tipress
BELLINZONA
29.01.15 - 11:260
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Preleva 250 franchi, ma sbadatamente li lascia nel bancomat

Un cittadino onesto li recupera: "Ho provato a rincorrere la persona che aveva prelevato, ma non mi ha visto"

BELLINZONA - Preleva 250 franchi ma sbadatamente lascia i soldi nel bancomat. È accaduto questa mattina. A segnarlo è un nostro lettore che, uscendo dalla stazione di servizio Piccadilly di Via Franco Zorzi a Bellinzona attorno alle 7:44, ha visto una persona allontanarsi, dopo aver prelevato i soldi dal bancomat Raiffeisen.

"Ho sentito un suono dall'apparecchio e ho visto i soldi ancora nel vano di emissione. Erano 250 franchi. Voltandomi ho visto una persona che rapidamente stava salendo in auto. Pensando di riuscire a bloccarla, ho preso i soldi e le sono corso dietro, ma l'interessato ha avviato la macchina senza sentirmi né vedermi ed è quindi partito".

A questo punto il nostro lettore ha telefonato alla Raiffeisen: "Mi hanno suggerito di portare i soldi in banca a Bellinzona. Qui dopo una breve ricerca è stato appurato il prelievo dei 250 franchi e il numero di conto della persona che non è un cliente della Raiffeisen". I soldi sono stati consegnati presso la Banca Raiffeisen Bellinzonese e Visagno, dove possono essere ritirati.

Informazione di servizio - Come infomazione di servizio, segnalataci tra l'altro da una nostra lettrice che lavora in banca, va ricordato che quando qualcuno lascia i soldi in un bancomat, questo dopo qualche secondo li riprende a alla banca arriva un messaggio di denaro dimenticato. A questo punto é possibile riaccreditare l'importo al cliente, in base ai dati della sua carta. In questo modo é per tutti più facile e veloce. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile