fotolia
PREGASSONA
14.11.14 - 06:080
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Tre generazioni a caccia di fossili, di minerali e… di ragazzi

Sabato la 43° mostra organizzata dal club, 180 soci: 17 appartengono alla stessa famiglia. Ma i giovani sono sempre meno: "Per questo organizziamo corsi alle elementari"

PREGASSONA - Lui ci scherza su. "Come dico io, mi seguono per forza". Però è con soddisfazione che dà i numeri. "Siamo partiti in due, oggi siamo 17". Nel 1974, quando il club Cercatori minerali & fossili Ticino fu fondato, erano lui e la moglie. Adesso ci sono anche i quattro figli, i rispettivi coniugi, i sette nipoti: "Di 24 anni, 20, due di 14, 12, 11". Su 180 iscritti, fanno quasi il 10%.

Una famiglia di appassionati: succede, quando il capostipite è il presidente. Franco Brughera, 89 anni e la stessa voglia di un tempo di cercare con scalpello e mazza, non si rassegna all’evidenza. "Soltanto qualche anno fa, i ragazzi erano molti di più". Organizza corsi in 22 scuole elementari del Ticino, sei lezioni complessive, per provare a trasmettere entusiasmo e conoscenza. "Dodici, massimo 15 allievi per volta. E sì, trovo persone molto interessate. Ma poi...". Poi sono pochi quelli che partecipano alle escursioni, che diventano membri attivi. "E pensare che il Ticino è una delle zone più ricche della Svizzera".

Presidente, come mai?
"Oggi i ragazzi hanno molte più alternative di una volta. Preferiscono dedicarsi allo sport. Guardiamo solo quanti allievi ha il calcio. Un’attività che può anche diventare una fonte di guadagno".

Anche i minerali hanno mercato
"Vero. E quando lo capiscono, qualcuno inizia a cercare per far soldi. Ma non è questo lo spirito dell’associazione. Il nostro scopo è lo studio, la ricerca".

Argomenti poco attraenti?
"Loro mostrano anche dell’interesse sincero. Ma poi ci sono i genitori. Molti non amano la montagna. Meglio le gite sul lago, dicono".

Non sarà anche che la montagna fa un po’ di paura?
"Senza dubbio. Le escursioni sono faticose. E la montagna è ricca di pericoli. Bisogna conoscerla bene prima di partire. Al di sotto dei 15 anni, non si può partecipare se non si è accompagnati. Fortunatamente, di incidenti gravi in Ticino se ne contano pochissimi, a differenza della Svizzera interna".

Cosa deve sapere chi vuol diventare cercatore?
"Anzitutto, è fondamentale la conoscenza del territorio: che cosa c’è nel sottosuolo. Tutti conosciamo la natura che sta sopra, ma ignoriamo quella nascosta. Poi insegno la storia, parlo delle pietre grezze, dei minerali, l’oro, i meteoriti. Anche la geometria è importante, la chimica e la fisica, ma sono materie che non funzionano coi giovani. Porto i minerali: perché a un ragazzo non basta ascoltare, deve anche toccare con mano. Faccio una panoramica generale che permette di capire chi è davvero portato".

E quando trova qualcuno, che cosa fa?
"Spero che continui. Ma se non accade, aspetto. Faccio in modo di andare a recuperarlo quando avrà 16-17 anni. Tengo il nominativo e lo ricontatto".

L’ultimo ragazzo che si è iscritto?
"Non saprei. Ma c’è viene alle escursioni. Vent’anni, non di meno: sono ancora ragazzi?"

E le donne?
"Poche. Ma le mogli accompagnano i mariti".

Scuole?
"Qui non ce ne sono. Bisogna andare in Svizzera interna. I professori neanche vogliono portare gli alunni al museo del monte San Salvatore. Purtroppo è più visitato dalle scuole d’Oltralpe che da quelle ticinesi".

Qualche altra idea per provare a coinvolgere le giovani leve?
"Ho cominciato ad applicarmi alle diapositive 3D. Sono molto apprezzate, soprattutto all’estero".

Quanti visitatori si aspetta alla mostra?
"Anni fa era molto più attrattiva. Arrivavano anche 1 200 persone. Oggi 700, 800".

Perché venire a vedere la 43a edizione?
"Perché ognuna è diversa dall’altra. Quest’anno ci saranno 38 espositori. Ci sarà una vetrina con i fossili, un’altra di pietre preziose, il sabato dalle 10 alle 18 e domenica fino alle 17, al capannone delle feste di Pregassona. Sarà una mostra mercato".

Lei cosa venderà?
"Io non vendo. Ho impiegato anni a raccogliere minerali, non voglio certo liberarmene".

TOP NEWS Ticino
LUGANO / ITALIA
3 ore

Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli

Il discusso stabilimento Whirlpool nel capoluogo campano verrà ceduto alla Prs, una "misteriosa" società con sede sul Ceresio. Che promette di mantenere tutti gli impieghi

CANTONE
6 ore

Abusi al Dss: la nomina fa discutere

Il governo propone ai vertici dell'Azienda cantonale dei rifiuti un ex funzionario coinvolto in uno scandalo sessuale. Dadò invoca un'inchiesta parlamentare

FOTO
CANTONE
7 ore

Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione

Positiva la collaborazione tra la colonna di soccorso di Bellinzona e l'unità cinofila SAS

CONFINE / SVIZZERA
9 ore

Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet

L'anziano è rimasto con in mano un pugno di mosche, e una valigetta piena di denaro falso

BELLINZONA
12 ore

Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»

Numerose segnalazioni tra Muralto e Brissago. Il Dipartimento del territorio tranquillizza: «Non si tratta di inquinamento, ma di alghe che risalgono in superficie»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile