TICINO/SVIZZERA
05.12.11 - 12:280
Aggiornamento : 23.11.14 - 14:25

PISA 2009, Ticino negli ultimi posti. "Colpa del carico eccessivo"

Il direttore del DECS Bertoli giustifica i risultati degli allievi ticinesi

BERNA - Se in matematica, lettura e scienze naturali gli allievi svizzeri si difendono più che egregiamente nel confronto internazionale, un'analisi dei risultati a livello nazionale del test PISA 2009 lascia intravvedere differenze, talvolta marcate, tra i vari cantoni.

È quanto emerge dalle conclusioni dell'indagine PISA 2009 - i cui risultati nazionali sono già stati diffusi - a livello cantonale pubblicati oggi dai Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE). Il Ticino aveva messo a disposizione 1100 allievi di IV media (nono anno di scuola obbligatoria). Nella sua nota odierna la CDPE mette in guardia tuttavia dal trarre conclusioni affrettate, ossia dalla tendenza a voler distinguere tra buoni e cattivi: sovente, infatti, gli scarti tra i cantoni sono statisticamente poco rilevanti.

In generale, rispetto a PISA 2000, si è verificato una calo degli allievi deboli in lettura (dal 18,3% al 14,8% nel 2009) e un miglioramento delle competenze dei ragazzi "con background migratorio". Tale flessione è particolarmente netta nella Svizzera tedesca (-5%). Quanto ai figli di immigrati, le differenze sono diminuite in modo statisticamente significativo nella Svizzera tedesca (-23 punti) e in Ticino (-38 punti).

Nella graduatoria, quanto a competenza di lettura, il Ticino si piazza ultimo con 485 punti, su una media nazionale di 502 punti. Stando a una nota del Dipartimento cantonale ticinese dell'educazione, della cultura e dello sport, tale scarto per i ricercatori è di entità ridotta e, in parte, motivato dalla più giovane età degli allievi ticinesi - 15,1 anni in media contro 15,9 anni - rispetto agli allievi degli altri cantoni. La media ticinese è anche inferiore a quella dei Paesi OCSE (493), l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo in Europa.

I Ticinesi sono penultimi in matematica con 518 punti, risultato pur sempre superiore alla media internazionale, fa notare il dipartimento diretto dal consigliere di stato Manuele Bertoli. Circa la competenza in scienze naturali, la media svizzera è di 517 punti (OCSE 501). In questo ambito, il Ticino si piazza terz'ultimo nella graduatoria con 493 punti. Per quanto riguarda il cantone a Sud delle Alpi, rispetto al 2000 i risultati in lettura confermano una sostanziale stabilità. Sono migliorate invece le competenza in matematica (+9 punti), mentre si è verificata una flessione in scienze naturali (-8 punti).

Uno degli aspetti - già noto in verità - che risalta dai risultati è l'influsso, particolarmente marcato in Svizzera, della condizione sociale sulle prestazioni degli allievi, specie in lettura. In Ticino tale divario è assai contenuto, mentre è molto più marcato nella Svizzera tedesca e francese. In generale, a Sud delle Alpi "la differenza tra gli allievi più forti e quelli più deboli risulta piuttosto contenuta", specifica il comunicato del Dipartimento dell'educazione ticinese. I risultati PISA 2009 confermano "il principio integrativo proprio della scuola ticinese", nonché il posizionamento della Svizzera italiana dopo le due altre regioni linguistiche.

Bertoli ha dichiarato all'ats che l'aspetto integrativo della scuola ticinese è apprezzato dalla popolazione. A suo avviso, le prestazioni inferiori degli allievi ticinesi si possono spiegare anche col carico scolastico non indifferente cui sono sottoposti i ragazzi: tedesco, francese e inglese sono per esempio materie obbligatorie che potrebbero influenzare negativamente le prestazioni in altre discipline.

Ats

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
SVIZZERA
4 ore
Ripartono le funivie, ma sono gli zoo a fare il boom di visitatori nel primo giorno di riapertura
Una lunga fila si è formata davanti allo Zoo di Zurigo questa mattina, in attesa dell'entrata.
BELLINZONA
7 ore
«No al razzismo», si manifesta anche a Bellinzona
Tanti gli slogan scanditi e raffigurati sui cartelloni branditi dai manifestanti
FOTOGALLERY
LUGANO
8 ore
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
10 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
10 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
14 ore
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
16 ore
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
1 gior
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
1 gior
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
1 gior
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile