sospesi lo sciopero e le modifiche contrattuali volute dall'azienda

MENDRISIO - È stato necessario l’intervento di Laura Sadis nella sua funzione di Presidente dell’Ufficio cantonale di conciliazione per risolvere, almeno per ora, la dura battaglia che si è innescata da alcuni giorni tra la Exten SA e il sindacato UNIA Ticino/Moesa e i dipendenti.

Questa mattina si è svolta la riunione che ha permesso di arrivare a una proposta conciliativa con i seguenti punti concordati:

• Sospensione delle modifiche contrattuali dell’11-13 febbraio 2015

• Apertura immediata di una trattativa fra le parti e conclusione della stessa entro il 30 aprile 2015

• Cessazione immediata dello sciopero

• Impegno di Exten SA a non adottare alcuna azione nei confronti dei dipendenti che hanno partecipato allo sciopero e del sindacato UNIA

• Nomina di un consulente di fiducia per entrambe le parti che le accompagni nella presa di conoscenza della situazione economica dell’impresa e nell’identificazione di misure atte ad affrontarla

• Riconoscimento da parte del sindacato UNIA della necessità di adottare misure atte a contenere il costo del lavoro

• Entrata in vigore delle modifiche contrattuali, che sortiranno dalle trattative fra le parti, con effetto retroattivo al 1 marzo 2015 previo accordo fra le parti (sindacato UNIA, dipendenti e datore di lavoro).

• Qualora le parti non giungessero a identificare congiuntamente un consulente di fiducia entro venerdì 6 marzo 2015 la Presidente dell’UCC formulerà una proposta che dovrà essere accolta dalle parti.

L’azienda e il sindacato invieranno alla Sadis un rapporto congiunto entro metà maggio 2015 che indichi le misure decise.

 

Foto Tipress
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile