LOCARNO
03.04.12 - 07:370
Aggiornamento : 10.11.14 - 03:59

Violenza contro la sede del Partito Comunista

LOCARNO - La sezione locarnese del Partito Comunista (PC) ha subito, nel corso della notte precedente la domenica elettorale, un attacco vandalico ai danni della sede regionale: una finestra infranta a sassate e la serratura della porta d'ingresso danneggiata.

A denunciare l'atto vandalico è lo stesso Partito Comunista. "Simili comportamenti criminali - scrive il partito in unanota stampa - non possono essere giustificati in alcun modo. Bisogna bensì prendere coscienza dei pericoli portati dal divampare del razzismo, della xenofobia e dei gruppi di estrema destra".

Per il Pc si tratta di un gesto intimidatorio e pertanto a sfondo politico. "Quanto accaduto - viene fatto notare -  non va assolutamente banalizzato, soprattutto considerando il crescente clima di intolleranza in Ticino. Proprio a Locarno si è infatti tenuta di recente una manifestazione anti-razzista, in cui il PC era tra i principali sostenitori".

 

TOP NEWS Ticino
VIDEO
LOCARNO
4 ore

Rotonda tranquilla... tranne un fermo da action movie

Un ragazzo bloccato al suolo da quattro agenti della sicurezza. Il video del fermo solleva interrogativi sulla proporzionalità dell'intervento

FOTO E VIDEO
LUGANO
6 ore

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
6 ore

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
8 ore

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
10 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile