TICINO/SVIZZERA
05.12.11 - 12:280
Aggiornamento : 23.11.14 - 14:25

PISA 2009, Ticino negli ultimi posti. "Colpa del carico eccessivo"

Il direttore del DECS Bertoli giustifica i risultati degli allievi ticinesi

BERNA - Se in matematica, lettura e scienze naturali gli allievi svizzeri si difendono più che egregiamente nel confronto internazionale, un'analisi dei risultati a livello nazionale del test PISA 2009 lascia intravvedere differenze, talvolta marcate, tra i vari cantoni.

È quanto emerge dalle conclusioni dell'indagine PISA 2009 - i cui risultati nazionali sono già stati diffusi - a livello cantonale pubblicati oggi dai Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE). Il Ticino aveva messo a disposizione 1100 allievi di IV media (nono anno di scuola obbligatoria). Nella sua nota odierna la CDPE mette in guardia tuttavia dal trarre conclusioni affrettate, ossia dalla tendenza a voler distinguere tra buoni e cattivi: sovente, infatti, gli scarti tra i cantoni sono statisticamente poco rilevanti.

In generale, rispetto a PISA 2000, si è verificato una calo degli allievi deboli in lettura (dal 18,3% al 14,8% nel 2009) e un miglioramento delle competenze dei ragazzi "con background migratorio". Tale flessione è particolarmente netta nella Svizzera tedesca (-5%). Quanto ai figli di immigrati, le differenze sono diminuite in modo statisticamente significativo nella Svizzera tedesca (-23 punti) e in Ticino (-38 punti).

Nella graduatoria, quanto a competenza di lettura, il Ticino si piazza ultimo con 485 punti, su una media nazionale di 502 punti. Stando a una nota del Dipartimento cantonale ticinese dell'educazione, della cultura e dello sport, tale scarto per i ricercatori è di entità ridotta e, in parte, motivato dalla più giovane età degli allievi ticinesi - 15,1 anni in media contro 15,9 anni - rispetto agli allievi degli altri cantoni. La media ticinese è anche inferiore a quella dei Paesi OCSE (493), l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo in Europa.

I Ticinesi sono penultimi in matematica con 518 punti, risultato pur sempre superiore alla media internazionale, fa notare il dipartimento diretto dal consigliere di stato Manuele Bertoli. Circa la competenza in scienze naturali, la media svizzera è di 517 punti (OCSE 501). In questo ambito, il Ticino si piazza terz'ultimo nella graduatoria con 493 punti. Per quanto riguarda il cantone a Sud delle Alpi, rispetto al 2000 i risultati in lettura confermano una sostanziale stabilità. Sono migliorate invece le competenza in matematica (+9 punti), mentre si è verificata una flessione in scienze naturali (-8 punti).

Uno degli aspetti - già noto in verità - che risalta dai risultati è l'influsso, particolarmente marcato in Svizzera, della condizione sociale sulle prestazioni degli allievi, specie in lettura. In Ticino tale divario è assai contenuto, mentre è molto più marcato nella Svizzera tedesca e francese. In generale, a Sud delle Alpi "la differenza tra gli allievi più forti e quelli più deboli risulta piuttosto contenuta", specifica il comunicato del Dipartimento dell'educazione ticinese. I risultati PISA 2009 confermano "il principio integrativo proprio della scuola ticinese", nonché il posizionamento della Svizzera italiana dopo le due altre regioni linguistiche.

Bertoli ha dichiarato all'ats che l'aspetto integrativo della scuola ticinese è apprezzato dalla popolazione. A suo avviso, le prestazioni inferiori degli allievi ticinesi si possono spiegare anche col carico scolastico non indifferente cui sono sottoposti i ragazzi: tedesco, francese e inglese sono per esempio materie obbligatorie che potrebbero influenzare negativamente le prestazioni in altre discipline.

Ats

7 anni fa Studenti ticinesi meno intelligenti di quelli svizzeri, ma più di quelli europei
Commenti
 
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Verso le origini del blues

Presentata la 31esima edizione di Blues to Bop, in programma dal 29 agosto al 1. settembre a Lugano, nelle piazze Cioccaro, San Rocco e Riforma. E con la consueta chiusura a Morcote (Piazza Granda)

VOGORNO
3 ore

L’effetto Bond non cessa: alla diga per imitare 007

La struttura verzaschese resta meta di piccole e grandi produzioni cinematografiche e televisive. Riuscendo, nel contempo, ad attirare nuovi turisti in Ticino. Il video tra temerari e curiosi

CANTONE
6 ore

Ogni giorno un ticinese viene colpito da clamidia

Sono 182 i casi dall'inizio dell'anno. Il medico cantonale: «La diagnosi precoce è importante, così come sottoporsi a trattamento»

LOCARNO
7 ore

Record di pubblico per Moon&Stars2019

Sono stati 60'000 gli spettatori di Piazza Grande. Oltre 130'000 persone per Food & Music Street

LOCARNO
7 ore

Chi ha guidato l'auto della Aguilera?

Botta e risposta tra Moon&Stars, la Polizia comunale e alcuni autisti privati locarnesi, arrabbiati per essere stati «esclusi»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile